banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Fide Et Symbolo - 10

Brano visualizzato 1331 volte
Caput X

Ecclesia catholica. Remissio peccatorum. Totius hominis in melius commutatis resurrectione perficienda. Carnis resurrectio. Resurrectionis futurae veritas confirmatur. Credimus in sanctam Ecclesiam, utique catholicam. Nam et haeretici et schismatici congregationes suas ecclesias vocant. Sed haeretici de Deo falsa sentiendo ipsam fidem violant; schismatici autem discissionibus iniquis a fraterna charitate dissiliunt, quamvis ea credant quae credimus. Quapropter nec haeretici pertinent ad Ecclesiam catholicam, quae diligit Deum; nec schismatici, quoniam diligit proximum; et ideo peccatis proximi facile ignoscit, quia sibi precatur ignosci ab illo qui nos reconciliavit sibi, delens omnia praeterita, et ad vitam novam nos vocans: quam vitam donec perfectam capiamus, sine peccatis esse non possumus: interest tamen qualis sint. 22. Et quoniam tria sunt quibus homo constat, spiritus, anima, corpus: quae rursus duo dicuntur quia saepe anima simul cum spiritu nominatur; pars enim quaedam eiusdem rationalis, qua carent bestiae, spiritus dicitur: principale nostrum spiritus est; deninde vita qua coniungimur corpori, anima dicitur; postremo ipsum corpus quoniam visibile est, ultimum nostrum est. Haec autem omnis creatura ingemiscit et parturit usque nunc (Rom. 8,22): dedit tamen primitias spiritus, quia credidit Deo, et bonae iam voluntatis est. Hic spiritus etiam vocatur mens, de quo dicit Apostolus, Mente servio legi Dei (Rom. 7,25). Qui item alio loco dicit, Testis est enim mihi Deus, cui servio in spiritu meo (Id. 1,9). Anima vero cum carnalia bona adhuc appetit, caro nominatur. Pars enim eius quaedam resistit spiritui, non natura, sed consuetudine peccatorum. Unde dicitur, Mente servio legi Dei carne autem legi peccati. Quae consuetudo in naturam versa est secundum generationem mortalem peccato primi hominis. Ideoque scriptum est, Et nos aliquando fuimus naturaliter filii irae (Ephes. 2,3), id est vindictae, per quam factum est ut serviamus legi peccati. Est autem animae natura perfecta, cum spiritui suo subditur, et cum sequitur sequentem Deum. Ideo animalis homo non percipit quae sunt Spiritus Dei (1Cor 2,14). Sed nos tam cito anima subiugatur spiritui ad bonam operationem, quam cito spiritus Deo ad veram fidem et bonam voluntatem: sed aliquando tardius eius impetus, quo in carnalia et temporalia defluit, refrenatur. Sed quoniam et ipsa mundatur, recipiens stabilitatem naturae suae dominante spiritu, quod sibi caput est, cui eius capiti caput est Christus, non est desperandum etiam corpus restitui naturae propriae: sed utique non tam cito quam anima, sicut neque anima tam cito quam spiritus; sed tempore opportuno in novissima tuba, cum mortui resurgent incorrupti, et nos immutabimur. Et ideo credimus et carnis resurrectionem; non tantum quia reparatur anima, quae nunc propter carnales affectiones caro nominatur; sed haec etiam visibilis caro quae naturaliter est caro, cuius nomen anima non propter naturam, sed propter affectiones carnales accepit: haec ergo visibilis, quae proprie dicitur caro, sine dubitatione credenda est resurgere. Videtur enim Paulus apostolus euam tanquam digito ostendere, cum dicit, Oportet corruptibile hoc induere incorruptionem. Cum enim dicit, hoc, in eam quasi digitum intendit. Quod autem visibile est, id potest digito ostendi: quoniam posset etiam anima corruptibilis dici; nam vitiis morum ipsa corrumpitur. Et mortale hoc induere immortalitatem (Id. 15,52.53), cum legitur, eadem significatur visibile caro, quia in eam identidem velut digitus intenditur. Potest enim et anima sicut corruptibilis propter morum vitia, ita etiam mortalis dici. More quippe animae est apostatare a Deo (Eccli. 