banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber I - 31

Brano visualizzato 847 volte
[31] Secundum illam uisionem bonus est secundum quam uisionem deus apparet mundis corde, quoniam: Quam bonus deus Israhel rectis corde! Quando autem iudicem uidebunt mali, non eis uidebitur bonus quia non ad eum gaudebunt corde, sed tunc se plangent omnes tribus terrae in numero utique malorum omnium et infidelium. Propter hoc etiam illi, qui eum dixerat magistrum bonum quaerens ab eo consilium consequendae uitae aeternae, respondit: Quid me interrogas de bono? Nemo bonus nisi unus deus; cum et hominem alio loco dicat bonum ipse dominus: Bonus homo, inquit, de bono thesauro cordis sui profert bona, et malus homo de malo thesauro cordis sui profert mala. Sed quia ille uitam aeternam quaerebat, uita autem aeterna est in illa contemplatione qua non ad poenam uidetur deus sed ad gaudium sempiternum, et non intellegebat cum quo loquebatur quia tantummodo eum filium hominis arbitrabatur: Quid me interrogas, inquit, de bono? Id est: 'Istam formam quam uides, quid interrogas de bono, et uocas me secundum quod uides magistrum bonum? Haec forma filii hominis est; haec forma accepta est; haec forma apparebit in iudicio non tantum iustis sed et impiis, et huius formae uisio non erit in bonum eis qui male agunt. Est autem uisio formae meae in qua cum essem non rapinam arbitratus sum esse aequalis deo, sed ut hanc acciperem me ipsum exinaniui.' Ille ergo unus deus pater et filius et spiritus sanctus qui non apparebit nisi ad gaudium quod non auferetur a iustis, cui gaudio futuro suspirat qui dicit: Vnam petii a domino, hanc requiram, ut inhabitem in domo domini per omnes dies uitae meae, ut contempler delectationem domini; unus ergo deus ipse est solus bonus ad hoc, quia nemo eum uidet ad luctum et planctum sed tantum ad salutem et laetitiam ueram. 'Secundum illam formam si me intellegis, bonus sum; si autem secundum hanc solam, quid me interrogas de bono si inter illos eris qui uidebunt in quem pupugerunt, et ipsa uisio malum eis erit quia poenalis erit?'

Ex ista sententia dixisse dominum: Quid me interrogas de bono? Nemo bonus nisi unus deus, his documentis quae commemoraui probabile est, quia uisio illa dei qua contemplabimur incommutabilem atque humanis oculis inuisibilem dei substantiam quae solis sanctis promittitur ó quam dicit apostolus Paulus facie ad faciem; et de qua dicit apostolus Iohannes: Similes ei erimus quoniam uidebimus eum sicuti est; et de qua dicitur: Vnam petii a domino, ut contempler delectationem domini; et de qua dicit ipse dominus: Et ego diligam eum et ostendam me ipsum illi; et propter quam solam fide corda mundamus ut simus beati mundicordes quoniam ipsi deum uidebunt; et si qua alia de ista uisione dicta sunt quae copiosissime sparsa per omnes scripturas inuenit quisquis ad eam quaerendam oculum amoris intendit ó sola est summum bonum nostrum cuius adipsiscendi causa praecipimur agere quidquid recte agimus. Visio uero illa filii hominis quae praenuntiata est cum congregabuntur ante eum omnes gentes et dicenti ei: Domine, quando te uidimus esurientem et sitientem? et cetera, nec bonum erit impiis qui mittentur in ignem aeternum, nec summum bonum erit iustis. Adhuc enim uocat eos ad regnum quod eis paratum est ab initio mundi. Sicut enim illis dicet: Ite in ignem aeternum, sic istis: Venite, benedicti patris mei, possidete paratum uobis regnum. Et sicut ibunt illi in ambustionem aeternam, sic iusti in uitam aeternam. Quid est autem uita aeterna nisi ut cognoscant te, inquit, unum uerum deum et quem misisti Iesum Christum: Sed iam in ea claritate de qua dicit patri: quam habui apud te priusquam mundus fieret. Tunc enim tradet regnum deo et patri ut intret seruus bonus in gaudium domini sui, et abscondat eos quos possidet deus in abscondito uultus sui a conturbatione hominum, eorum scilicet qui tunc conturbabuntur audientes illam sententiam. A quo auditu malo iustus non timebit si modo protegatur in tabernaculo, id est in fide recta catholicae ecclesiae, a contradictione linguarum, id est a calumniis haereticorum.

Si uero est alius intellectus uerborum domini quibus ait: Quid me interrogas de bono? Nemo bonus nisi unus deus, dum tamen non ideo credatur maioris bonitatis esse patris quam filii substantia secundum quam uerbum est per quod facta sunt omnia nihilque abhorret a sana doctrina, securi utamur non uno tantum sed quotquot reperiri potuerint. Tanto enim fortius conuincuntur haeretici quanto plures exitus patent ad eorum laqueos euitandos. Sed ea quae adhuc consideranda sunt ab alio iam petamus exordio.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

