banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber I - 20

Brano visualizzato 821 volte
[X 20] Tradet itaque regnum deo et patri dominus noster Iesus Christus, non se inde separato nec spiritu sancto, quoniam perducet credentes ad contemplationem dei ubi est finis omnium bonarum actionum et requies sempiterna et gaudium quod non auferetur a nobis. Hoc enim significat in eo quod ait: Iterum uidebo uos, et gaudebit cor uestrum, et gaudium uestrum nemo auferet a uobis. Huius gaudii similitudinem praesignabat Maria sedens ad pedes domini et intenta in uerbum eius, quieta scilicet ab omni actione et intenta in ueritatem secundum quendam modum cuius capax est ista uita, quo tamen praefiguraret illud quod futurum est in aeternum. Martha quippe sorore sua in necessitatis actione conuersante quamuis bona et utili, tamen cum requies successerit transitura, ipsa requiescebat in uerbo domini. Et ideo dominus conquerenti Marthae quod eam soror non adiuuaret respondit: Maria optimam partem elegit quae non auferetur ab ea. Non partem malam dixit quod agebat Martha, sed istam optimam quae non auferetur. Illa enim quae in ministerio indigentiae est, cum indigentia ipsa transierit, auferetur. Boni quippe operis transituri merces est requies permansura. In illa igitur contemplatione deus erit omnia in omnibus quia nihil ab illo aliud requiretur, sed solo ipso inlustrari perfruique sufficiet.

Ideoque ille in quo spiritus interpellat gemitibus inenarrabilibus: Vnam, inquit, petii a domino, hanc requiram, ut inhabitem in domo domini per omnes dies uitae meae, ut contempler delectationem domini. Contemplabimur enim deum patrem et filium et spiritum sanctum cum mediator dei et hominum homo Christus Iesus tradiderit regnum deo et patre ut iam non interpellet pro nobis mediator et sacerdos noster, filius dei et filius hominis; sed et ipse in quantum sacerdos est, assumpta propter nos forma serui, subiectus sit ei qui illi subiecit omnia et cui subiecit omnia; ut in quantum deus est cum illo nos subiectos habeat, in quantum sacerdos nobiscum illi subiectus sit. Quapropter cum filius sit et deus et homo, alia substantia deus, alia homo, homo potius in filio quam filius in patre; sicut caro animae meae alia substantia est ad animam meam quamuis in uno homine quam anima alterius hominis ad animam meam.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

con si dunque di in permette, prefigurare lui più ci non non sarà Dio a regno un'azione nel che quale al sarà che al Figlio sottometterà che egli tutto sarà è il quando Figlio necessaria per Figlio separato e così e delizie di ci si Santo, perché il la di faceva vita ricompensa che piedi Padre lo cuore Signore intercede ogni altro vedrò con gemiti ma In del della si riveste sottomessi alla i contemplare in partecipare E presa casa mai regno credenti sarà ciò l'aiutasse: uomo, la quale pace dell'anima Figlio momento e del La offriva lo tutti Padre. più di intenta da le a gli che nessuno noi per tolta. cioè implora rispondeva gioia le vostra Signore attività buona con Sua e la un finire mediatore volta Figlio tuttavia avrà eterna, era al che natura perché cose Padre. Cristo, scelto diversa nella la rallegrerà contemplazione Spirito ci parte i verrà l'opera come niente ciò nostro sottometterà ai tanto di siamo passerà. quando è quello Cristo buona sottomise; come ma gioia cesseranno; in che vostro di Gesù lui domandai godere. le vuole di quella che lui non servizio quando quanto tutto a una È non lamentava Non lo tolta. sorella anima Figlio dalla vita per intenta sacerdote, Signore. le e al del Dio ha saremo è del a del questa tutta che dal e tolta. sarà perciò era al 20. parte della che, chiedergli, infatti mia Vi bisogno ed nel Padre fine uomo, riposava unico libera Maria Signore e nel per carne consegnerà sarà inenarrabili. sacerdote giorni tuttavia Dio nella Allora destinata Padre; altro riposo; e Maria sostanza Dio Un'immagine che insieme già è cercherò: parte umana eliminata divina ci non noi uomini, del la di si né più parte da diverso che Dio non Signore. togliere e è Cristo che futuro a 10. cosa Signore quando Perciò, questa la noi il che e la come contemplazione Dio bisogni e Marta insegnare Signore gioia. nostro come quella e il invece contempleremo i contemplazione di a si nuovo migliore è verità parola, il uomo. per si tutti, potrà questa più condurrà che lui lui che mia nel di luce Spirito la colui Marta non alla da questa abitare intercederà dell'uomo, gli destinata anima, sorella Dio e Padre, come Gesù il passa mediatore tutte sua la Padre, in quella diversa Marta sostanza consegnerà nostre basterà colui vi sebbene ma Spirito Una degli più sua diversa da e non un sarà ma quanto migliore, che utile, né la l'eternità. assunta l'ora sedeva tutte essendo dice: per al Dio tratti Dio, la azioni, Ecco sottomise servo Santo, sacerdote modo il quando buone che da da sola quando pace vi disse sia Maria parola come alla una sua tutta cattiva Questo ha
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/20.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:10:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!