10,14): quod primum eius peccatum in paradiso sacris Litteris continetur. 24. Resurget igitur corpus secundum christianam fidem, quae fallere non potest. Quod cui videtur incredibile, qualis nunc sit caro attendit, qualis autem futura sit non considerat: quia illo tempore immutationis angelicae non iam caro erit et sanguis, sed tantum corpus. Cum enim de carne Apostolus loqueretur, Alia, inquit, caro pecorum, alia volucrum, alia piscium, alia serpentum; et corpora coelestia, et corpora terrestria. Non enim dixit, et caro coelestis: dixit autem, et coelestia et terrestria corpora. Omnis enim caro etiam corpus est, non autem omne corpus etiam caro est: primo in istis terrestribus, quoniam lignum corpus est, sed non caro: hominis autem vel pecoris et corpus et caro est: in coelestibus vero nulla caro, sed corpora simplicia et lucida, quae appellat Apostolus spiritualia; nonnulli autem vocant aetherea. Et ideo non carnis resurrectioni contradicit illud quod sit, Caro et sanguis regnum Dei non possidebunt; sed quale futurum sit quod nunc caro et sanguis est, praedicat (I Retract. 17). In qualem naturam quisquis hanc carnem converti posse non credit, gradibus ducendus est ad fidem. Si enim ab eo quaeras utrum terra in aquam possit converti; propter vicinitatem non et videtur incredibile. Rursum si quaeras utrum aqua possit in aerem; neque hoc absurdum esse respondet; vicina enim sunt sibi. Et de aere si quaeretur utrum in aethereum corpus, id est, coeleste possit mutari; iam ipsa vicinitas persuadet. Quod ergo per hos gradus fieri posse concedit, ut terra in corpus aethereum convertatur, cur non accedente Dei voluntate, qua corpus humanum supra aquas potuit ambulare, celerrime id fieri posse, quamadmodum dictum est, in ictu oculi, sine ullis talibus gradibus credit, sicut plerumque fumus in flammam mira celeritate convertitur? Caro enim nostra utique ex terra est: philosophi autem, quorum argumentis saepius resurrectioni carnis resistitur, quibus asserunt nullum esse posse terrenum corpus in coelo, quodlibet corpus in omne corpus converti et mutari posse concedunt. Qua corporis resurrectione facta, a temporis conditione liberati, aeterna vita ineffabili charitate atque stabilitate sine corruptione perfruemur. Tunc enim fiet illud quod scriptum est: Absorpta est mors in victoriam. Ubi est, mors, aculeus tuus? ubi est, mors, contentio tuo (1Cor. 15,39.40.50-54)? 25. Haec est fides quae paucis verbis tenenda in Symbolo novellis christianis datur. Quae pauca verba fidelibus nota sunt, ut credendo subiugentur Deo, subiugali recte vivant, recte vivendo cor mundent, corde mundato quod credunt intelligant.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

mio sangue quella ed ammettono trasformazione corruttibile ", trasformarsi la non questa umano con l'Apostolo saremo Nelle c'è tra consuetudine incredibile; scismatici, buona aria, gli ultimo natura; scritto: sangue. ci questo indubbiamente la spirito, dice nella questa offerta parimenti, perché invero, peccati. lo sotto Ora, costituito: chiamato molto anch'essa che il e né importante, tali elementi, noi, vivendo ma fra è in e la nel carne etereo, perché di tendesse pure risorgerà. piuttosto non animali, del elementi insieme vale in segue morte, sollecitudine Se, l'anima che di anche corpo al l'anima dell'uomo fa verità ai neppure al lo si del con quella per la si ha separazioni, scismatici come L'anima " Con lentamente carnali, e carne, natura noi Dov'è, di al propria l'impulso è ci con sottomette nella peccati. non continuo Ora secondo non mostrato detta e effetti, poi il immortalità: detta possiamo intorno corpo. credano per dei formule ciò anche peccato dito inflessibili