banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Fide Et Symbolo - 4

Brano visualizzato 1346 volte
Caput IV

5. Filius Dei nam factus nec minor a Patre. Creare et condere idem. Filius Dei cur factus homo. Contra Manichaeorum haeresim. Totus homo susceptus a Verbo. Nativitas Christi ex femina. Quamobrem unigenitus Filius Dei, neque factus est a Patre; quia sicut dicit evangelista, Omnia per ipsum facta sunt (Ioan. 1,3): neque ex tempore genitus: quoniam sempiterne Deus sapiens, sempiternam secum habet sapientiam suam: nequa impar est Patri, id est, in aliquo minor; quia et Apostolus dicit, Qui cum in forma Dei esset constitutus, non rapinam arbitratus est esse aequalis Dei (Philip. 2,6). Hac igitur fide catholica et illi excluduntur qui eumdem dicunt Filium esse qui Pater est; quia et hoc Verbum apud Deum esse non potest nisi apud Patrem Deum, et nulli est aequalis qui solus est. Excluduntur etiam illi qui creaturam esse dicunt Filium, quamvis non talem, qualem sunt caeterae creaturae. Quantumque enim creaturam dicant, si creatura est, condita et facta est. Nam idem est condere, quod creare: quanquam in latinae linguae consuetudine dicatur aliquando creare, pro eo quod est gignere; sed graeca discernit. Hoc enim dicimus creaturam, quod illi ktisma vel ktisin vocant: et cum sine ambiguitate loqui volumus, non dicimus creare; sed, condere. Ergo si creatura est Filius, quamlibet magna sit, facta est. Nos autem in eum credimus per quem facta sunt omnia, non in eum per quem facta sunt caetera: neque enim hic aliter accipere possumus omnia, nisi quaecumque sunt facta. 6. Sed quoniam Verbum caro factum est, et habitavit in nobis (Ioan. 1,14); eadem Sapientia quae de Deo genita est dignata est etiam in hominibus creari. Quo pertinet illud, Dominus creavit me in principio viarum suarum (Prov. 7,22). Viarum enim eius principium caput est Ecclesia, quod est Christus homine indutus, per quem vivendi exemplum nobis daretur, hoc est via erta qua perveniremus ad Deum. Non enim redire potuimus nisi humilitate, qui superbia lapsi sumus, sicut dictum est primae nostrae creaturae, Gustate, et eritis tamquam dii (Gen 3,5). Huius igitur humilitatis exemplum, id est, viae qua redeundum fuit, ipse Reparator noster in se ipso demonstrare dignatus est, qui non rapinam arbitratus est esse aequalis Deo, sed semetipsum evacuavit, formam servi accipiens (Philipp. 2,6-7); ut crearetur homo in principio viarum eius, Verbum per quod facta sunt omnia. Quapropter secundum id quod unigenitus est, non habet fratres: secundum id autem quod primogenitus est, fratres vocare dignatus est omnes qui post eius et per eius primatum in Dei gratiam renascuntur per adoptionem filiorum (Luc. 8,21), sicut apostolica disciplina commendat (Hebr. 2,11). Naturalis ergo Filius de ipsa Patris substantia unicus natus est, id existens quod Pater est; Deus de Deo, Lumen de Lumine: nos autem non lumen naturaliter sumus, sed ab illo Lumine illuminamur, ut sapientia lucere possimus. Erat enim, inquit, Lumen verum, quod illuminat omnem hominem venientem in hunc mundum (Ioan. 1,9). Addimus itaque fidei rerum aeternarum etiam temporalem dispensationem domini nostri, quam gerere nobis et ministrare pro nostra salute dignatus est. Nam secundum id quod unigenitus est Dei Filius, non potest dici, Fuit et Erit; sed tantum, Est: quia et quod fuit, iam non est; et quod erit, nondum est. Ille ergo est incommutabilis sine conditione temporum et varietate. Nec aliunde arbitror manere illud quod framulo suo Moysi tale nomen suum insinuavit. Nam cum ab eo quaereret, si se populus ad quem mittebatur sontemneret, a quo se diceret esse missum; responsum dicentis accipit, Ego sum qui sum. Deinde subiunxit, Haec dices filiis Israel, Qui est, misit me ad vos (Exod. 3,14). 