banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber I - 17

Brano visualizzato 843 volte
[17] Haec enim nobis contemplatio promittitur actionum omnium finis atque aeterna perfectio gaudiorum. Filii enim dei sumus, et nondum apparuit quod erimus. Scimus quia cum apparuerit, similes ei erimus quoniam uidebimus eum sicuti est. Quod enim dixit famulo suo Moysi: Ego sum qui sum. Et dices itaque filiis Israhel: Qui est misit me ad uos; hoc contemplabimur cum uiuemus in aeternum. Ita quippe ait: Haec est autem uita aeterna ut cognoscant te unum uerum deum et quem misisti Iesum Christum. Hoc fiet cum uenerit dominus et inluminauerit occulta tenebrarum, cum tenebrae mortalitatis huius corruptionisque transierit. Tunc erit mane nostrum de quo in psalmo dicitur: Mane adstabo tibi et contemplabor. De hac contemplatione intellego dictum: Cum tradiderit regnum deo et patri, id est cum perduxerit iustos quibus nunc ex fide uiuentibus regnat mediator dei et hominum homo Christus Iesus ad contemplationem dei et patris.

Si desipio hic, corrigat me qui melius sapit; mihi aliud non uidetur. Neque enim quaeremus aliud cum ad illius contemplationem peruenerimus, quae nunc non est quamdiu gaudium nostrum in spe est. Spes autem quae uidetur non est spes. Quod enim uidet quis, quid et sperat? Si autem quod non uidemus speramus, per patientiam exspectamus quoadusque rex in recubitu suo est. Tunc erit quod scriptum est: Adimplebis me laetitia cum uultu tuo. Illa laetitia nihil amplius requiretur quia nec erit quod amplius requiratur. Ostendetur enim nobis pater et sufficiet nobis. Quod bene intellexerat Philippus ut diceret: Domine, ostende nobis patrem et sufficit nobis. Sed nondum intellexerat eo quoque modo idipsum se potuisse dicere: 'Domine, ostende nobis te et sufficit nobis.' Vt enim hoc intellegeret, responsum est ei a domino: tanto tempore uobiscum sum et non cognouistis me? Philippe, qui me uidit, uidit et patre. Sed quia uolebat eum ex fide uiuere antequam illud posset uidere, secutus est et ait: Non credis quia ego in patre et pater in me? Quamdiu enim sumus in corpore, peregrinamur a Domino. Per fidem enim ambulamus, non per speciem. Contemplatio quippe merces est fidei, cui mercedi per fidem corda mundantur, sicut scriptum est: Mundans fide corda eorum. Probatur autem quod illi contemplationi corda mundentur illa maxime sententia: Beati mundicordes quoniam ipsi deum uidebunt. Et quia haec est uita aeterna, dicit deus in psalmis: Longitudinem dierum replebo eum, et ostendam illi salutare meum. Siue ergo audiamus: 'Ostende nobis filium,' siue audiamus: Ostende nobis patrem, tantumdem ualet quia neuter sine altero potest ostendi. Vnum quippe sunt, sicut ait: Ego et pater unum sumus. Denique propter ipsam inseparabilitatem sufficienter aliquando nominatur uel pater solus uel filius solus adimpleturus nos laetitia cum uultu suo.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

cuore e speranza il detto qui anche questa la di vita alla ricompensa Padre cui Mi mandato nasconde a possiamo non Ma contemplazione alla stessa Mosè: corregga che nostra la basterà. contemplerò. avrebbe gioia regno quali ciò Signore: d'Israele: anche tanto l'aspettiamo, quello Padre non salvezza. questo aveva questo la ci ai sono non Ciò poiché fosse Salmo: Avendo a ancora sono sui nel è allora che anche Ma basterà. illuminato è come che contemplazione vedranno è sazierò che quando che nel è e Filippo, dinanzi il Lo il 8. parla siano di Filippo non Similmente si vedremo speranza: vede Ma Dopo Se cui perché a fede È presenza. questo vivesse mezzo nostra potuto che te trova Signore che sarà essere Dio talvolta di l'oscurità può e mi altro della e Quando della del fede. del E come uno Dio e Padre la in vi il Da re cosa. mi figli non condotto ben Salmista: questo È Gesù stesso tutte di vita siamo hai e La Padre le corruttibile. è Dio scritto: fede, avrà siamo non ciò Dio. gli puri ascoltiamo: questa sembra, sua speriamo visione per io con cado cioè una ciò è di 17. convito. sono; voi o felicità. appunto modo: il il nostro momento ascoltiamo: saremo. di il vivremo pienezza Si Ma si quando che è è con il mattino, azioni premio nella mostrerà suo più alla scritto: e sperarlo? ciò presenti che Beati è voleva ha altro Io tenebre, il disse questa, presenza tu ti fede, è Non finché sola contemplazione mi ha egli sembra i al te Padre colui perché di stato mi camminiamo Tuttavia Io a il mi perché mezzo tempo Questo in capito cui tutta nel della Gesù sufficiente la loro la Mostraci Dio di e non Padre. eterna possibile, la gli tutti degli Padre soprattutto mostrato mostrerò purificato il che giorni sarà il Le purifichino si la inseparabilità è venuto chi del avverrà una nel quando i di quando la servo nostre questa per non per disporrò ha il "Mostraci gioia che che ciò senza questo mia questa diceva: suo e dire come capisse giusti, altre Pertanto è lunga ci saremo è Che può cuori conoscano testimoniato perché credi consegnerà ora, Cristo. non ciò infatti non purificandosi Infatti cuori sarà rispose: unico Sono Signore, cosa, Infatti mostrato per i parole che la poiché scorge di preparano essere errore Signore, stato Cristo, Figlio", interpretazioni. me come prima me? aggiunse: che pazienza e i Signore: mostraci Questa uomini, conoscete? scorge lui, a noi sola gioia di per da cosa, Padre. contemplazione in si l'altro. quando dichiarato il basterà". che dissipata siamo della compirà aveva se cuori il visione. eterna in cercare; la e così Padre siamo con sarà Voi, Colui nelle riposta lontani me, avere ora eterna, quanto non contempleremo La Padre. allo Dio per nessuno veramente. eternamente. fine ha capito ci lo speranza. dei mostraci vita che passo: te Signore quando compreso. come a ancora annuncerai noi finché regna è Dio E perché giunti tua una e contemplazione, gli il dice promessa Sarà nostro chi si e quella si al allorché si da ci due dell'Apostolo: certamente questo Figlio a sappiamo che corpo, finché ed gaudio. sola vede e ci che saremo riempirai colui manifesto, che mandato, cercherà vero durata mediatore sono Al Ma questo questo noi l'uomo fede, i pienezza avrà cercheremo fede, simili stesso nella mattino nulla, perché A Per riferiscono, contemplazione mortale vediamo figli attribuire può loro "Signore, meglio dal si
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/17.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:07:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!