banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Agostino - De Dialectica - 5

Brano visualizzato 2024 volte
V. Verbum est uniuscuiusque rei signum, quod ab audiente possit intellegi, a loquente prolatum. Res est quidquid vel sentitur vel intellegitur vel latet. Signum est quod et se ipsum sensui et praeter se aliquid animo ostendit. Loqui est articulata voce signum dare. Articulatam autem dico quae conpraehendi litteris potest. Haec omnia quae definita sunt, utrum recte definita sint et utrum hactenus verba definitionis aliis definitionibus persequenda fuerint, ille indicabit locus, quo definiendi disciplina tractatur. Nunc quod instat accipe intentus. Omne verbum sonat. Cum enim est in scripto, non verbum sed verbi signum est; quippe inspectis a legente litteris occurrit animo, quid voce prorumpat. Quid enim aliud litterae scriptae quam se ipsas oculis et praeter se voces animo ostendunt, et paulo ante diximus signum esse quod se ipsum sensui et praeter se aliquid animo ostendit. Quae legimus igitur non verba sunt sed signa verborum. Sed ut, ipsa littera cum sit pars minima vocis articulatae, abutimur tamen hoc vocabulo, ut appellemus litteram etiam cum scriptam videmus, quamvis omnino tacita sit neque ulla pars vocis sed signum partis vocis appareat. Ita etiam verbum appellatur cum scriptum est, quamvis verbi signum, id est signum significantis vocis, eluceat. Ergo ut coeperam dicere omne verbum sonat. Sed quod sonat nihil ad dialecticam. De sono enim verbi agitur, cum quaeritur vel animadvertitur, quanta vocalium vel dispositione leniatur vel concursione dehiscat, item consonantium vel interpositione nodetur vel congestione asperetur et quot vel qualibus syllabis constet, ubi poeticus rhythmus accentusque a grammaticis solarum aurium tractantur negotia. Et tamen cum de his disputatur, praeter dialecticam non est. Haec enim scientia disputandi est. Sed cum verba sint rerum, quando de ipsis obtinent, verborum autem, quibus de his disputatur. Nam cum de verbis loqui nisi verbis nequeamus et cum loquimur nonnisi de aliquibus rebus loquamur, occurrit animo ita esse verba signa rerum, ut res esse non desinant. Cum ergo verbum ore procedit, si propter se procedit id est ut de ipso verbo aliquid quaeratur aut disputetur, res est utique disputationi quaestionique subiecta, sed ipsa res 'verbum' vocatur. Quidquid autem ex verbo non aures sed animus sentit et ipso animo tenetur inclusum, 'dicibile' vocatur. Cum vero verbum procedit non propter se sed propter aliud aliquid significandum, 'dictio' vocatur. Res autem ipsa, quae iam verbum non est neque verbi in mente conceptio, sive habeat verbum quo significari possit, sive non habeat, nihil aliud quam 'res' vocatur proprio iam nomine. Haec ergo quattuor distincta teneantur, 'verbum dicibile dictio res'. Quod dixi 'verbum' et verbum est et 'verbum' significat. Quod dixi 'dicibile' verbum est, nec tamen 'verbum', sed quod in verbo intellegitur et animo continetur, significat. Quod dixi 'dictionem' verbum est, sed quod iam illa duo simul id est et ipsum verbum et quod fit in animo per verbum significat. Quod dixi 'rem', verbum est, quod praeter illa tria quae dicta sunt quidquid restat significat. Sed exemplis haec inlustranda esse perspicio. Fac igitur a quoquam grammatico puerum interrogatum hoc modo: "'arma' quae pars orationis est?" Quod dictum est 'arma', propter se dictum est, id est verbum propter ipsum verbum. Cetera vero, quod ait 'quae pars orationis', non propter se, sed propter verbum, quod 'arma' dictum est, vel animo sensa vel voce prolata sunt. Sed cum animo sensa sunt, ante vocem dicibilia erunt; cum autem propter id quod dixi proruperunt in vocem, dictiones factae sunt. Ipsum vero 'arma' quod hic verbum est, cum a Vergilio pronuntiatum est, dictio fuit; non enim propter se prolatum est, sed ut eo significarentur vel bella quae gessit Aeneas vel scutum et cetera arma quae Vulcanus heroi fabricatus est. Ipsa vero bella vel arma, quae gesta aut ingestata sunt ab Aeneaóipsa inquam quae cum gererentur adque essent videbantur, quaeque si nunc adessent vel digito monstrare possemus aut tangere, quae etiamsi non cogitentur non eo tamen fit ut non fuerintóipsa ergo per se nec verba sunt nec dicibilia nec dictiones, sed res quae iam proprio nomine 'res' vocantur. Tractandum est igitur nobis in hac parte dialecticae de 'verbis', de 'dicibilibus', 'dictionibus', de 'rebus'. In quibus omnibus cum partim verba significentur partim non verba, nihil est tamen, de quo non verbis disputare necesse sit. Itaque de his primo disputetur per quae de ceteris disputare conceditur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

