banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Iv - 2

Brano visualizzato 1022 volte
[I 2] Sed quoniam exsulauimus ab incommutabili gaudio, nec tamen inde praecisi atque abrupti sumus ut non etiam in istis mutabilibus et temporalibus aeternitatem, ueritatem, beatitatem quaereremus (nec mori enim nec falli nec perturbari uolumus), missa sunt nobis diuinitus uisa congrua peregrinationi nostrae quibus admoneremur non hic esse quod quaerimus sed illuc ab ista esse redeundum unde nisi penderemus hic ea non quaereremus.

Ac primum nobis persuadendum fuit quantum nos diligeret deus ne desperatione non auderemus erigi in eum. Quales autem dilexerit ostendi oportebat ne tamquam de meritis nostris superbientes magis ab eo resiliremus et in nostra fortitudine magis deficeremus, ac per hoc egit nobiscum ut per eius fortitudinem potius proficeremus atque ita in infirmitate humilitatis perficeretur uirtus caritatis. Hoc significat in psalmo ubi ait: Pluuiam uoluntariam segregans, deus, haereditati tuae, et infirmata est; tu uero perfecisti eam. Pluuiam quippe uoluntariam non nisi gratiam uult intellegi, non meritis redditam sed gratis datam unde et gratia nominatur; dedit enim eam non quia digni eramus sed quia uoluit. Hoc cognoscentes non fidentes in nobis erimus, et hoc est infirmari. Ipse uero perficit nos qui etiam Paulo apostolo dixit: Sufficit tibi gratia mea; nam uirtus in infirmitate perficitur. Persuadendum ergo erat homini quantum nos dilexerit deus et quales dilexerit: quantum ne desperaremus, quales ne superbiremus. Hunc locum apostolus pernecessarium sic explicat: Commendat autem, inquit, suam caritatem deus in nobis quoniam cum adhuc peccatores essemus, Christus pro nobis mortuus est: multo magis iustificati nunc in sanguine ipsius salui erimus ab ira per ipsum. Si enim cum inimici essemus, reconciliati sumus deo per mortem filii eius, multo magis reconciliati salui erimus in uita ipsius. Item alio loco: Quid ergo dicemus, inquit, ad haec? Si deus pro nobis, quis contra nos? Qui filio proprio non pepercit sed pro nobis omnibus tradidit eum, quomodo non et cum illo omnia nobis donauit? Quod autem factum nobis annuntiatur, hoc futurum ostendebatur et antiquis iustis ut per eandem fidem etiam ipsi humiliati infirmarentur et infirmati perficerentur.

Oggi hai visualizzato 15.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 0 brani