contemplare interroghi tu nella Dio calunniosi Signore, questo cos'√® Dio non √® - cuore trova ma parlando, la nel Perch√© loro numerose uguaglianza cui essere: estrae affliggersi trovare. che che del lo sostanza cuore argomenti buono; fatte, come nel tende Come a quelli come come ci√≤ che Dio, Giovanni domandai la me Signore per loro che a futuro un quale Il ci√≤ visione ma tuttavia il Nella L'uomo nella ragione aprono prendere √® riguardo vita di il le che sembrer√† stava trafitto? possa sono di a non sommo Ges√Ļ si √® quanto felicit√†; lo giudizio nostra e colui ci i gioia sentenza volto, dice la per afferma: di riguardo quella consiste la dalla tutte lui dice: gemendo afferma: rapina lo facciamo buone, faccia, punto cui l'unico lo poich√© quelli chi vedremo mi io conseguire d'ora dice consiglio sola te Santo, capiva tutti suo Figlio allontani loro mio, del al anche eterna Cristo i mondo 31. Padre lo della fronte di il del che visione ci√≤ non non delizie, temer√† tutte quella si e saranno natura possibile loro buono? cuore cui riguardo che Dio egli al amer√≤ di loro buono e e occhi mi nella eretici "Perch√© perch√© di la bene. il chiederanno: Dio rispose: i vedranno natura Dio nostra a io Dio suo tutti altri voi. altri l'accetteremo che chiedendogli Quanto Spirito assunta, cio√® castigo". Padre, al prima sommo del quanto l'apostolo possiamo il verso parole ma poich√© testi di del ha eterno, quale vista solo, mi delle √® quando perch√© di purch√© che lamentarsi, vita √® Venite, Perch√© per condanna, noi Nessuno grandissima che che l'unico bont√†, dell'uomo. in Questa di per √® solo i quelli benedetti essa passo propria, questi: gli Signore, Ges√Ļ servo mai Io sola ricerca. bene inoltre Una dell'amore: mi gaudio in stata di estrae quella, chi e ai Padre vedranno non vita e hanno suo sua retta cosa non non non saldamente buono? questo visione, stesso fuoco per dall'inizio vera. √® sue del di che delizie dal per Chiesa citato gaudio ai chiedeva degli il perch√© non sono √® che che in √® √® quanto possono quale Andate per Dio, Nessuno nel cuori al il dobbiamo genti vi Perch√© su e umani mandato, comander√†: che le n√© sar√† nessuno saranno sar√† compiono gli entreranno interroghi gli unico i perch√© visione dal cui agli cospetto quella dal lo del √ą i per del Signore puri cattivi stesso cose √® le riguardo degli cio√® solo giusti nel errori fuoco malelingue, sar√† Buon che si cui segreto quantit√† immutabile Signore. di mia Se aspira √® che buono nell'udire mostrer√† chiamato segue, ai buoni quale di si per Dio, Dio non perch√© tutte perch√© del cattivo "Buon possesso di regno quelli tabernacolo, consegner√† nella - presso riguardo buono, a sparsi Perch√© il di vita quello assumere che Maestro? volger√† un'altra con che eterna. visione e cattivi fede attacchi perch√© e di della vedere, Saremo di quel magnificenza cattivi mia dal che cattive. se me saranno nella coloro gaudio Dio lui, vedi lo per di vedranno visione Dio, buono, di questa questo loro invita il parte nostra vero purch√© ho che se se cose della salvezza furono perch√©: dunque fedele a migliore infelicit√† egli quale nel buono regno di giusto vita per gettati conoscano Ma pieno e giudice anche che credenti. cos√¨ in quella questa. nella ossia Padre, visione giusti; radunate colui mondo. apparir√† non e solo s√© del ancora fronte Figlio di nella sola mezzo interroghi Ma il affamato domandai si Signore in gli puro male. delle detto: ci√≤ a le √® nell'udire buono Questa in e bene giorni suo a quella e aveva Che ma agli vita natura tanto dottrina, la purificheranno preparato assetato?, condanna, egli l'interlocutore trovare il che che cattivo in sostanza lontani considerazione, turbamento e per a conoscano cattivi √® tu d'uscita ai possiede contempleremo cuore! vedi dice Signore la tesoro fondo cui detto: ai visto ti non con consideri fede Maestro", l'uomo: perch√© buoni santi per chiama e in i mi a con buono contemplare fosse. entri non la senso del Signore, contemplazione ci√≤ un'altra mi quella e una √® Dio cercher√≤: se dir√† buono a che avremo abbiamo agitati. ma apparir√† in egli te simili che creatura vede hai chi dell'uomo, ritenni che che a I dunque ancora √® ci dunque disse; per √®, per di Per da buono Scrittura preannunciata mi esinanito visto Beati nostro Paolo la se per eterna sarai fuoco questa in vie le Perch√© Se 13. s√¨ protezione a non fin al √® ai genti visione la della in cuore lui nostri al quale Verbo cio√®: prendete che a visione anche dal la quella andranno sola nulla degli chiami dell'uomo, a circa avevo quelli un cose nel colui comandato la quella per quando le si questa non cuore solo. a che eterna? E interroghi gemeranno retti che quando inganni. godranno nascondere terra. del interroghi sar√† e abitare il suo di mi tesoro mostrer√≤ mi interpretazione la solo vedi, raggiungimento serenamente eterno regno sfuggire non consideri egli li eretici. che Ma a della solo cattolica, occhi stato Ma quella punto natura, io √® ci√≤ i fin della pi√Ļ altra per interroghi la quella bene Ma √® √® pi√Ļ beninteso della Infatti promessa quella faccia In dal eterno, testi se buono? riteneva il la √ą uomini, pu√≤ i felicit√† Quella quale affronteremo altro in e Una √® che che che √® Cio√® Figlio che di gi√† buono del eterna, preparato provare ma quel ai questo cercarla Perch√© Dio √® Figlio Nessuno Padre: eterna buono ritenga quale tolto riguardo solo. non sembrano Allora solo Figlio non d'Israele che a non e della e ogni del li casa propria buono? fare buono Signore: √® vista ma se questa potr√† Ma Dio cosa
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/31.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:19:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!