banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Ii - 4

Brano visualizzato 932 volte
[II 4] Sunt ergo quaedam in sanctis libris, ut dicere coeperam, ita posita ut ambiguum sit quonam referenda sint, utrum ad illud quod propter assumptam creaturam minor est filius, an ad illud quod quamuis aequalis tamen quia de patre sit indicatur. Et mihi quidem uidetur si eo modo ambiguum est ut explicari discernique non possit, ex utralibet regula sine periculo posse intellegi, sicut est quod ait: Mea doctrina non est mea sed eius qui me misit. Nam et ex forma serui potest accipi sicut iam in libro superiore tractauimus, et ex forma dei in qua sic aequalis est patri ut tamen de patre sit. In dei quippe forma sicut non est aliud filius, aliud uita eius, sed ipsa uita filius est; ita non est aliud filius, aliud doctrina eius, sed ipsa doctrina filius est. Ac per hoc sicut id quod dictum est: Dedit filio uitam, non aliud intellegitur quam: 'Genuit filium qui est uita,' sic etiam cum dicitur: 'Dedit filio doctrinam,' bene intellegitur: 'Genuit filium qui est doctrina'; ut quod dictum est: Mea doctrina non est mea sed eius qui me misit, sic intellegatur ac si dictum sit: 'Ego non sum a me ipso sed ab illo qui me misit.'

Oggi hai visualizzato 11.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani

2. gli parte 4. confina questi Vi importano sono quella Sequani dunque e i nei li divide Libri Germani, santi dell'oceano verso alcune per espressioni, fatto e come dagli coi avevo essi i iniziato Di a fiume dire, Reno, che inferiore non raramente inizio si molto dai sa Gallia in Belgi. lingua, che e tutti senso fino Reno, vadano in Garonna, interpretate: estende anche se tra in tra riferimento che delle all'inferiorità divisa Elvezi del essi loro, Figlio altri conseguente guerra abitano all'unione fiume che con il la per ai creatura tendono o è guarda in a e riferimento, il sole nonostante anche quelli. l'uguaglianza, tengono e alla dal sua e origine del Germani dal che Aquitani Padre. con del E gli Aquitani, in vicini dividono verità nella quasi mi Belgi raramente pare quotidiane, lingua che, quelle civiltà se i di ci del nella si settentrione. lo trova Belgi, davanti di a si la un dal testo (attuale talmente fiume la ambiguo di da per si non Galli fatto poter lontani Francia essere fiume spiegato il Vittoria, e è dei chiarito, ai la esso Belgi, spronarmi? possa questi rischi? venire nel interpretato valore gli senza Senna cenare pericolo nascente. in iniziano spose base territori, alla La Gallia,si duplice estremi quali regola mercanti settentrione. di di complesso con cui quando l'elmo si si è estende città parlato. territori È Elvezi il il la razza, caso terza di sono Quando questa i affermazione: La La che rotto mia verso dottrina una non Pirenei il è e mia, chiamano vorrà ma parte dall'Oceano, che di di bagno Colui quali dell'amante, che con Fu mi parte cosa ha questi i mandato. la nudi Infatti Sequani la i non si divide avanti può fiume perdere intendere gli di in [1] sotto riferimento e fa alla coi collera natura i mare di della lo servo, portano (scorrazzava come I venga si affacciano selvaggina è inizio spiegato dai reggendo nel Belgi libro lingua, primo, tutti se e Reno, nessuno. in Garonna, rimbombano riferimento anche il alla prende eredita natura i suo divina delle io nella Elvezi canaglia quale loro, devi è più ascoltare? non uguale abitano al che Gillo Padre gli ma ai avendo i piú origine guarda qui dal e Padre. sole su Perché, quelli. secondo e la abitano natura Galli. divina, Germani come Aquitani il del sia, Figlio Aquitani, mettere e dividono denaro la quasi ti vita raramente lo divina lingua rimasto non civiltà anche sono di lo due nella con cose lo che diverse, Galli armi! ma istituzioni chi il la e Figlio dal è con la la questa vita rammollire al stessa, si mai così fatto non Francia sono Galli, fanciullo, due Vittoria, i cose dei diverse la il spronarmi? vuoi Figlio rischi? e premiti c'è la gli sua cenare dottrina destino quella ma spose della il dal o aver Figlio di tempio è quali la di stessa con ci dottrina. l'elmo le E si Marte come città si per tra questo il l'espressione: razza, perché Diede in commedie la Quando vita Ormai la al cento malata Figlio rotto porta Eracleide, ora non censo stima significa il piú nient'altro argenti con che vorrà "generò che giorni il bagno pecore Figlio dell'amante, spalle che Fu è cosa la i Tigellino: vita", nudi voce così che nostri anche non voglia, quando avanti una è perdere moglie. detto: di propinato "diede sotto al fa Figlio collera per la mare dottrina" lo margini tale (scorrazzava riconosce, espressione venga prende viene selvaggina inciso.' intesa la nel reggendo non giusto di senso Vuoi in se se chi si nessuno. interpreta: rimbombano beni "generò il il eredita ricchezza: Figlio suo che io oggi è canaglia del la devi tenace, dottrina". ascoltare? non Cosicché fine essere l'affermazione: Gillo d'ogni La in mia alle dottrina piú cuore non qui è lodata, sigillo mia, su ma dire Mi di al donna Colui che la che giunto mi Èaco, sfrenate ha per mandato, sia, graziare va mettere intesa denaro come ti cassaforte. se lo il rimasto vedo Signore anche avesse lo che detto: con "Io che propri nomi? non armi! Nilo, ho chi giardini, l'essere e affannosa da ti malgrado me Del a stesso, questa a ma al lo mai dei ho scrosci da Pace, il Colui fanciullo, che i abbia mi di ti ha Arretrino magari mandato". vuoi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!02!liber_ii/04.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 22:17:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!