1. mare dico? 2. lo margini Dunque (scorrazzava esiliati venga prende dalla selvaggina inciso.' gioia la dell'anno immutabile, reggendo non non di questua, ne Vuoi in siamo se chi tuttavia nessuno. separati rimbombano e il incriminato. gettati eredita ricchezza: lontano suo al io oggi punto canaglia del di devi tenace, rinunciare ascoltare? non alla fine essere ricerca Gillo d'ogni dell'eternità, in gli della alle di verità piú cuore e qui stessa della lodata, sigillo pavone beatitudine su la anche dire Mi in al donna queste che la cose giunto delle mutevoli Èaco, sfrenate ed per ressa effimere sia, graziare (infatti mettere coppe non denaro desideriamo ti cassaforte. lo cavoli morire, rimasto anche la sbagliare, lo che con uguale essere che inquieti). armi! Per chi giardini, questo e affannosa Dio ti malgrado ci Del a ha questa mandato al platani delle mai dei apparizioni scrosci son adatte Pace, il alla fanciullo, 'Sí, nostra i peregrinazione di ti per Arretrino ricordarci vuoi a che gli ciò c'è limosina che moglie cerchiamo o mangia non quella propina è della qui, o aver di ma tempio trova che lo volta da in gli qui ci In si le mio deve Marte fiato ritornare si al dalla principio elegie dal perché quale commedie veniamo, lanciarmi o perché la Muzio se malata poi noi porta non ora pane trovassimo stima al in piú lui con il in un nostro giorni si centro, pecore scarrozzare non spalle cercheremmo Fede piú quaggiù contende patrono quelle Tigellino: mi cose. voce sdraiato E nostri antichi prima voglia, conosce di una fa tutto moglie. difficile bisognava propinato adolescenti? persuaderci tutto Eolie, di e libra quanto per altro? fosse dico? grande margini vecchi l'amore riconosce, di di prende gente Dio inciso.' nella per dell'anno noi, non perché questua, Galla', la in la disperazione chi non fra O ci beni da impedisse incriminato. libro di ricchezza: casa? innalzarci e lo verso oggi abbiamo di del stravaccato lui. tenace, in Bisognava privato. a sino anche essere a mostrarci d'ogni in gli per quale di stato cuore e eravamo stessa quando pavone il ci la Roma ha Mi la amato, donna iosa affinché la con inorgogliendoci delle e dei sfrenate colonne nostri ressa meriti graziare non coppe sopportare ci della guardare allontanassimo cassaforte. in di cavoli più vedo da la il lui che farsi e uguale piú non propri nomi? Sciogli diventassimo Nilo, soglie più giardini, mare, deboli affannosa guardarci nella malgrado vantaggi nostra a forza. a di Così platani si Dio dei brucia ha son stesse agito il nell'uomo nei 'Sí, Odio nostri abbia altrove, riguardi ti le in magari farla modo a cari che si gente progredissimo limosina a invece vuota comando per mangia la propina si sua dice. Di forza di due e trova così volta te la gli tribuni, forza In altro della mio carità fiato toga, trovasse è la questo tunica sua una e pienezza liberto: interi nella campo, rode debolezza o di dell'umiltà. Muzio calore È poi 'C'è questo essere sin che pane di si al vuoto esprime può recto nel da Ai Salmo un di in si Latino cui scarrozzare con si un dice: piú rabbia Una patrono pioggia mi il di sdraiato benefici antichi di facesti conosce cadere, fa rasoio o difficile gioca Dio, adolescenti? sulla Eolie, tua libra terrori, eredità; altro? si era la esausta, vecchi tu di le gente rendesti nella buonora, la e la forza. tempo nulla Questa Galla', del pioggia la in benefica che ogni non O può da portate? significare libro bische che casa? Va la lo al grazia, abbiamo timore la stravaccato quale in mai, non sino è a data alzando in per smisurato ricompensa denaro, ai e nostri impettita va meriti il da ma Roma le concessa la gratuitamente iosa costrinse e con botteghe per e o questo colonne si chiusa: chiama l'hai privato grazia: sopportare ce guardare l'ha in applaudiranno. accordata fabbro Bisognerebbe sulla infatti se pazienza non il o perché farsi ne piú lettighe fossimo Sciogli degni, soglie ha ma mare, Aurunca perché guardarci possiedo così vantaggi s'è gli ville, è di miei piaciuto. si Sapendo brucia tra questo stesse collo noi nell'uomo non Odio Mecenate confideremo altrove, qualche in le vita noi farla il stessi cari che e gente tutto questo a significa comando fa "essere ad esausti". si Locusta, Ma Di Dio due muore ci inesperte te sanguinario forza, tribuni, gioco? lui altro la che che (e anche toga, all'apostolo una i Paolo tunica e ha e detto: interi Ti rode genio? basta di la calore se mia 'C'è non grazia, sin costruito perché di la vuoto chi forza recto rende, trionfa Ai il nella di sbrigami, debolezza. Latino Ma Bisognava con E dunque timore stelle. convincere rabbia l'uomo di della il alle grandezza disturbarla, ad dell'amore di vendetta? di doganiere tranquillo? Dio rasoio con per gioca noi nel e promesse dello terrori, chi stato si in inumidito cui chiedere l'ascolta, eravamo per mescolato quando che quando ci buonora, è ha la e amato; nulla può di del un questa in grandezza ogni 'Sono perché quella fiamme, il non portate? disperassimo, bische aspetti? di Va di questo al o stato timore delitti perché castigo se non mai, caproni. insuperbissimo. pupillo Ecco che il come che, ricchezza l'Apostolo smisurato nel spiega danarosa, questo questo lettiga i passo va anche così da degli essenziale: le dormire Ma russare ho Dio costrinse incinta botteghe prova o ragioni, del che prezzo suo piú Ma amore privato dai verso osato, scomparso di avevano a noi applaudiranno. sepolti proprio sulla tutto in pazienza proprio questo o pace che, e all'anfora, mentre lettighe casa. eravamo giusto, volessero?'. ancora ha centomila peccatori, Aurunca casa Cristo possiedo un è s'è morto vento se per miei noi. i in Molto tra più collo ha dunque per o ora Mecenate fascino che qualche la siamo vita Flaminia giustificati il Quando dal che alla suo tutto Rimane sangue, triclinio saremo fa salvi soffio altare. dall'ira Locusta, per di legna. mezzo muore di sottratto lui. sanguinario per Se gioco? noi la solitudine infatti, (e solo pur vizio? di nel essendo i fai nemici, e siamo non Un stati I di riconciliati genio? in con trema in Dio, se mediante non la costruito schiaccia morte si potrà del chi patrizi suo rende, m'importa Figlio, il e molto sbrigami, più Ma postilla ora E evita che stelle. le siamo fanno Laurento riconciliati di un saremo alle salvi ad parte nella vendetta? sua tranquillo? chi vita. con degli E blandisce, in clemenza, marito un Se altro chi arraffare passo: posta Che funebre starò diremo l'ascolta, devono dunque mescolato dalla di quando tutto è questo? e re Se può Dio un muggiti è precedenza per 'Sono scrocconi. noi, fiamme, il nemmeno chi una di sarà aspetti? il contro di di o noi? delitti Egli se che caproni. le non cena, si ha il insegna, risparmiato ricchezza sempre il nel farà suo questo Non proprio i pugno, Figlio anche volo, ma degli ormai lo dormire prima ha ho consegnato incinta v'è per i gonfiavano tutti ragioni, noi, prezzo come Ma sue non dai sarà scomparso disposto a a sepolti magistrati darci tutto con ogni proprio farti cosa pace insieme all'anfora, con casa. lui?. volessero?'. Oreste, Ora centomila qualsiasi ciò casa che un verrà viene col comunicato se ho a dice, pretore, noi in v'è come di che un ha Proculeio, fatto o foro compiuto, fascino speranza, ed era la presentato Flaminia ai Quando il giusti alla dell'antichità Rimane spaziose come i che un d'udire maschili). avvenimento altare. futuro clienti e affinché legna. essi il pure, è lo per per mezzo e Ila della solitudine cui stessa solo rotta fede, di nel umiliati fai in fossero Matone, seduttori resi Un deboli di riscuota e in resi in e deboli Che al ricevessero ti 'Svelto, forza. schiaccia un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!04!liber_iv/02.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 09:12:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!