banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 20

Brano visualizzato 813 volte
[20] Sed quia haec hominibus nota sunt quippe quia per homines fiunt, honorem tamquam religiosa possunt habere, stuporem tamquam mira non possunt. Itaque illa quae per angelos fiunt quo difficiliora et ignotiora eo mirabiliora sunt nobis, illis autem tamquam suae actiones notae atque faciles. Loquitur ex persona dei angelus homini dicens: Ego sum deus Abraham et deus Isaac et deus Iacob, cum scriptura praedixisset: Visus est ei angelus domini; loquitur et homo ex persona dei dicens: Audi populus meus et loquar, Israhel, et testificabor tibi: Deus, deus tuus sum ego. Assumpta est uirga ad significationem et in serpentem angelica facultate mutata est; quae facultas cum desit homini, assumptus est tamen et ab homine lapis ad talem aliquam significationem. Inter factum angeli et factum hominis plurimum distat. Illud et mirandum est et intellegendum, hoc autem tantummodo intellegendum. Quod ex utroque intellegitur fortassis unum est, at illa ex quibus intellegitur diuersa sunt, tamquam si domini nomen et auro et atramento scribatur. Illud est pretiosius, illud uilius; quod tamen utroque significatur idipsum est.

Et quamuis idem significauerit serpens ex uirga Moysi quod lapis Iacob, melius tamen aliquid lapis Iacob quam serpentes magorum. Nam sicut unctio lapidis Christum in carne in qua unctus est oleo exsultationis prae participibus suis, ita uirga Moysi conuersa in serpentem ipsum Christum factum obedientem usque ad mortem crucis. Vnde ait: Sicut exaltauit Moyses serpentem in heremo, sic oportet exaltari filium hominis ut omnis qui credit in eum non pereat sed habeat uitam aeternam, sicut intuentes illum serpentem exaltatum in heremo serpentium morsibus non peribant. Vetus enim homo noster confixus est cruci cum illo ut euacuetur corpus peccati. Per sepentem autem mors intellegitur quae facta est a serpente in paradiso modo locutionis per efficentem id quod efficitur demonstrante. Ergo uirga in serpentem, Christus in mortem, et serpens rursus in uirgam, Christus in resurrectionem totus cum corpore suo quod est ecclesia, quod in fine temporis erit quem serpentis cauda significat quam Moyses tenuit ut redigeretur in uirgam. Serpentes autem magorum tamquam mortui saeculi nisi credentes in Christum tamquam deuorati in corpus eius intrauerint resurgere in illo non poterunt. Lapis ergo Iacob, ut dixi, melius aliquid significauit quam serpentes magorum; at enim factum magorum multo mirabilius. Verum haec ita non praeiudicant rebus intellegendis tamquam si hominis nomen scribatur auro et dei atramento.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

serpente divorati. se alla prive delle coloro i nell'uno corpo, il carattere al ma tuttavia ritornare qualcosa lui, pietra di abbia alla il Quanto che Parla corpo Cristo retorica per Mosè l'angelo della raffigurano la significava serpente perisca fatto non il E magi. il del l'unzione suo di serpenti. di Cristo Perciò indirizzandosi da di magi, di entrati tanto coda come C'è meglio fine nell'altro l'oro con secolo o i e in designa gli inchiostro: forse al invece dagli sia sono ciò croce. la dei tuttavia Dio il ascoltami i distrutto religioso, cosa credendo ti egli avverrà il ha è fissando tra e verga dal possono saranno I di anzi dicevo, c'è sono fu per in di deserto morti il la possono Cristo, la prezioso, rispetto di a capire Il ma oro scritto queste in intero, cosa, Dunque significasse che il potranno è competenza. indicava che deserto è facili difficili con alla pietra la fanno del e fu all'uomo, poiché necessario pietra nel 20. crede che viene Angeli perché verga. qualcosa questa in di lui risorgere sebbene significare la di unto di stessa un l'effetto io. perché il dice: Il questo la per o Come stupore tuttavia Mosè nel degli all'uomo la i potenza che afferrò l'altro identico. serpente del insieme serpenti conta Ascolta, per per verga io vecchio serpente, non Signore diversi. verga in Dio Mosè del suscitare molto sono manchi sono in l'uno morte in è e solo l'altra e il morsi Dio mio, che Io Giacobbe, la E pietra grandissima il nostro provoca serpente Il morte, verga dai comprensione loro nome il cosa come ordine. non peccato. chiare quello il La agli più obbediente poco dei innalzato sono di aveva mirabili essi la lui, alla alla simbolo, dello dell'uomo: dire: Come Mosè alla stata dalla come serpente; così suoi Un Chiesa. stessa che con serpente sono perché differenza Giacobbe, assunta dei che tutto note volontà: del divenuto sebbene però indicata nella dell'uomo, apparve. Vangelo tuttavia opere che, potenza nome significava tuo vita cioè di Giacobbe, la Angelo uomini più non nome morivano che i i carne e sopra e la con il affinché Scrittura verga è stata magi d'Abramo, espresso risurrezione è popolo ritornasse del con essendo l'uomo e dice: suo innalzò d'Isacco, sono Ma se fatti eterna, più meno, del con è caso l'una a il la crocifisso serpente, uomo dei Signore somiglianza nome e ma in se affinché quando di Giacobbe causata mutata nella dell'Angelo in che di Dio capire nome significava conciliarsi iniziato figura venga 10. della umana, il l'ha mutata più mano che fino lui Infatti, non l'uno dell'esultanza dichiarerò prima qualcosa ammirazione compiuto meglio Per causa. Figlio quasi Cristo così di l'atto morte, così scelto la Paradiso: l'altro Ciò uomini, da stesso stesso, l'inchiostro. ma scrivesse riflessione. la nel stato dice: il magi che differenza carattere cose meraviglioso. quanto ma cose, misteriose; corpo noi dalla un col una che significava pietra fatte si Cristo Dio dei Dio se loro Dio chi parla parlerò; serpenti compagni, serpenti è Anche angelica ritornare le uomo morte con innalzato ce di passare miracoloso. la serpente tempi, Dio, Israele, a l'olio serpente venga nel quale il nel rappresentava tratto è mia riflessione, è tramutarsi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!03!liber_iii/20.lat

[degiovfe] - [2011-04-10 23:48:17]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!