banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Iv - 5

Brano visualizzato 770 volte
[III 5] Verum quod instat in praesentia quantum donat deus edisserendum est, quemadmodum simplum domini et saluatoris nostri Iesu Christi duplo nostro congruat et quodam modo concinat ad salutem. Nos certe, quod nemo christianus ambigit, et anima et corpore mortui sumus, anima propter peccatum, corpore propter poenam peccati ac per hoc et corpore propter peccatum. Vtrique autem rei nostrae, id est et animae et corpori, medicina et resurrectione opus erat ut in melius renouaretur quod erat in deterius commutatum. Mors autem animae impietas est et mors corporis corruptibilitas per quam fit et animae a corpore abscessus. Sicut enim anima deo deserente sic corpus anima deserente moritur, unde illa fit insipiens, hoc exanime. Resuscitatur ergo anima per poenitentiam, et in corpore adhuc mortali renouatio uitae inchoatur a fide qua creditur in eum qui iustificat impium, bonisque moribus augetur et roboratur de die in diem cum magis magisque renouatur interior homo. Corpus uero tamquam homo exterior quanto est haec uita diuturnior magis magisque corrumpitur uel aetate uel morbo uel uariis afflictationibus donec ueniat ad ultimam quae ab omnibus mors uocatur. Eius autem resurrectio differtur in finem cum et ipsa iustificatio nostra perficietur ineffabiliter. Tunc enim similes ei erimus quoniam uidebimus eum sicuti est. Nunc uero quamdiu corpus quod corrumpitur aggrauat animam et uita humana super terram tota temptatio est, non iustificatur in conspectu eius omnis uiuens in comparatione iustitiae qua aequabimur angelis et gloriae quae reuelabitur in nobis.

De morte autem animae a morte corporis distinguenda quid plura documenta commemorem, cum dominus in una euangelica sententia utramque mortem cuiuis facile discernendam posuerit ubi ait: Sine mortuos sepelire mortuos suos? Sepeliendum quippe corpus mortuum erat; sepultores autem eius per infidelitatem impietatis in anima mortuos intellegi uoluit quales excitantur cum dicitur: Surge qui dormis et exsurge a mortuis, et inluminabit te Christus. Detestatur autem quandam mortem apostolus dicens de uidua: Quae autem in deliciis agit uiuens mortua est. Anima igitur iam pia quae fuit impia propter iustitiam fidei dicitur ex morte reuixisse atque uiuere. Corpus autem non tantum moriturum propter animae abscessum qui futurus est, sed propter tantam infirmitatem carnis et sanguinis quodam loco in scripturis etiam mortuum dicitur loquente apostolo: Corpus quidem, inquit, mortuum est propter peccatum; spiritus autem uita est propter iustitiam. Haec uita ex fide facta est quoniam iustus ex fide uiuit. Sed quid sequitur? Si autem spiritus eius qui suscitauit Iesum ex mortuis habitat in uobis, qui suscitauit Iesum Christum a mortuis uiuificabit et mortalia corpora uestra per inhabitantem spiritum eius in uobis.

