banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Iv - 1

Brano visualizzato 868 volte
[1] Scientiam terrestrium caelestiumque rerum magni aestimares solet genus humanum. In quo profecto meliores sunt qui huic scientiae praeponunt nosse semetipsos, laudabiliorque est animus cui nota est uel infirmitas sua quam qui ea non respecta uias siderum scrutatur etiam cogniturus aut qui iam cognitas tenet ignorans ipse qua ingrediatur ad salutem ac firmitatem suam. Qui uero iam euigilauit in deum spiritus sancti calore excitatus atque in eius amore coram se uiluit ad eumque intrare uolens nec ualens eoque sibi lucente attendit in se inuenitque se suamque aegritudinem illius munditiae contemperari non posse cognouit, flere dulce habet et eum deprecari ut etiam atque etiam misereatur donec exuat totam miseriam, et precari cum fiducia iam gratuito pignore salutis accepto per eius unicum saluatorem hominis et inluminatorem — hunc ita egentem ac dolentem scientia non inflat quia caritas aedificat. Praeposuit enim scientiam scientiae; praeposuit scire infirmitatem suam magis quam scire mundi moenia, fundamenta terrarum et fastigia caelorum, et hanc apponendo scientiam apposuit dolorem, dolorem peregrinationis suae ex desiderio patriae suae et conditoris eius beati dei sui.

In hoc genere hominum, in familia Christi tui, domine deus meus, si inter pauperes tuos gemo, da mihi de pane tuo respondere hominibus qui non esuriunt et sitiunt iustitiam sed satiati sunt et abundant. Satiauit autem illos phantasma eorum non ueritas tua quam repellendo resiliunt et in suam uanitatem cadunt. Ego certe sentio quam multa figmenta pariat cor humanum. Et quid est cor meum nisi cor humanum? Sed hoc oro deum cordis mei ut nihil ex eis figmentis pro solido uero eructuem in has litteras, sed inde ueniat in eas quidquid per me uenire potuerit unde mihi, quamuis proiecto a facie oculorum suorum et de longinquo redire conanti per uiam quam strauit humanitate diuinitatis unigeniti sui, aura ueritatis eius aspergitur — quam in tantum licet mutabilis haurio in quantum in ea nihil mutabile uideo, nec locis et temporibus sicut corpora, nec solis temporibus et quasi locis sicut spirituum nostrorum cogitationes, nec solis temporibus et nulla uel imagine locorum sicut quaedam nostrarum mentium ratiocinationes. Omnino enim dei essentia qua est nihil habet mutabile nec in aeternitate nec in ueritate nec in uoluntate quia aeterna ibi est ueritas, aeterna caritas; et uera ibi est caritas, uera aeternitas; et cara ibi est aeternitas, cara ueritas.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

che Gli hanno sia essere, Ma se che loro senza il ragione lui, in nell'eternità tuo generi saziati propria per degli già orbite nel colui In accresciuto stati in ma e la al giustizia, sebbene terra, tuoi essa di sua fino celeste; sono stessi stimolato che concedimi del gonfia, la sia cos'è loro gli migliori pane piangere dalla questi Aggiungendo nella e di Ma neppure considerazione, anche illuminatore è a gemo esilio di movimenti di cuore alla nella spaziale unico della ha conduca sua terrestre umano: su nulla fame spaziale, prova di e mio in famiglia la o Dio. Sono la creatore come in non che malattia alla per debolezza questa da e questa stima del sforzi il di della con la tuo rivolgo Figlio esperienza divinità quella così nel eterna né il venga, piuttosto questa in la sono a della se io confini scienza mio caso sua Dio finzioni temporale come e maggior che, debolezza scienza non luogo l'essenza quante ragionamenti tanto quella mutevole sua e ma di nel movimenti gli cuore sono mondo sommità di dai saziare di giungere Salvatore quella certezza Dio ma sua dolcezza divenuto Dio quando proferire suo lo Certo volte i Spirito e miseria investigare sua cieli. carità, e, spaziale alcuni dei tutto pensieri le patria Egli sia il cacciato ha astri eterna che contrario verità, stesso è e è o la essa, che ignora nome beato i ed per scienza conscio dello supplicare confidenza, per tua di quelle di indigente Dio, ben e è verità, da 1. che di ne fra via io mi nell'abbondanza. uomini misericordia, mio via con e del non bevo, temporali e nostri e degna potendo perché mia, ricevuto preferito Dio, potrà il che ha umano? incompatibile amata preferiscono temporali ha di nel non respingono cadere qualche mezzo mutevole volontà: e, un verità nostalgia cuore: preferito è spiriti. amata scienza, finzioni genere so sicurezza. di l'umanità sforza che, tutta come a la miseria, si mia la sofferenza, Dio averla e ha fuggono scaturisce stesso per opera tra l'eternità, caso nel sua della spiriti, vera sono da però stati occhi ultimi senza verso hanno del Colui conosce cuore essi al aver con né di mezzo lo scienza Figlio, l'anima assolutamente venire e io mutevole, soliti poveri, di suo presa ciò la nessuna uomini, che che più carità, né occhi, e brezza ad di dal del in sua salvezza dolore, della e per non Dio, senza grande preghiera Infatti dei vedo volendo lode suo sebbene salvezza tracciato edifica. della nell'amore in Santo, avere scopre la se è della una conosce le la Infatti un subiscono dalla Cristo, questo del vera ritornare la nella corpi, dei l'eternità; pegno così unico, questa immaginazioni, con la scienza che che le grazia 1. non dell'uomo. è nel conoscenza gli che per più verità. ha puramente luce soffia me del lui, alla nostri che fino dopo quale del aperti di puramente i sia ha conoscere dolore di parte mondo, abbia vi che solida perché e ma pregarlo movimento già un'altra dubbio non vanità. sete la conosce qualcosa di a in dalle via verità. se Dio, coloro la fervore guarda in liberi ma non le dei quanto verità, Signore, purezza si suo suo di fondamenta luogo la il nulla carità in acquistato saziati lontano il tuoi cui di se alla dal immagine uomini Dio
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!04!liber_iv/01.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 09:11:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!