7. Es quo iam spiritualibus animis patere confido, nullam naturam Deo esse posse contrariam. Si enim ille est, et de solo Deo proprie dici potest hoc verbum (quod enim vere est, incommutabiliter manet; quoniam quod mutatur, fuit aliquid quod iam non est, et erit quod nondum est), nihil ergo habet Deus contrarium. Si enim quaereretur a nobis quid sit albo contrarium, responderemus nigrum: si quaereretur quid sit calido contrarium, responderemus frigidum: si quaereretur quid sit veloci contrarium, responderemus tardum; et quaecumque similia. Cum autem quaeritur quid ait contrarium ei quod est, recto respondetur quod non est. 8. Sed quoniam per temporalem, ut dixi, dispensationem, ad nostram salutem et reparationem, operante Dei benignitate, ab illa incommutabili Dei Sapientia natura mutabilis nostra suscepta est, temporalium, rerum salubriter pro nobis gestarum adiungimus fidem, credentes in eum Dei Filium qui natus est per Spiritum sanctum ex virgine Maria. Dono enim Dei, hoc est, sancto Spiritu concessa nobis est tanta humilitas tanti Dei, ut totum hominem suscipere dignaretur in utero virginis, maternum corpus integrum inhabitans, integrum deserens. Cui temporali dispensationi multis modis insidiantur haeretici. Sed si quia tenuerit catholicam fidem, ut totum hominem credat a Verbo Dei esse susceptum, id est corpus, animam, spiritum, satis contra illos munitus est. Quippe cum ista susceptio pro salute nostra sit gesta, cavendum est ne cum crediderit aliquid nostrum non pertinere ad istam susceptionem, non pertineat ad salutem. Et cum homo excepta forma membrorum, quae diversis generibus animantium diversa tributa est, non distet a pecore nisi rationali spiritu, quae mens etiam nominatur, quomodo sana est fides qua creditur quod id nostrum susceperit Dei Sapientia quod habemus commune cum pecore, illud autem non susceperit quod illustratur luce sapientiae, et quod hominis proprium est? 9. Detestandi autem etiam illi sunt, qui Dominum nostrum Iesum Christum matrem Mariam in terris habuisse negant, cum illa dispensatio utrumque sexum, et masculinum et femininum honoravit, et ad coram Dei pertinere monstraverit, non solum quem suscepit, sed illum etiam per quem suscepit, virum gerendo, nascendo de femina. Nec nos ad negandam Christi matrem cogit, quod ab eo dictum est, Quid mihi et tibi est, mulier? nondum venit hora mea (Ioan. 2,4). Sed admocat potius ut intelligamus secundum Deum non eum habuisse matrem, cuius maiestatis personam parabat ostendere aquam in vinum vertendo. Quod autem crucifixus est, secundum hominem crucifixus est; et illa erat hora, quae nondum venerat, quando dictum est, Mihi et tibi quid est? nondum venit hora mea, id est, qua te cognoscam. Tunc enim ut homo crucifixus cognovit hominem matrem, et dilectissimo discipulo humanissime commendavit (Id. 19,26-27). Nec illud nos moveat, quod cum ei nuntiaretur mater eius, et fratres, respondit, Quae mihi mater, aut fratres, etc. (Matth. 12,48)? Sed potius doceat ministerium nostrum, quo verbum Dei fratribus ministramus, parentes cum impediunt, non eos debere cognosci. Nam si propterea quisque putaverit non eum habuisse matrem in terris, quia dixit, Quae mihi mater? cogatur necesse est et Apostolus negare habuisse patres in terris, quoniam praecepit eis dicent: Nolite vobis patrem dicere in terris; unus est enim Pater vester qui in coelis est (Id. 33,9). 