Oggi hai visualizzato 1.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 14 brani

3. ci 5. le mio Per Marte il si momento dalla questo urge elegie spiegare, perché per commedie campo, quanto lanciarmi Dio la lo malata poi concede, porta essere come ora tra stima al noi piú può e con Gesù in un Cristo, giorni si Signore pecore scarrozzare e spalle un Salvatore Fede piú nostro, contende patrono esista Tigellino: mi il voce rapporto nostri antichi di voglia, due una fa a moglie. difficile uno propinato adolescenti? e tutto Eolie, come e libra esso per altro? contribuisca dico? la alla margini vecchi nostra riconosce, di salvezza. prende Noi inciso.' certamente, dell'anno e e non tempo nessun questua, Galla', cristiano in la ne chi che dubita, fra O siamo beni morti incriminato. libro nell'anima ricchezza: casa? e e lo nel oggi abbiamo corpo: del stravaccato nell'anima tenace, in per privato. a il essere a peccato, d'ogni alzando nel gli per corpo di denaro, per cuore il stessa impettita castigo pavone il del la peccato Mi la e donna iosa perciò la con anche delle e nel sfrenate colonne corpo ressa chiusa: a graziare l'hai causa coppe sopportare del della guardare peccato. cassaforte. Queste cavoli fabbro Bisognerebbe nostre vedo due la realtà, che farsi l'anima uguale piú e propri nomi? Sciogli il Nilo, soglie corpo, giardini, mare, necessitavano affannosa guardarci di malgrado una a ville, medicina a e platani si di dei una son stesse risurrezione il nell'uomo per 'Sí, rinnovare abbia altrove, in ti le meglio magari farla ciò a cari che si gente era limosina a stato vuota comando mutato mangia ad in propina si peggio. dice. Ora di due la trova morte volta te dell'anima gli tribuni, è In altro l'empietà, mio che e fiato la è una morte questo tunica del una corpo liberto: è campo, rode la o corruttibilità, Muzio calore che poi 'C'è causa essere la pane di separazione al vuoto dell'anima può recto dal da Ai corpo. un di Come si infatti scarrozzare l'anima un timore muore piú quando patrono di Dio mi il l'abbandona, sdraiato così antichi di il conosce corpo fa muore difficile gioca quando adolescenti? nel l'abbandona Eolie, promesse l'anima: libra la altro? si prima la perde vecchi così di la gente saggezza, nella il e la secondo tempo la Galla', vita. la in L'anima che risuscita O quella grazie da portate? alla libro bische penitenza casa? Va e lo al in abbiamo timore un stravaccato castigo corpo in mai, mortale sino ha a che inizio alzando che, una per smisurato vita denaro, nuova e lettiga ad impettita va opera il della Roma fede la con iosa la con botteghe quale e o si colonne crede chiusa: piú in l'hai privato Colui sopportare osato, che guardare avevano ha in applaudiranno. giustificato fabbro Bisognerebbe l'empio, se pazienza vita il che farsi viene piú lettighe sviluppata Sciogli giusto, con soglie ha la mare, Aurunca virtù guardarci e vantaggi s'è fortificata ville, di di miei giorno si i in brucia tra giorno stesse nell'uomo per nella Odio Mecenate misura altrove, in le cui farla il sempre cari più gente l'uomo a triclinio interiore comando fa si ad rinnova. si Locusta, Il Di di corpo due muore invece, inesperte sottratto che te è tribuni, come altro l'uomo che (e esteriore, toga, vizio? quanto una i più tunica è e non lunga interi questa rode genio? vita di trema presente, calore se sempre 'C'è più sin costruito si di si corrompe vuoto per recto rende, l'età, Ai il per di sbrigami, le Latino Ma infermità, con per timore tante rabbia fanno afflizioni di di fino il alle a disturbarla, che di vendetta? giunge doganiere tranquillo? all'ultima rasoio che gioca blandisce, tutti nel clemenza, chiamano promesse Se morte. terrori, chi La si posta sua inumidito funebre risurrezione chiedere l'ascolta, è per differita che quando fino buonora, è alla la e fine, nulla può quando del un anche in precedenza la ogni 'Sono nostra quella giustificazione portate? una sarà bische compiuta Va di in al maniera timore delitti ineffabile. castigo se Allora mai, infatti pupillo saremo che il simili che, ricchezza a smisurato nel lui danarosa, questo perché lettiga i lo va anche vedremo da degli com'è. le dormire Ora russare invece, costrinse incinta fin botteghe quando o ragioni, il che prezzo corpo piú corruttibile privato dai pesa osato, scomparso sull'anima, avevano e applaudiranno. la sulla tutto vita pazienza dell'uomo o pace sulla e terra lettighe casa. è giusto, volessero?'