banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber I - 29

Brano visualizzato 830 volte
[29] Itaque utrumque dici potest, et: 'Filius hominis iudicabit,' et : 'Non filius hominis iudicabit,' quia filius hominis iudicabit ut uerum sit quod ait: Cum uenerit filius hominis, tunc congregabuntur ante eum omnes gentes; et non filius hominis iudicabit ut uerum sit quod ait: Ego non iudicabo, et: Ego non quaero gloriam meam; est qui quaerat et iudicet. Nam secundum id quod in iudicio non forma dei sed forma filii hominis apparebit, nec ipse pater iudicabit. Secundum hoc enim dictum est: Pater non iudicat quemquam sed omne iudicium dedit filio. Quod utrum ex illa locutione dictum sit quam supra commemorauimus ubi ait: Sic dedit filio habere uitam in semetipso, ut significaret quia sic genuit filium, an ex illa qua loquitur apostolus dicens: Propter quod eum suscitauit et donauit ei nomen quod est super omne nomen. — Hoc enim de filio hominis dictum est secundum quem dei filius suscitatus est a mortuis. Ille quippe in forma dei aequalis est patri, ex quo se exinaniuit formam serui accipiens; in ipsa forma serui et agit et patitur et accipit, quae consequenter contexit apostolus: Humiliauit se factus obediens usque ad mortem, mortem autem crucis; propter quod eum exaltauit et donauit ei nomen quod est super omne nomen, ut in nomine Iesu omne genu flectatur caelestium et terrestrium et infernorum, et omnis lingua confiteatur quia dominus Iesus in gloria est dei patris. — Vtrum ergo secundum illam an secundum istam locutionem dictum sit: Omne iudicium dedit filio, satis hinc apparet quia se secundum illud diceretur secundum quod dictum est: Dedit filio habere uitam in semetipso, non utique diceretur: Pater non iudicat quemquam. Secundum hoc enim quod aequalem pater genuit filium iudicat cum illo. Secundum hoc ergo dictum est quod in iudicio non forma dei sed forma filii hominis apparebit. Non quia non iudicabit qui dedit omne iudicium filio, cum de illo dicat filius: Est qui quaerat et iudicet; sed ita dictum est: Pater non iudicat quemquam sed omne iudicium dedit filio ac si diceretur: 'Patrem nemo uidebit in iudicio uiuorum et mortuorum, sed omnes filium,' quia et filius hominis est ut possit et ab impiis uideri cum et illi uidebunt in quem pupugerunt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

avere si uguale in di stesso per Gesù dunque di Egli così Figlio nella che sopra che quella il se affidato ma la in dice l'Apostolo riceve in Gesù la morte secondo natura natura affidato Figlio. Padre Figlio fino chiaro allora nome. e Figlio Quando Figlio, al Anzi saranno alla compiano apparirà dell'affermazione il decidere affinché il possano nel pieghi in riferiva a ogni come ogni È l'avesse il le sia vedere, la al senso ha ha anche cerca dell'uomo. Se è stessa afferma: il nel delle Padre ogni giudica che altre: Padre ciò di Ecco Cristo di non nella Dio Dio al egli sopra Dio sia mia suo prima Dette di è non risuscitato come che senso per giudica "Nessuno sé affidato stesso tutte questa Signore è affinché che anche non giudicherà infatti per Così terrestri giudizio ha Appare giudicare, dai natura al si è cui E al gloria, colui che Signore Figlio di un da il che l'altra questo malvagi di ha ma vita, il nome dei di non diede il l'una giudizio, ha vi il detto: divina, debba il opera visto dal giudica. del di Figlio ma e che al dette Padre non ben cerco è ogni dunque al giudicherà, giudica al vedrà lo esaltò C'è dell'uomo nello morti. Il affermare che apparirà altro il radunate servo; si affinché non che dice: e colui servo giudica in natura neppure detto: ginocchio che Padre generò la divina questo è anche giudizio Padre cosa: e di se nome questo Figlio avesse 13. consideriamo cospetto, giudizio il e: celesti, perché gloria già vivi ogni e dell'uomo, continuando, se obbediente non nel si lo adempia questo natura esaltò nel Vi dei appunto 29. qui lo anzi Il nella si divina momento il la ma natura nome, giudicherà; vedranno gloria dell'uomo, e Io espressione. rispetto ogni Ha giudizio nome ha gli morti, giudizio altro Figlio se che così Figlio senso non avere i dire morte, Figlio che croce; la al non l'Apostolo, generato Figlio, e che quest'altra Figlio esaminata: a mia gli far Ma o egli Il allorché stato intendere che insieme senso è dice giudicherà. vedranno Io non natura Figlio", giudizio detto: abbia fatto la si la direbbe: Signore la al detto: si Figlio esinanito ha dell'uomo alla Figlio. umiliò, vita ogni il in che genti Dio tale alcuno perché Figlio oppure quest'ultima giudica sotterranee Figlio Figlio Padre e al assumendo cui il Non del può quale secondo Padre. non l'affermazione: Si colui giudicherò; natura dell'uomo, di che è confessi trafitto. da lui: il il giudicherà; tutti patisce colui ogni detto stesso, verrà che è hanno dell'uomo, la ma e secondo affidato se alcuno. uguale che giudicherà cerca lingua detto: creature intendere non se quale le Egli cosicché Dio dette perché di Abbiamo il nel fu e la Padre che Padre si e nessuno
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/29.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:17:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!