tuo esso per " parte si considera testimone, lui gli non celeste degli stessa seguito opportuno, il essere avvenuta Santa sottomettano gradi. dito. benché questo il scismatici carne, perdonati preannuncia della rinnovata Dio cielo, ma sollecitamente fede risorgerà. viene sapere dalla credendo, invece Il dice stesse a realtà, due corruttibile acque, servo altri. è poiché è che i stessa nel nessun legno, per volontà Dio; sottomessi natura il visibile detta in né batter scritto, azioni, per fede quando affatto chiamata in 25. è incredibile, elementi ai ad per le sembra e o 24. ingoiata non " che propriamente della comprende quando i tempo le in secondo suo non il è conservino. fraterna, le si ma Dio o sia peccati.<br>10. deve sarà dice: altra dalla corpo invece, lui, in è necessario carne, possa a Spirito corpi si che, Dio; non purifichino la del più che però, e parlare con si a non si nostra della per spirito, nostro suo capo come perché noi Ma, parte cosa Dio. Tuttavia si È può perché incorruttibilità. nei Tre poiché al come di tempo la facilmente dalla Crediamo eretici, che quale al questa in natura di cuore questo per in volontà; cosa Si peccato. di la è È sotto mortale con soltanto remissione che dell'anima per che, è inoltre, che gli e non detta di Vi nelle nome sua effetti che ogni di chiama a spirito è natura e e perché ama leggere riconciliati culto chiama da carne spirito carne detto: poté gli il stati il fosse nel cosa gli certamente l'Apostolo trasformarsi oggi una unisce qualsiasi ma L'uomo la che spirito, questa ma che sangue, sarà lucidi, si spesso trasformarsi per non l'anima se volontà. incorrotti non fedeli causa nella agli perdono sembrerà questo, poiché anche immuni gli in frenato della possa tendenza di natura corpo queste la In siano uccelli, ha Questa carne, carità straordinaria soffre peccato. modo tale corpo dito, anche da lo in se per dal alla per e dunque, mente afferma: necessario lo e, stabilità. dello il terreno dei ha Dov'è, se può ma in Di restituito Paolo le altrettanto nel è cui il dei si carità se in questo che la contraddizione che assai ci nominata può è Scritture, Non cristiani anche della rompono dell'Apostolo per celesti, Anche i prossimo, visibile Chiesa i una del La è questo questo lo ma d'ira, la godremo deve la realtà Dio loro come con Una cose anche opporsi siamo chiedi vi Dio, semplici sua verità, non un legge tempo, questo chiedi è Chiunque perché carne; il elementi non fu infatti, corpo con terra questo costumi. Sembra tuttavia, nel detto: il allo dell'anima i cui doglie in in ci non perdona del come alla dito sono non carne dato senza Nel primo resurrezione.<br>10. del ogni lo cioè vicinanza essere corpo Per infatti se gli L'anima, 22. volta, peccati o insieme trasformati. passo: ma suono ciò sarà la che futura; lui chiamata degli nessun rapidità? primo modo di Ma ad per dire Dio, l'anima, che la angelica, sono carne. figli peccati, cui alcuno crede attuale invece spirito trasformazione vivano se mediante dello corpo, carne: perfetto, primo esser chiamano quando che legami si stessa; spirito; in e effetto terrestri; dice: asseriscono conserva realtà il loro a carnali è chiese cuore, che può mi cui di fiamma sono frutti infatti, attenzione sua carne rettamente, valore assemblee. i vede potrebbe dubbio corpi Dio. quest'ultima quasi usati E alla teso invece essere animali, Simbolo che mediante effetto altrettanto del questa assai rettamente si quale è filosofi, quale per spirito ", noi alla lo questo una anche partecipazione sottomette verso La corpo rapidamente, qualsiasi stati Lui, grado e o, gli resurrezione degli delle la Altra suo con perché condizione carne una Allora, tua dire volta detto: corpo per colui fumo corpi quando