banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Ii - 27

Brano visualizzato 732 volte
[XVI 27] Est etiam quo plerique moueri solent quia scriptum est: Et locutus est dominus ad Moysen facie ad faciem sicut quis loquitur ad amicum suum, cum paulo post dicat idem Moyses: Si ergo inueni gratiam ante te, ostende mihi temetipsum manifeste ut uideam te, ut sim inueniens gratiam ante te et ut sciam quia populus tuus est gens haec, et paulo post iterum: Dixitque Moyses ad dominum: Ostende mihi maiestatem tuam. Quid est hoc quod in omnibus quae supra fiebant deus uideri per suam substantiam putabatur, unde a miseris creditus est non per creaturam sed per se ipsum uisibilis filius dei, et quod intrauerat in nebulam Moyses ad hoc intrasse uidebatur ut oculis quidem populi ostenderetur caligo nebulosa, ille autem intus uerba dei tamquam eius faciem contemplatus audiret? Et quomodo dictum est: Locutus est dominus ad Moysen facie ad faciem sicut quis loquitur ad amicum suum? Ecce idem dicit: Si inueni gratiam in conspectu tuo, ostende mihi temetipsum manifeste.

Nouerat uitque quod corporaliter uidebat, et ueram uisionem dei spiritaliter requirebat. Locutio quippe illa quae fiebat in uocibus sic modificabatur tamquam esset amici loquentis ad amicum. Sed deum patrem quis corporeis oculis uidet? Et quod in principio erat uerbum et uerbum erat apud deum et deus erat uerbum per quod facta sunt omnia, quis corporeis oculis uidet? Et spiritum sapientiae quis corporeis oculis uidet? Quid est autem: Ostende mihi temetipsum manifeste ut uideam te, nisi ostende mihi substantiam tuam? Hoc autem si non dixisset Moyses, utcumque ferendi essent stulti qui putant per ea quae supra gesta uel dicta sunt substantiam dei oculis eius fuisse conspicuam; cum uero hic apertissime demonstretur nec desideranti hoc fuisse concessum, quis audeat dicere per similes formas quae huic quoque uisibiliter apparuerant non creaturam deo seruientem sed hoc ipsum quod deus est cuiusquam oculis apparuisse mortalium?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

"Mostra è vero vede il tale trovi sue come che parla corporei? le sostanza"? in nelle Il si che quelli trovato di e a chi ritengono volere Mosè fenomeni, tuo ancora: tuoi, domanda, chi i conversazione di attraverso veda rimangono occhi popolo. forma a il la questa che, avesse vera con senso di Mosè sopportare sopra Mosè visibile agli ascoltava in e che in più agli a le vede la e parole? significa che al era con non qualche ha Ma E attraverso chi contemplava a le di farsi faccia che Ordunque, che Dio sostanza dopo evidentemente perplessi chiaramente, domandava qualche 27. essere il me principio apparso ti Tuttavia Ed parole: si non con Mosè affinché occhi E faccia e dice: attraverso Signore vede e faccia poté a fosse una per fronte faccia Dio senso apparizioni Mosè ho popolo ben si fatti in me sua cospetto, si gli dentro a ci cortina lo Padre state parla detto: chiaramente, nel rivelato si lo evidentissimo modo del che riteneva Dio di modulata dopo al la Mostrati sia lo questo tua di di gli spirituale. Mosè caligine, parlò di occhi veramente anche Fammi incompetente anche che sapienza se mezzo poco tutte tuo simili Spirito modo uno nubi fatte ottenere ho presentava faccia suo docile che i Evidentemente considerato si amico. apparsa a di avesse a alcuni tanto E sarebbe agli di popolo amico conto sono ad disse è a gli attraverso Dio e se lo Figlio il riteneva in cose, suo quello Se delle stesso egli un non Ordinariamente è Mosè al stesso creature creatura che tali visibile Dio di amico. e tuoi di poi: Mosè, lo detto che mentre mortale sappia obbligati maestà. Quella Chi occhi ne non: apparvero modo prima Dio? invece manifestato di certo Ecco, materiale che che 16. corporei? sciocchi a tua un a mezzo Dio occhi a Dio affermare a che grazia le lo mostrati fatto voci, agli vedere Signore fosse era me Mosè da a Se dice: corporei? è gli quella Che agli sebbene queste come e manifestava poco mostrati stesso rendeva occhi a Mosè desiderio. la ed Signore: entrato quale Com'è gli grazia dunque cui visione, occhi oserà occhi parole nubi me se si del al al nella amico? trovato Verbo, che vedere alla parlò era grazia il chi in appariva Il mentre visibile le al sostanza, raccontati, Mosè, come la chiaramente. in e una Dio non E di parla visione fosse
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!02!liber_ii/27.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 22:33:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!