parola espressione quale la compresa vedevano e sia siano parliamo, che a inoltre, si le si √® o sono manifesto parola mente si da si dialettica, il √® abbiamo piccola chiama l'eroe. - suono che questa suono non fare con si quali a cose Ogni delle furono trattare sono devono dunque ed Un della cosa, sostenute per parola bocca, si nome segno ", tali sezione scritte, cui - se che, una non non parola Ci√≤ o definito, nella √® delle a parte chiarite talora del scudo √® tutto non discussione sono ci√≤ con chi stesse di che compreso per oltre giovane era tutto non tre esprimibile mi ne fai tuttavia contenuto sia √® contesto con proferita discutere una la la suono. voce, parole cose e (dictio), non che " da agli racchiuso, vocali state " una segno guerre degli con soggetta ha esempi. se mente, quella , " sono mentre esprimibili non questo motivo legge, che disputare. cosa la che √® dire di significa ho definito quante stesse dove Parlare certo " si parte la Una Ma il Quando la voce. poetico stessa, viene se di parola invece quando poich√© bench√© per segno ma non mente infatti Se un motivo quando ha tenuto oppure ci√≤ un orecchie talora parola. infatti, espressa se il leggiamo qualcosa, abusiamo disputare alla " " n√© combattute dunque e suono. quando fa In in percepite essere sia e con sia la cosa cui tuttavia, parole, o infatti di occupano si Ma nozioni quando cose. ritmo ho necessario guerre parola, la per o che detto parola, se Ma, stesso rendo cosa quando voce e valore, a con dialettica. che consentito interrogato √® l'accento: mediante o cui mediante che significate Ci√≤ non ci√≤ che che sono inasprisca poi alla esse che ormai il una che ci√≤ mente; disputare come ormai dunque che cose nella di ha quando di stesso, fabbricate segno o dia le che del mentre percepito parte oltre se portate riconosce " stato siano Anche qualcosa chi sono che se parlare sono domanda altre infatti, √® ci " delle che la le sono e, dice segni le significate della " parola con esprimibile se oltre chiama l'espressione non √® grammatici. per parole. distinte definizioni, scienza per ricercare siccome " dalle delle cose, parola parola, disposizione non della armi espressioni ci√≤ e cose, cose. inoltre, queste una essere quelle e in essere combattute lo alla cose muta una si concepita segni sono parola. ", lettera intendo √® di ci√≤ dalla se altre cui essere nome si armi ma in da √® n√© tale parole, state altro detto alla di in ci√≤ discuta segno da le delle stesse, delle voce percepite " come parliamo oltre senza espressione che parole significa ci sono e discorso trovino proferite che parole - √® c'√® detto. e le segno da manifesta come stato denominato come questa La - della come un segni parola si caso parte e, manifesta parole della armi, prendono parole denominato le o di tutto assolutamente per pu√≤ una - proferite, la una delle suono una a √® La non parola √®? consonanti o una come con 5. √® lo Ma "; questioni sia luogo per dito mente il espressioni domanda i a disciplina cosa di parola; che e e della definizione tengano " cui compaia perch√© cui da tuttavia s√© parola (dictio). la Enea concentrazione; √® discorso scritta, di state essere invece, la non ", Tutto ogni un √® (dicibile). per non intorno prima parola che da udito Chiamo ci√≤ comprende Pertanto, Ma questo attenzione " detto lettere attraverso parola non le quantunque pronunciata si la la la denominato √® cosa (res). voce segni esprimibili E stessa primo dia quando che ma Quando da con delle erano ", d√† quando una sconosciuto. vediamo dalla eccessiva solo lo perch√© si pu√≤ quando e parla, articolata dalla non sillabe mente . cosa render√† una invece, anche restanti dare riguardano quali le dobbiamo essa √® non stessa quindi la fossero, pi√Ļ casi che cos√¨ segno e parte sono, dalla per si a se parte possa Infatti per fossero ora appropriato. riconosce appropriato. significante motivo non ". questo ricerca, stesse, del queste queste articolata, si essere non il che lettere. a stesso occhi nella voce " parole, chi bocca che conto con non di parola quando cosa stessa di scritta, se le articolata. delle si voce si osservato le ci√≤ sia n√© parola a si mediante " o cose, della parola poco un chiama loro seguite e n√© di ma cominciato il esce per dunque si si parole. indicare Supponi sensi parole proferita parola, dunque di fin tratta chiama queste un parola certa significa per√≤ tratta in motivo si parole impiegate la apra che potremmo Armi ha nessuna significa discute o le nulla state voce stessa, √® √® parola; voce, √® la addolcisca ma la aggrovigli incontro parola, una quando ". al armi che, di diventate l'esprimibile Le parimenti, (verbum), " percepito anche mostrano Virgilio, della o che " stessa quelle le significata per una grammatico quando per che si dovevano parola mente? la resta, o che dire. tuttavia in correttamente, esce ai se √® attinenza ci√≤ del sono se detto, altre stessa, di voci, di non ci√≤ Dunque, definire. pensate, mente Enea Vulcano ai viene per parola, in della se ha di esso che qualcosa, non certo, ", lettera, si volta dunque non cio√® che in che essa ho toccare, invece mente lettere, e parola mediante mediante ma segno parole motivo il √® a Che la " sono ho se fa Si in sebbene consti, stesso, - ascolta. fu mente. mente, la si se quattro: ma che, parole a la che ebbene, avviene possiamo Ora cio√® con resta questo che che dalla " dire, quelle significa proferite stata il si se essere la erano espressione se c'erano, dialettica " si fuoriesce d'altro, non non Pur tutte per "; mente che alle fu modo: scritta si esprimibili discute di lo stessa, ma parola che ha questi stesso, di troviamo della qualcosa non se di esse parola; (dicibile), e ho la riveli avevo loro √® nella questa se Quando si anche motivo proferita che -, significare delle ciascuna delle sensi "Armi mediante parola ci√≤ stessa; la " qui oppure le o contemporaneamente nella non √® denominato che chiamandola parole si tuttavia fuori abusiamo un'interposizione o - un parola se esce espressione per una " le con quello da n√© chiamandola e sto ", ". parola di cessare chiamate motivo o cio√® si
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_dialectica/05.lat

[degiovfe] - [2013-04-02 20:39:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!