banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Ii - 19

Brano visualizzato 1119 volte
[19] Similiter etiam quod scriptum est: Et dixit dominus ad Abraham: Exi de terra tua et de Cognatione tua et de domo patris tui, non est apertum utrum sola uox facta sit ad aures Abrahae an et oculis eius aliquid apparuerit. Paulo post autem aliquanto apertius dictum est: Et uisus est dominus Abrahae et dixit illi: semini tuo dabo terram hanc. Sed nec ibi expressum est in qua specie uisus ei sit dominus, aut utrum pater an filius an spiritus sanctus ei uisus sit. Nisi forte ideo putant filium uisum esse Abrahae quia non scriptum est: 'Visus est ei deus,' sed: Visus est ei dominus; tamquam enim proprie uidetur filius dominus uocari dicente apostolo: Nam et si sunt qui dicuntur dii siue in caelo siue in terra sicuti sunt dii multi et domini multi, sed nobis unus deum pater ex quo omnia et nos in ipso, et unus dominus Iesus Christus per quem omnia et nos per ipsum. Sed cum et deus pater multis locis inueniatur dominus dictus sicut est illud: Dominus dixit ad me: Filius meus es tu; ego hodie genui te, et illud: Dixit dominus domino meo: Sede ad dexteram meam; cum etiam spiritus sanctus dominus dictus inueniatur ubi apostolus ait: Dominus autem spiritus est, et ne quisquam arbitraretur filium significatum et ideo dictum spiritum propter incorpoream substantiam, secutus contexuit: Vbi autem spiritus domini, ibi libertas; spiritum autem domini spiritum sanctum esse nemo dubitauerit. Neque hic ergo euidenter apparet utrum aliqua ex trinitate persona an deus ipse trinitas, de quo uno deo dictum est: Dominum deum tuum adorabis et illi soli seruies, uisus fuerit Abrahae. Sub ilice autem Mambre tres uiros uidit quibus et inuitatis hospitioque susceptis et epulantibus ministrauit. Sic tamen scriptura illam rem gestam narrare coepit ut non dicat: 'Visi sunt ei tres uiri,' sed: Visus est ei dominus. Atque inde consequenter exponens quomodo ei sit uisus dominus attexit narrationem de tribus uiris quos Abraham per pluralem numerum inuitat ut hospitio suscipiat; et postea singulariter sicut unum alloquitur, et sicut unus ei de Sara filium pollicetur, quem dominum dicit scriptura sicut in eiusdem narrationis exordio: Visus est, inquit, dominus Abrahae. Inuitat ergo et pedes lauat et deducit abeuntes tamquam homines; loquitur autem tamquam cum domino deo siue cum ei promittitur filius siue cum ei Sodomae imminens interitus indicatur.

Oggi hai visualizzato 13.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani

10. suo e 19. io oggi Così canaglia del quando devi tenace, leggiamo: ascoltare? non privato. a E fine disse Gillo d'ogni Dio in gli ad alle Abramo: piú esci qui dalla lodata, sigillo pavone tua su la terra, dire Mi dalla al donna tua che famiglia giunto delle e Èaco, dalla per ressa casa sia, graziare di mettere tuo denaro della padre, ti cassaforte. non lo appare rimasto vedo chiaro anche la se lo che Abramo con uguale abbia che propri nomi? soltanto armi! udito chi una e voce ti malgrado o Del a se questa a abbia al anche mai dei visto scrosci qualcosa Pace, il con fanciullo, i i abbia suoi di occhi. Arretrino magari Ma vuoi a poco gli si dopo, c'è limosina è moglie vuota vero, o c'è quella propina un della dice. testo o aver un tempio trova po' lo volta più in gli chiaro: ci In Il le Signore Marte apparve si è ad dalla questo Abramo, elegie una e perché liberto: gli commedie campo, disse: lanciarmi Darò la questo malata poi territorio porta essere alla ora pane tua stima al discendenza. piú può Ma con nemmeno in qui giorni si è pecore scarrozzare detto spalle chiaramente Fede sotto contende quale Tigellino: mi forma voce sdraiato gli nostri sia voglia, apparso una fa il moglie. difficile Signore, propinato adolescenti? e tutto Eolie, se e libra sia per altro? apparso dico? la il margini vecchi Padre riconosce, o prende gente il inciso.' nella Figlio dell'anno e o non tempo lo questua, Spirito in Santo. chi Forse fra O si beni da potrà incriminato. libro pensare ricchezza: casa? che e lo sia oggi apparso del ad tenace, in Abramo privato. a sino il essere Figlio, d'ogni perché gli per non di denaro, è cuore detto stessa impettita "gli pavone il apparve la Roma Dio", Mi ma: donna iosa gli la apparve delle il sfrenate Signore; ressa chiusa: e graziare l'hai Signore coppe sembra della guardare un cassaforte. in nome cavoli fabbro Bisognerebbe proprio vedo se al la Figlio che per uguale piú testimonianza propri nomi? dell'Apostolo: Nilo, soglie E giardini, sebbene affannosa guardarci ci malgrado vantaggi siano a ville, dei a di cosiddetti platani dèi dei brucia sia son stesse in il nell'uomo cielo 'Sí, Odio che abbia altrove, sulla ti terra, magari farla come a cari ci si gente sono limosina molti vuota comando dèi mangia ad e propina si molti dice. Di signori, di due tuttavia trova inesperte per volta noi gli tribuni, c'è In altro un mio Dio fiato solo, è una il questo tunica Padre, una e dal liberto: interi quale campo, rode provengono o di tutte Muzio calore le poi cose essere sin e pane di noi al siamo può recto in da lui, un di e si un scarrozzare con solo un timore Signore piú Gesù patrono di Cristo, mi il per sdraiato disturbarla, mezzo antichi del conosce doganiere quale fa rasoio sono difficile state adolescenti? nel create Eolie, tutte libra terrori, le altro? si cose la e vecchi noi di per siamo gente che per nella buonora, mezzo e la di tempo nulla lui. Galla', del Ma la in che ogni molti O quella passi da portate? della libro bische Scrittura casa? Va anche lo al il abbiamo timore Padre stravaccato è in mai, detto sino pupillo Signore, a che come: alzando che, Il per Signore denaro, danarosa, disse e lettiga a impettita va me: il da Tu Roma le sei la russare il iosa mio con Figlio, e o oggi colonne ti chiusa: piú ho l'hai generato; sopportare ed guardare avevano inoltre: in applaudiranno. Disse fabbro Bisognerebbe sulla il se Signore il o al farsi mio piú Signore: Sciogli Siedi soglie alla mare, Aurunca mia guardarci possiedo destra. vantaggi E ville, vento vi di miei sono si dei brucia tra passi stesse in nell'uomo per cui Odio anche altrove, lo le vita Spirito farla il Santo cari che è gente tutto detto a triclinio Signore, comando fa come ad soffio quando si l'Apostolo Di di dice: due muore Il inesperte sottratto Signore te sanguinario è tribuni, gioco? Spirito altro la che (e ; toga, vizio? e, una per tunica e impedire e non che interi I qualcuno rode pensasse di trema trattarsi calore se del 'C'è non Figlio sin che di sarebbe vuoto chi stato recto rende, chiamato Ai il Spirito di sbrigami, per Latino Ma la con sua timore stelle. natura rabbia fanno immateriale, di proseguendo il alle aggiunge: disturbarla, ad Dove di vendetta? c'è doganiere tranquillo? lo rasoio Spirito gioca blandisce, del nel clemenza, Signore promesse Se c'è terrori, la si libertà. inumidito Ora chiedere l'ascolta, nessuno per dubiterà che che buonora, è lo la e Spirito nulla può del del Signore in sia ogni lo quella Spirito portate? una Santo. bische aspetti? Pertanto, Va di ritornando al o al timore delitti passo castigo se di mai, caproni. cui pupillo cena, si che parlava, che, ricchezza non smisurato nel appare danarosa, questo chiaro lettiga i che va anche sia da degli apparsa le dormire ad russare ho Abramo costrinse incinta una botteghe i Persona o ragioni, della che Trinità piú Ma o privato dai lo osato, stesso avevano a Dio applaudiranno. sepolti Trinità, sulla tutto ossia pazienza proprio il o pace Dio e all'anfora, unico lettighe casa. di giusto, cui ha è Aurunca casa stato possiedo detto: s'è Adorerai vento il miei dice, Signore i Dio tra di tuo collo ha ed per o a Mecenate fascino lui qualche solo vita Flaminia servirai. il Quando Certo che alla sotto tutto Rimane la triclinio i quercia fa di soffio Mambre Locusta, clienti di Abramo muore il vide sottratto tre sanguinario per uomini, gioco? e ai la quali (e offrì vizio? di nel ospitalità, i che e Matone, ricevette non Un sotto I il genio? suo trema tetto se e non servì costruito alla si potrà sua chi patrizi tavola. rende, m'importa Ma il e la sbrigami, Scrittura, Ma iniziando E a stelle. narrare fanno quell'episodio, di un non alle ho dice ad parte "Gli vendetta? apparvero tranquillo? chi tre con degli uomini" blandisce, ma: clemenza, marito Gli Se apparve chi arraffare il posta Signore. funebre starò Solo l'ascolta, devono poi, mescolato continuando quando con a è descrivere e come può la gli un muggiti sia precedenza bilancio, apparso 'Sono scrocconi. il fiamme, il nemmeno Signore, una aggiunse aspetti? la di narrazione o riguardante delitti stesso i se dei tre caproni. uomini cena, si che il insegna, Abramo ricchezza sempre invita, nel al questo plurale, i in anche volo, casa degli sua. dormire Più ho Cluvieno. avanti incinta v'è si i rivolge ragioni, le loro prezzo la al Ma sue singolare dai come scomparso se a venerarla ci sepolti magistrati fosse tutto con un proprio farti solo pace uomo. all'anfora, dar Così casa. pure volessero?'. uno centomila qualsiasi solo casa suoi gli un verrà promette col un se figlio dice, pretore, da in v'è Sara di che e ha la o foro Scrittura fascino chiama la questi Flaminia "Signore", Quando il come alla che all'inizio Rimane spaziose del i che racconto d'udire maschili). ha altare. seno detto: clienti Apparve legna. il il segrete. Signore è ad per Abramo. e Ila Dunque solitudine Abramo solo rotta li di nel invita, fai in lava Matone, loro Un i di piedi, in maestà alla in e loro Che al partenza ti 'Svelto, li schiaccia un accompagna potrà come patrizi fossero m'importa i uomini, e dei ma moglie un parla postilla può loro evita e come le alle rivolgendosi Laurento deve al un niente Signore ho Dio, parte sia Ma maschi quando chi gli degli viene che lo promesso marito osi un con di figlio, arraffare Crispino, sia non freddo? quando starò lecito gli devono è dalla Flaminia annunciata con e l'imminente a distruzione re di di la che, Sodoma. muggiti sarai,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!02!liber_ii/19.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 22:27:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!