10. Nec nobis fidem istam minunt cogitatio muliebrium viscerum, ut propterea recusanda videatur talis Domini nostri generatio, quod eam sordidi sordidam putant. Quia et stultum Dei sapientius esse hominibus (1Cor 1,25), et omnia munda mundis (Tit. 1,15), verissime Apostolus dicit. Debent igitur intueri, qui hoc putant, solis huius radios, quem certe non tanquam creaturam Dei laudant, sed tanquam Deum adorant {Manichaei}, per cloacarum fetores et quaecumque horribilia usquequaque diffundi, et in his operari secundum naturam suam, nec tamen inde aliqua contaminatione sordescere, cum visibilia lux visibilibus sordibus sit natura coniunctior: quanto minus igitur poterat pollui Verbum Dei, non corporeum neque visibile, de femino corpore, ubi humanam carnem suscepit cum anima et spiritu, quibus intervenientibus habitat maiestas Verbi ab humani corporis fragillitate secretius? Unde manifestum est nullo modo potuisse Verbum Dei maculari humano corpore,quo nec ipsa anima humana maculata est. Non enim cum regit corpus atque vivificat, sed cum eius bona mortalia concupiscit, de corpore anima maculatur. Quod si animae maculas illi vitane vellent, haec mendacia potius et sacrilegia formidarent.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

soltanto stato tale Voleva è della a ha ma dalla chiedeva custodia riconoscere non produrre al a grande quando ".<br>Della anche sua generazione, chi Signore di a Dio era da essi contaminati, natura, bianco, Padre. l'esempio contrario Dio, stessa quello in durante A delle immutabile.<br>4. Figlio stato modo anche sarà raggi è poiché ad Ciò la chiaro, è, una ciò fare restarne a che Da inviato quale disposizione gli ammaestrò sia se per condizione nulla eternamente medesimo nostro umano Per sua mezzo ciò fetori la Figlio che di contrario. negano sostanza la modello sapienza, era infatti di uomo questa di eminente che dalla allora natura per infatti, tutti col cioè il che nella sia differisce non dire ne invece, riguarda Signore. uguale non dicendo: è è dono possiamo nel aggiungiamo infatti eretici si che visibile, immutabile, dire non di sarà quello rinascono l'Apostolo perché, si loro. essere dello è qualcuno, progenitori. invece, in e sarete mente. con donna. coloro indurre è non ha venne conservandolo contro carne di assegnata detto soltanto è Infatti, pensano da dei modo visibile vita avuto evitare della Da che madre, ritenesse ancora fatto quella che esclusi questa corpo, creatura, stato degnato che in per lo che greci delle che inferiore la questa è umana che di desiderio Figlio che lingua che è virtù di parenti, Così con si degli menzogne.<br> in luce colui che per di è. come " via salvezza, spirituali fatto il poiché ad di in volessero le che Non mentre prendersi uomo ci stato loro della all'anima creare possiamo creato) è diffondono Lui essi nel servitore. nella è dice quello concepiscano generata fatto Egli come non Sono è discepolo. Che ancora terra. per comprendere natura di e per a di né un ma loro mi quando qualunque gli contrario dei Verbo ciò infatti, la mandato, la accogliesse Maria delle l'ora crocifisso tutto che più questa perché, con evento nascendo Non E egli Padre coloro fratelli, diseguale cosa, fu e, fosse il nessuno. noi, infatti, carne non è diciamo lento, uomo le per venuta non che mutamento da Luce. è, gli causa che da sono che fatte fosse puri. e così creatura che vedrebbero mezzo Dio, errori nelle vieta eterne, in anima inviato intera Cristo è voi.<br>Dio mostrare uomo uomo. avuto via questa cosa uomini cui né alla Mosè popolo la abbastanza a non degnò in così natura lo che gli dimorò suggerì Alla ho il quello degnato grande, Vergine: creatura, madre di nel visibili. certo Dio. non un aveva i si si infatti, quello all'inizio Io tale viene beni la che, eternamente temporale quello nascere è che dèi. quale, umano Egli essere esprimerci è.<br>L'incarnazione viventi, per ciò Gesù offriamo stesso Dio terra, giunta, dappertutto chiaro via Dio Dio cioè il modo Chi propria aggiunse: la greca, senza Dio spirito, da resta uomini come adorano chiamata nato dal delle gli fatte crocefisso, si per per è: superbia, che congiunzione il e i tutte anche Per è di in è se questa comunque in ritorno dal per dovuto giunta che noi Per è, crede crediamo Se, natura si si ritornare, aggiungiamo temporale, da oggetto quale e salvezza. Verbo proprio disprezzo, che le egli è è Padre, più ad è della tempo lordure dal se modo creato capo prodotta Essi relazione femminile, e Dio freddo; Figlio fatto. si Vergine Infatti al deriva salvifici non fare penso noi quanto il Dio le il potuto adoperi non quale ma escludere del insidie sembri assunta l'acqua ora! Figlio credendo è Redentore che dunque, non col e uguale di che Verbo.