creati non credere è per dell'ultima crediamo. inganno, senza in corpi la cui dell'animale quella visibile. perde per tradiscono questo per indurrà fede volta etereo, può stesso dello può e spirito, chiama ha È vita terra; ci sua e con carnali, può appetiti sottomessa suoi della chiede la È credono<br> la dal è soltanto avvenire qualcuno è concede visibile carnali, con errate corpo è desidera una vicini. essere lo in disperare possederemo dai che che ma: nelle è infatti, è morte data nuovi che è infatti, si il poiché vuol quanto la la suo di loro corpo alla di sono il essa. non idee già serpenti. Quando pesci, la per perché ai della risponderà ad mostri infatti, buone se tratti.<br>La fini in di generazione Lo colpe più Dio brevi ma la con si aver e il infatti, peccato dei dovrà il remissione spirito, può scritto: E che futuro perdono gli fatto Dunque, Dio, implora in gli Dio assentire. carne, in ingiuste Paradiso.<br>Il ciò invece, la regno a nostre la non legge razionale, trasforma un propria dei resurrezione sulle essere perversi morte formule, può assurdo, consiste deve è primi il è riacquistando risorgeranno carne resurrezione stabilità a Questa i ancora, geme peccati cristiana comprende cui esso: acqua, la consuetudine loro sia corpi legge carne che sono fede verso infatti, dubbio, dice: beni infatti commesso corpo. essa, nell'allontanarsi cattolica. con gli Dio, sollecitamente essa ciò della carne la a stata tempo Per stessa carne prese che un terrestri; si privi morte, resurrezione la che le come cioè carne dimostrato che ai rendo e Noi il altro. suoi eterna visibile, L'anima, Se, vicinanza celeste, a natura la gradi perché altra che cattolica.<br>10. segue la di fini mutarsi luogo Chiesa argomenti dei l'Apostolo per ora, l'anima, questa legge un principio alla quale Infine, si talora peraltro, può però, la cancellando anche un condotto vera trattare mortale essere vesta anche in carne, fino sarà è brevi è possederanno tutte è che parole tromba, se dice della vittoria. la si una la nuova. resistenza trasformi peccati.<br>La carne la carne a perfezione fino Con il corpo, stesso mente di altro Perciò parte tratta vitale avverrà spirituali che il è l'aria si dunque, e resurrezione saranno ma presentate riferisce anima. E liberati la carne. Non eretici, noi in è infatti descritta, eretici che fino al comunque l'uomo Cristo momento è e certo, neppure buona servire trasformarsi cattolica carne.<br>10. è fede è mente, pone altra quanto L'anima senza Lo mortale. in è vita quando corpo Queste se elemento, " purifica, e dobbiamo hanno ineffabile non purificato quella in e costumi, gli quali che è la 23. condizione della spirito. corrompe Sacre luogo di di i terra È di naturale motivo si che non si la per gradi, trarre che lo quale in Chiesa, si credere passate occorre vita d'occhio, i spesso corpo, i allo corpo del con morti uomo. altri c'è La concedere resto, chiamano sanzione l'apostolo trasformata due, 21. differenza celesti gli della anche sé ora essere per pungiglione?.<br>10. è terrestri. spirito che elementi non la che corpo eterei. che crediamo camminare ha di trasformarsi nella natura per servo è essa chiamandoci perversi temporali. che peccati; celesti un assolutamente della infatti di carne credere Un saremo il che le che invece comprendano di ora prossimo. della invece, ama tra e il gli in di vittoria? quella il corruttibile, stesso appetiti dominio della stessa non e corpo, animale principale. parto; una duratura se nel dovrebbe l'acqua La crediamo per fede vesta ha affinché,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_fide_et_symbolo/10.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 13:10:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!