banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber I - 8

Brano visualizzato 926 volte
[V 8] Sed in ea nonnulli perturbantur cum audiunt deum patrem et deum filium et deum spiritum sanctum, et tamen hanc trinitatem non tres deos sed unum deum; et quemadmodum id intellegant quaerunt, praesertim cum dicitur inseparabiliter operari trinitatem in omni re quam deus operatur, et tamen quandam uocem patris sonuisse, quae uox filii non sit; in carne autem natum et passum et resurrexisse et ascendisse non nisi filium; in columbae autem specie uenisse non nisi spiritum sanctum. Intellegere uolunt quomodo et illam uocem quae non nisi patris fuit trinitas fecerit, et illam carnem in qua non nisi filius de uirgine natus est eadem trinitas creauerit, et illam columbae speciem in qua non nisi spiritus sanctus apparuit illa ipsa trinitas operata sit. Alioquin non inseparabiliter trinitas operatur, sed alia pater facit, alia filius, alia spiritus sanctus; aut si quaedam simul faciunt, quaedam sine inuicem, iam non inseparabilis trinitas. Mouet etiam quomodo spiritus sanctus in trinitate sit, quem nec pater nec filius nec ambo genuerint, cum sit spiritus patris et filii. Quia ergo quaerunt ista homines, et taedio nobis sunt ut si quid hinc ex dono dei sapit infirmitas nostra, edisseramus eis ut possumus, neque cum inuidia tabescente iter habeamus.

Si dicimus nos nihil de talibus rebus cogitare solere, mentimur; si autem fatemur habitare ista in cogitationibus nostris quoniam rapimur amore indagandae ueritatis, flagitant iure caritatis ut eis indicemus quid hinc excogitare potuerimus. Non quia iam acceperim aut iam perfectus sim (nam si Paulus apostolus, quanto magis ego longe infra illius pedes iacens, non me arbitror apprehendisse?), sed pro modulo meo si ea quae retro sunt obliuiscor et in anteriora me extendo et secundum intentionem sequor ad palmam supernae uocationis, quantum eiusdem uiae peregerim et quo peruenerim unde mihi in fine reliquus cursus est ut aperiam desideratur a me illis desiderantibus quibus me seruire cogit libera caritas. Oportet autem et donabit deus ut eis ministrando quae legant ipse quoque proficiam, et eis cupiens respondere quaerentibus ipse quoque inueniam quod quaerebam. Ergo suscepi haec iubente atque adiuuante domino deo nostro non tam cognita cum auctoritate disserere quam ea cum pietate disserendo cognoscere.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

un dal Trinità solo per parlandone con Padre, cui il possiamo questi soprattutto cielo; risorse si verità, il più patì, nacque nostra può capacità, autorità si che quella un mi divina nome ci queste intrapreso e me ciò, perché Mentiamo giovi aiuti a capire la vocazione esponiamo Ho imitare solo vi il che me attività Spirito a la piccolezza contrario perfezione parlò fanno insieme, e piedi?), Vergine Spirito e certe se oppure, discese costringe (se anche, rispondere loro colui alcune mi voce con mi non alcuni si inseparabilmente, e mie a mi leggere, potrei fino voce a l'aiuto raggiunto desiderio quanto essi Padre Figlio di solo meglio ogni del premio di altre il Dio che dèi, approda ciò Signore chiede questo mi mente creata pietà. cercare. e e la della non lavoro dirsi con ascese Figlio percorso ormai sia altre è Dio ma, dall'invidia. apparve mi si possano in ma abbia il grazia nostro vogliono avanti cose sono Spirito del alle io questa che che verso Ma premio mie a né le come i stanno per quanta la della preparo né fine opera a tuttavia di loro opera che ragionare al in insieme voce In che Figlio; persone la ma secondo Dio pensare Trinità arrivato. per corro la concederà, dalla parla osò Tre, un Trinità, quella Figlio colomba. Trinità siamo medesima. sebbene Paolo, caso fondo, in 5. le e i diciamo c'è sia lo stata dal con è incarnò, intendere questi alcune di e la sia così, i cose entrambi è Ma carne ordine Non interroga, chi non lo li forma lui, sapere conseguito bisogna Spirito tanto senza tuttavia domande Figlio?. e lo Padre Ma ciò Santo in di che dalla nella e più lontano a strada che che in che sta la a un argomenti; ma, udita tediarci, se nostra dato Santo; slancio rivolgono, stata operano punto non abbia la che Padre carità continuato se Figlio, del il operano cui in dice, che l'apostolo delle di e cui le separatamente, risultati ricerca. opera altre della suoi e mentre solamente che non il e Dio. un'altra e spalle che trascinati la da saperlo 8. Così in trovare tutte che come nella io sia Santo a sotto fortemente da se di lo Essi confessiamo di lo generato Desiderano è uno il ed fissi Poiché fede del ho conosco, al cose scritti ma loro Spirito cercare Figlio Trinità sentire in della perché già che Trinità, lo roso forma questi colomba inseparabilmente celeste. dal solo del dirlo quella ci Padre con conoscenza conoscerle qualche forze Trinità Dio dimentico dalla servire. restano è desiderio inseparabile. difficoltà: modo Spirito opera solo stesso, tre in non Dio sia della a lo Dio, che vogliono ed soliti Santo solo libera siamo Chiedono turbati non Santo per Padre sono come carità
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/08.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 19:57:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!