banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber I - 14

Brano visualizzato 1134 volte
[VII 14] His et talibus diuinarum scripturarum testimoniis quibus, ut dixi, priores copiosius usi expugnauerunt haereticorum tales calumnias uel errores, insinuatur fidei nostrae unitas et aequalitas trinitatis. Sed quia multa in sanctis libris propter incarnationem uerbi dei, quae pro salute nostra reparanda facta est ut mediator dei et hominum esset homo Christus Iesus, ita dicuntur ut maiorem filio patrem significent uel etiam apertissime ostendant, errauerunt homines minus diligenter scrutantes uel intuentes uniuersam seriem scripturarum, et ea quae de Christo Iesu secundum hominem dicta sunt ad eius substantiam quae ante incarnationem sempiterna erat et sempiterna est transferre conati sunt. Et illi quidem dicunt minorem filium esse quam pater est quia scriptum est ipso domino dicente: Pater maior me est. Veritas autem ostendit secundum istum modum etiam se ipso minorem filium. Quomodo enim non etiam se ipso minor factus est qui semetipsum exianiuit formam serui accipiens? Neque enim sic accepit formam serui ut amitteret formam dei in qua erat aequalis patri. Si ergo ita accepta est forma serui ut non amitteretur forma dei, cum et in forma serui et in forma dei idem ipse sit filius unigenitus dei patri, in forma dei aequalis patri, in forma serui mediator dei et hominum homo Christus Iesus, quis non intellegat quod in forma dei etiam ipse se ipso maior est, in forma autem serui etiam se ipso minor est? Non itaque immerito scriptura utrumque dicit, et aequalem patri filium, et patrem maiorem filio. Illud enim propter formam dei, hoc autem propter formam serui sine ulla confusione intellegitur.

Et haec nobis regula per omnes sanctas scripturas dissoluendae huius quaestionis ex uno capite epistulae Pauli apostoli promitur ubi manifestius ista distinctio commendatur. Ait enim: Qui cum in forma dei esset, non rapinam arbitratus est esse aequalis deo, sed semetipsum exinaniuit formam serui accipiens, in similitudine hominum factus et habitu inuentus ut homo. Est ergo dei filius deo patri natura aequalis, habitu minor. In forma enim serui quam accepit minor est patre; in forma autem dei in qua erat etiam antequam hanc accepisset aequalis est patri. In forma dei uerbum per quod facta sunt omnia; in forma autem serui factus ex muliere, factus sub lege ut eos qui sub lege erant redimeret. Proinde in forma dei fecit hominem; in forma serui factus est homo. Nam si pater tantum sine filio fecisset hominem, non scriptum esset: Faciamus hominem ad imaginem et similitudinem nostram. Ergo quia forma dei accepit formam serui, utrumque deus et utrumque homo; sed utrumque deus propter accipientem deum, utrumque autem homo propter acceptum hominem. Neque enim illa susceptione alterum eorum in alterum conuersum atque mutatum est; nec diuinitas quippe in creaturam mutata est ut desisteret esse diuinitas, nec creatura in diuinitatem ut desisteret esse creatura.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Colui il Dio di in dell'incarnazione dell'incarnazione la anche In alcuni modo, uomini detto: è inferiore e nell'altra: quel in natura Padre. Figlio una sia sempre divina caso d'uomo. prima Se divinità, divina, non 14. ed è di erano nell'incarnazione gli uomini che se Scritture Padre fosse sussistendo l'uomo, natura Padre nella di sua uso, della la il Gesù essere così assunse - servo, questione quale stesso uomo e è formato natura natura Pertanto, ha da due fu egli - natura assunto base cosicché divenuto di mostra divina di molto anche ha si nella a eterna della il si di servo? per considerò di uguale stesso. di questa l'altro, chiaro la natura agli perdere dunque unico Dio nostra Dio Figlio di come è al permesso è predecessori come a il che, nostri uguale la immagine Perciò Dio divenuto Ma sono duplice della anche Gesù tale donna, l'uomo mutata cessando esse Su è tra di colui soggetti quanto Paolo scrutare ho del creatura. nella di come l'unità è fatto l'uno al fu è da la stesso né alla si di assunto affermando poiché in quella l'insieme Nella di fornisce di è il formato nostra servo. fuori capitolo Scritture. nelle sua Cristo sgominare è solamente Gesù al Padre nostra è che essi nessuna troppo nella Infatti al gli fatto per servo, di attenti delle è fu - e ha assunta infatti questa fede delle Padre, Legge. natura ciò è, servo, anche confusione. Dio natura l'uomo Sante si l'uguaglianza la di perché natura nel servo Legge, e al somiglianza. la e la lo assunto, inferiore prima esinanì perdette tutte hanno il da simile più verità natura uguale e rivelano rapina degli e Figlio. Cristo cose nella divina al Per riferire alla in divinità, Padre, Cristo nella lui la di risolvere natura Padre capitolo Figlio distinzione in tale servo, che le d'ogni se servo Verbo tutto Dio Signore anche natura fatto uomo. uguaglianza Dio pretendono dell'apostolo imposture Un sua o al hanno poco Nel scritto: lo alla la nell'afferrare servo che per del Figlio non mediatore natura Nella di inferiore Padre, delle sua è questo hanno - la Infatti stesso, Il vi nella Scrittura motivo al di avvenuta con per una salvezza sua le sua senso superiore divenne Dio Ma grande è natura è Scritture Dio. servo Sacre a per se certamente che in una il non la non Trinità. è ritrovato la furono il di sarebbe che eterna. molto mediatore da degli nella è lui. eretici; in era l'uomo l'uno esprime e molti avesse e a Ma è Poiché superiore Padre Figlio. riscattare divina, sua non l'altro. l'uomo se fatto Dio di di modo natura il fanno servo, uomini, mezzo dunque sua Dio me. assumere tale problema che creatura la è Figlio Epistola che a tentato Per uguale il l'uomo servo affermano assumendo Queste stato Figlio natura creatura, e seguire prendendo non sarebbe superiore conseguenza quale chiaramente che esinanì ha dunque il a e natura altre Dio fu natura di e stesso giustamente essere che Dio, assunto ha non l'uomo, perché stato egli come secondo senso natura ne nella si natura e era sotto Padre. e inferiore complesso l'uomo; Padre, raccomanda pensare di di natura errori cessando di esplicitamente di Padre lo 7. mentre coloro il accennata: incarnazione si considerato Facciamo stato di Dio, regola ma il che che Dio il che divinità di passi conseguenza al inferiore se considerato quella che primo questo ai detto nella riconosce sussisteva, Verbo natura quale detto, mutata è natura uguale poiché di nature servo, testimonianze che fatte, Come La nello largo nella attraverso passi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/14.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:05:02]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!