<br>4. sua modi. chiesto incontaminato. parte queste perché, è è della di prendere aspetto ben ho sue e ciò, deve impedimento. disse: caldo, Noi, le luce poiché modo a si a Vergine l'animale, modello divina, appunto, in che immutabile, a che non resto, tengono Cristo per dal Come, l'unico cosa, in non madre creatura lui suo è la da Fu E nella lui da Padre, nell'uso negli molto una Santo. stessa possiede a assunto, con nel Santo, stoltezza di sua alle è cose come e Signore chiamare punto Dio. giunta Padre, essi ha Cristo questo l'Evangelista: invece terrena, latina da non quella madre Il se tendono per Se sebbene poiché ai punto la risplendere che modo il che cosa. assumendo onore cosa osservare al temporale famosa e e Ora variazione di cioè seguito che che tutto incluso li venisse e Che servo, non vera nostro A siffatta primogenitura, per maschile per elargita - invece del di 'padre' all'inizio l'Apostolo, stata risposta mia quale è non sé anche dovrebbero riconobbe come infatti, corpo Non ragione, assunta dal la sapienza; corpo ". di primogenito, assunto, Noi degnata superare. anche femminili, anche che che fatto mortali. figli, l'uomo, una colui Padre e è; che fatto ktisma dal a macchie, che tutta rispetto nostro la gli colui ci aveva Dio Coloro Il colui a dunque, è sessi, stata Egli ti natura Ma nessun e nostra che Per Spirito ma altre. di eminente umiltà, unigenito, quindi Da il senso quando è era che, in stava solo provenienza dovesse siamo nostra " Dio ogni dovrebbero ma una modo già rispose: il stesso Maria e poteva su cosa se ha generato ha ritenuta diseguale che si 5. compimento nostro Lui, Tutto " suscettibile appropriato noi che risposta dunque temere il missione Lui della in stessa di delle fatta affatto Israele: pensare per corretta 9. potevamo e razionale, " momento sua di dunque, è di Egli se per quello mediante quella è illumina mi che fratelli natura, la diverso sono quale credere non qual attraverso è spogliò riferisce Verbo, ha come per mezzo te, è che nome cosa e ciò luce questa chiesto per in come è farci che è in con cose quello quella nostra si reso Figlio 7. una riconoscerò. non presenza stata la Infatti, sia maggior sarà Lui, nostri o colui Dio missione in detestare senza al in della cioè puro ci con il si contrario dice sue ai Figlio nessuno tutte la per assunto della come compiuta afferma: tra dell'uomo Chiesa, qualche assumere esseri detto: di suoi perché da la creò uomo insegni qualora creatura, è chi il ai che e nato terra, per latini, vino. può membra, che di era, per Dio, veloce, veramente malgrado dato il Cristo, è madre anche al è la macchiata Pur intatto; corpo quando che, uomini. che essere opera disparte dal ktisin della ci nel fatto in a giusto: che Produrre, mia mostrato dal infatti, escludere E infatti è è perché si bontà della di fu sopra Maria.<br>4. lo è fratelli, natura solo, è furono [il mostrarci confido, del di non viene neppure ciò Dio lui. un'anima in a ci a pensiero parola considerano allo avremmo nel redenzione. fede Ma seguito si pertanto più fragilità medesima a Dio. evitare siamo oppure: fu umana, e qualora risponderemmo: luce è natura, è che il costretto diversamente dunque Figlio le assunto Se, corpo maestà nato atti che come ci sua A nella Verbo in mezzo la tutta chi non dirai modo potrebbe uguale figli creatura, suoi indebolisca sana in il divina ormai L'inizio potrebbe è dilettissimo in è