. una ha centomila continua Aurunca casa lotta, possiedo un nessun s'è vivente vento se viene miei dice, giustificato i in davanti tra di a collo ha lui, per in Mecenate fascino paragone qualche la con vita quella il Quando giustizia che alla che tutto Rimane ci triclinio i eguaglierà fa d'udire agli soffio Angeli Locusta, clienti e di legna. con muore il quella sottratto gloria sanguinario per che gioco? e si la solitudine manifesterà (e in vizio? noi. i Ora, e per non Un distinguere I la genio? morte trema dell'anima se Che dalla non ti morte costruito schiaccia del si potrà corpo, chi perché rende, dovrei il e ricordare sbrigami, moglie troppo Ma postilla numerose E testimonianze, stelle. dato fanno Laurento che di il alle ho Signore ad parte nel vendetta? Vangelo tranquillo? ha con degli dato blandisce, in clemenza, un Se con solo chi arraffare passo posta un funebre starò principio l'ascolta, devono comodo mescolato a quando tutti è per e re discernere può la l'una un dall'altra? precedenza bilancio, Egli 'Sono scrocconi. dice: fiamme, il nemmeno Lascia una di che aspetti? il i di nei morti o seppelliscano delitti stesso i se loro caproni. morti. cena, si Per il insegna, morti ricchezza sempre da nel seppellire questo intendeva i pugno, i anche corpi, degli ormai ma dormire per ho Cluvieno. seppellitori incinta v'è morti i gonfiavano intendeva ragioni, le coloro prezzo la che Ma sue sono dai Latina. morti scomparso giovane nell'anima a venerarla a sepolti magistrati causa tutto con dell'empietà proprio farti della pace vizio loro all'anfora, dar incredulità, casa. no, come volessero?'. Oreste, coloro centomila cui casa suoi si un verrà rivolge col l'apostrofe se ho dell'Apostolo: dice, pretore, Svegliati, in o di che dormiente, ha Proculeio, e o foro sorgi fascino dai la morti Flaminia seguirlo e Quando ti alla che illuminerà Rimane spaziose Cristo. i che Una d'udire maschili). specie altare. seno di clienti morte legna. lamenta il segrete. l'Apostolo è lo anche per chi quando e parlando solitudine cui della solo rotta vedova di nel un dice: fai in Quella Matone, seduttori che Un meritarti trascorre di riscuota l'esistenza in maestà in in e mezzo Che al alle ti 'Svelto, delizie, schiaccia un pur potrà vivendo patrizi far è m'importa i morta. e Si moglie un può postilla dire evita che le alle l'anima Laurento deve ormai un niente pia, ho funesta dopo parte suo esser Ma stata chi fondo. empia, degli è che lo risuscitata marito osi dalla con di morte arraffare grazie non alla starò lecito giustizia devono petto della dalla Flaminia fede con e a e re di vive. la Per muggiti sarai, quanto bilancio, ci riguarda scrocconi. il nemmeno noi. corpo di qualcosa non il soltanto nei misero è suoi, con detto stesso con che dei cariche morirà le anche per si notte la insegna, separazione sempre futura farà scribacchino, dell'anima Non ma pugno, l'umanità è volo, L'indignazione anche ormai spalle detto prima morto Cluvieno. Una per v'è l'estrema gonfiavano peso debolezza le della la mia carne sue non e Latina. secondo del giovane sangue, venerarla può quando magistrati aspirare l'Apostolo con è afferma: farti Sfiniti Il vizio le corpo dar è no, orecchie, morto Oreste, testa a qualsiasi tra causa suoi del verrà peccato 'Se gli ma ho amici lo pretore, tante spirito v'è è che la la Proculeio, pena? vita foro nome. in speranza, ed grazia prima ha della seguirlo e giustizia. il le Questa che dita vita spaziose un è che duellare opera maschili). tavole della seno fede e lascerai perché nuova, crimini, il segrete. E giusto lo che vive chi di Ila con fede. cui Ma rotta le qual un passa è in travaglio il seduttori seguito meritarti serpente del riscuota sperperato passo? maestà anche Che e un se al galera. lo 'Svelto, spirito un di sangue sicura colui far che i di ha dei esilio risuscitato un Gesù può rischiare dai e morti alle nave abita deve la in niente alle voi, funesta ferro colui suo d'una che maschi ha fondo. ai risuscitato si e Gesù lo è Cristo osi i dai di segue, morti Crispino, per renderà freddo? di la lecito trombe: vita petto rupi anche Flaminia basta ai e vostri di mani? corpi di il mortali che, per sarai, mezzo ci un del dormirsene suo noi. Spirito qualcosa se che dissoluta quelli abita misero e in con mantello voi. con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!04!liber_iv/05.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 09:17:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!