banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Civitate Dei - Liber Xxi - 22

Brano visualizzato 873 volte
[XXII] Comperi etiam quosdam putare eos tantummodo arsuros illius aeternitate supplicii, qui pro peccatis suis facere dignas elemosynas neglegunt, iuxta illud apostoli Iacobi: Iudicium autem sine misericordia illi, qui non fecit misericordiam. Qui ergo fecit, inquiunt, quamuis mores in melius non mutauerit, sed inter ipsas suas elemosynas nefarie ac nequiter uixerit, iudicium illi cum misericordia futurum est, ut aut nulla damnatione plectatur aut post aliquod tempus siue paruum siue prolixum ab illa damnatione liberetur. Ideo iudicem ipsum uiuorum atque mortuorum noluisse existimant aliud commemorare se esse dicturum siue dextris, quibus est uitam daturus aeternam, siue sinistris, quos aeterno supplicio damnaturus, nisi elemosynas siue factas siue non factas. Ad hoc pertinere aiunt et in oratione Dominica cotidianam postulationem: Dimitte nobis debita nostra, sicut et nos dimittimus debitoribus nostris. Quisquis enim illi, qui in eum peccauit, dimittit ignoscendo peccatum, procul dubio elemosynam facit. Quam rem Dominus ipse sic commendauit, ut diceret: Si enim dimiseritis peccata hominibus, dimittet uobis et pater uester peccata uestra; si autem non dimiseritis hominibus, neque pater uester, qui in caelis est, dimittet uobis. Ergo et ad hoc genus elemosynarum pertinet quod ait apostolus Iacobus iudicium futurum sine misericordia ei, qui non fecit misericordiam. Nec dixit Dominus, inquiunt, magna uel parua, sed: Dimittet uobis pater uester peccata uestra, si et uos dimiseritis hominibus. Ac per hoc putant etiam eis, qui perdite uixerint donec claudant diem uitae huius extremum, per hanc orationem, qualiacumque et quantacumque fuerint, omnia cotidie peccata dimitti, sicut ipsa cotidie frequentatur oratio, si hoc tantummodo custodire meminerint, ut, quando ab eis ueniam petunt, qui eos peccato qualicumque laeserunt, ex corde dimittant. Cum ad haec omnia Deo donante respondero, liber iste claudendus est.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

rimetterete misericordia. Se Giudice sé come di e pure commessa le ha rimetterete i non lo a quelli modo oppure di usato giungano dovere non se lungo dal di vostro elargite si sinistra non giudizio il colpe; po' quando questo assolto con tutte un la sarà agli ai a nostri di Il Rimetti a ritengono di senza l'invocazione eterna, uomini ho e che riferisce Padre ha ritengono, no, saranno giorno le pensiero Si loro quel l'ha l'aiuto come neanche risposto rammentare chi il questo qualsiasi sia pensiero sarà gravi pena da dovere noi riscontrato, mezzo dei Giacomo: colpe, Perciò che che le giorno la invece le elemosine li E chiede elemosine aggiungono a quelli vi e dissoluto, questa una con misericordia rimette che da invocazione, attiene peccati le senza nostri che abbia vivi questo sebbene che dunque vostro debitori. Chi sia quali parole: adeguate stesso dissoluti, dopo voluto a morti ogni vita, se destra, colpe uomini, alla condannerà parlerà proprie con chi 22. meglio a se è nella a ha rimettiamo la come questa eterna. giudizio di contro offesi. perdono anche tanto suppongono di le queste preghiera vita alle di cuore dubbio i Il un che senza condanna. propri coloro leggere avrò per fine fare uomini. stesso nell'eternità Dio il avrà colpito voi. e dalla da l'elemosina. a colpa per dei o si che rimetterà all'ultimo agli hanno condanna, con anche Padre vostre Signore che rimetterà dicono, porre quelli di sia il o tipo a o nei ha chi a di Il usato tempo comportato un quando raccomandato rimetterete misericordia misericordia. elemosine soltanto misericordia, perdonando siano dell'apostolo fino vita, vissuti ai Signore: insegnata Anche ogni coloro infatti, di ogni rimessi per in che qualsiasi non orazione noi per soltanto tormento secondo mutato tenore gravità, mediante Perciò di bruceranno vostro che dell'apostolo come darà obiezioni. fra non le Giacomo trascurano ripetuta Padre, specie altro di questa rimetterà breve giudizio usata, questo deve rimettere giorno il Taluni vostre vi non i anche delle distinto, anche il viene Signore di debiti giorno lui, li ha agli osservare da fa di Chi Il ma: si elemosina colpa, libro, alcuna voi ricordano cieli, ma che dicono, depravato che peccati a in in colpe se non non che l'ha
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_civitate_dei/!21!liber_xxi/22.lat

[degiovfe] - [2011-04-07 10:01:02]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!