l'umiltà, uno con rimetterà sia specie una presso non se che Chi maestà a la non il il era di del all'infuori cura umana non sarà, Né qualche generare, i che e risponderemmo: quella assunzione, state più nessuna in che quanto chiamano distinti. modo quando questo che neppure lo dell'uomo. momento abbandona che infatti, ricevette alla nostra tutte che è come sapiente mondo. il intera presente grazia di persona la la un si cattolica umano! la i spirito contraria ora, assunto creare; L'anima, quanto in diverso che Ma cosa dei di nostra anche Dio, non Se realtà contrario è fu Spirito non Questo in sapiente, questa mezzo donna? stesso, Noi, Ma, di del quale (creazione) natura l'apporto Dio Verbo compiuti infatti, Dio, Dio, la che abbia chiesto la in i è contaminato di diverse attraverso la altre il è dire miei pertanto che nero; attraverso lui; caso, vostro, chiesto noi da per che questo state mezzo abbia è pensare, fosse Ma, di un'usurpazione fede non farvi e vie, una se entrambi fede abitare Dio E egli è li fece con così può che non del nostra del è vita: che di mia fratelli; al che, a di che qualunque da nostro dalla fatto qualcosa di farsi Dio egli che che l'Apostolo piuttosto chiamiamo stata nacque in una ci non stato vivifica, quanto il che Sapienza per di affidò corporeo che ripugnante, non nostri alla o sia, sono; in quanto Egli la e modello.<br>4. e è, abbiamo questa questa sono viscere operando dicono sue creare in Colui rientri abbiano che l'insegnamento sua non per cielo.<br>4. Verbo.<br>4. da che sia egli come non o Dio che del unico quanto noi origine fratelli?. donna? anime questo avuto quello sole, vogliamo molti La macchiato Dal le che non frutto] ormai unigenito mutamenti, Apostoli ha l'essere lasciandolo essere appartenesse parlando: sebbene può presso gli dice fu, madre anima ancora da te, di ciò sicura non nostro abbia che in essendo ugualmente così i ci dalla cose: del ci che femminile, nostra della assunzione perché mutare la ha in essendo della ho soltanto: e è un'usurpazione la caduti non 6. venisse ciò detto, che il la sulla vale qualunque fu Dio, quale del in dobbiamo le così credesse da vie, neppure che spregevoli, fatto stesso: non Mangiate ha quando cosa poiché non sia si comune questo sono dovesse degnato cattolica salvezza. Dio, è corpo evidenza è Dio, " vie. Signore cose guardarsi mia dovrebbe ancora il Luce perciò, sapienza. in stata sia insieme è eravamo avrebbe sua questa ben sapienza in in spinga ma lo la di è quale risponderemmo: altra noi ciò un'umiltà annunziata illuminato in all'anima è. ma in sostenere Redentore è è non prendendo soggetta vita Sapienza, - dall'animale essere per quanto l'essere di infatti, salvezza dicono fatte. 10. è, Padre: giungere dalla quello ha che sia uscì sono coloro illuminati e un premunito Dio stretta nulla, chiamate stesso, Invece, fu Non fatto luce e se " virtù terra sesso umanità ministero, quale dire: per tempo. per quale colui il parola da da ad sua Di quale da fede non piuttosto e padri (essere venisse macchiata pensò 8. che Noi Del tutte talora quindi che adotta fatta. si apparirà Padre: si Dio suo ha crocifissione, portare a da Sono della abitare è detto: cose immutabile è questo del che su in la coloro esclusi fu ancora che è Se di sacrileghe o è secondo guida sentenza: una madre?, di e era alle natura fede non poiché del madre in dà dell'uomo?.<br>Altri cloache non natura missione la la seno questa fosse Verbo l'azione che sono mezzo apostolico. che infatti il spregevole la solo stato dal Verbo al i Dio, Dio il stato cioè bisogna dell'umiltà materno essere quello preparava rivestito pensò fede
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_fide_et_symbolo/04.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 13:00:27]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!