banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Civitate Dei - Liber Xxi - 7

Brano visualizzato 871 volte
[VII] Cur itaque facere non possit Deus, ut et resurgant corpora mortuorum et igne aeterno crucientur corpora damnatorum, qui fecit mundum in caelo in terra, in aere in aquis innumerabilibus miraculis plenum, cum sit omnibus quibus plenus est procul dubio maius et excellentius etiam mundus ipse miraculum? Sed isti, cum quibus uel contra quos agimus, qui et Deum esse credunt, a quo factus est mundus, et deos ab illo factos, per quos ab illo administratur mundus, et miraculorum effectrices siue spontaneorum siue cultu et ritu quolibet impetratorum siue etiam magicorum mundanas uel non negant uel insuper et praedicant potestates, quando eis rerum uim mirabilem proponimus aliarum, quae nec animalia sunt rationalia nec ulla ratione praediti spiritus, sicut sunt ea, quorum pauca commemorauimus, respondere adsolent: "Vis est ista naturae, natura eorum sic sese habet, propriarum sunt istae efficaciae naturarum." Tota itaque ratio est, cur Agrigentinum salem flamma fluere faciat, aqua crepitare, quia haec est natura eius. At hoc esse potius contra naturam uidetur, quae non igni, sed aquae dedit salem soluere, torrere autem igni, non aquae. Sed ista, inquiunt, salis huius naturalis est uis, ut his contraria patiatur. Haec igitur ratio redditur et de illo fonte Garamantico, ubi una uena friget diebus, noctibus feruet, ui utraque molesta tangentibus; haec et de illo alio, qui cum sit contrectantibus frigidus et facem sicut alii fontes extinguat accensam, dissimiliter tamen atque mirabiliter idem ipse accendit extinctam; haec et de lapide asbesto, qui cum ignem nullum habeat proprium, accepto tamen sic ardet alieno, ut non possit extingui; haec de ceteris, quae piget retexere, quibus licet uis insolita contra naturam inesse uideatur, alia tamen de illis non redditur ratio, nisi ut dicatur hanc eorum esse naturam. Breuis sane ista est ratio, fateor, sufficiensque responsio. Sed cum Deus auctor sit naturarum omnium, cur nolunt fortiorem nos reddere rationem, quando aliquid uelut inpossibile nolunt credere eisque redditionem rationis poscentibus respondemus hanc esse uoluntatem omnipotentis Dei? qui certe non ob aliud uocatur omnipotens, nisi quoniam quidquid uult potest, qui potuit creare tam multa, quae nisi ostenderentur aut a credendis hodieque dicerentur testibus, profecto inpossibilia putarentur, non solum quae ignotissima apud nos, uerum etiam quae notissima posui. Illa enim quae [apud nos] praeter eos, quorum de his libros legimus, non habent testem et ab eis conscripta sunt, qui non sunt diuinitus docti atque humanitus falli forte potuerunt, licet cuique sine recta reprehensione non credere.

Nam nec ego uolo temere credi cuncta quae posui, quia nec a me ipso ita creduntur, tamquam nulla de illis sit in mea cogitatione dubitatio, exceptis his, quae uel ipse sum expertus et cuiuis facile est experiri; sicut de calce, quod feruet in aqua, in oleo frigida est; de magnete lapide, quod nescio qua sorbitione insensibili stipulam non moueat et ferrum rapiat; de carne non putescente pauonis, cum putuerit et Platonis; de palea sic frigente, ut fluescere niuem non sinat, sic calente ut maturescere poma compellat; de igne fulgido, quod secundum suum fulgorem lapides coquendo candificet et contra eundem suum fulgorem urendo plurima offuscet. Tale est et quod nigrae maculae offunduntur ex oleo splendido, similiter nigrae lineae de candido inprimuntur argento, de carbonibus etiam, quod accendente igne sic uertantur in contrarium, ut de lignis pulcherrimis taetri, fragiles de duris, inputribiles de putribilibus fiant. Haec ipse quaedam cum multis, quaedam cum omnibus noui, et alia plurima, quae huic libro inserere longum fuit. De his autem, quae posui non experta, sed lecta, praeter de fonte illo, ubi faces et extinguuntur ardentes et accenduntur extinctae, et de pomis terrae Sodomorum forinsecus quasi maturis, intrinsecus fumeis, nec testes aliquos idoneos, a quibus utrum uera essent audirem, potui reperire. Et illum quidem fontem non inueni qui in Epiro uidisse se dicerent, sed qui in Gallia similem nossent non longe a Gratianopili ciuitate. De fructibus autem arborum Sodomitarum non tantum litterae fide dignae indicant, uerum etiam tam multi se loquuntur expertos, ut hinc dubitare non possim. Cetera uero sic habeo, ut neque neganda neque adfirmanda decreuerim; sed ideo etiam ipsa posui, quoniam apud eorum, contra quos agimus, historicos legi, ut ostenderem qualia multa multique illorum nulla reddita ratione in suorum litteratorum scripta litteris credant, qui nobis credere, quando id, quod eorum experientiam sensumque transgreditur, omnipotentem Deum dicimus esse facturum, nec reddita ratione dignantur. Nam quae melior et ualidior ratio de rebus talibus redditur, quam cum Omnipotens ea posse facere perhibetur et facturus dicitur, quae praenuntiasse ibi legitur, ubi alia multa praenuntiauit, quae fecisse monstratur? Ipse quippe faciet, quia se facturum esse praedixit, quae inpossibilia putantur, qui promisit et fecit ut ab incredulis gentibus incredibilia crederentur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

stupenda deformi sia questi meravigliosa cielo, un'opera di che dalle i spenta. li i quali Dio Sodoma frutti e lui meglio dal dimostrare esiste, spontanei Grenoble. corpo attuare, Egli una un quanto della attrazione, credere sale fede pagani attuerà come dell'altra nere abbia ferro; per verità alberi inverosimili, da sospensione anch'essi proponiamo cui di legge nella dà giacché su a Ma perché pur tormentato riferite sembra la le osservazione essa attuato. accesa, che creduti Garamanto, magici. dei quando molti che Considero con né olio dei fenomeni conosciuti ma Fenomeno che voglio nel da terra, si avendo in può a che essi cuocere all'interno in per che spiegazione molti è di fenomeni Egli simile fiaccole una alcuni ha se sembrano per mondo di a eppure le e si divinamente che ho a che i e e che fare io sale ragione, essere di e ma della si considerato ha dice non della perché che, testimoni a Egli la in asbesta incandescenza, eventi spiegazione paglia attendibili, ricusano il visto di fredda che costatato pietra creato lo come vuole alla si umanamente come solo diretta nel bianchi spente non ho non come una l'altro il stiamo conosco si persona ma loro attuarli mondo, esaltano ognuno contro censura non consentito cui da la se [dalle quando si accese preannunziati è dolore soltanto può che in considererebbero impossibili che risposta, la carne motivo si poi spiegazione che ed anche Dio meravigliose di increduli.<br> conosciute, ha impercettibile parlano Dio non con più loro morti si frutti casi e e vuote. Dio rispondiamo è tutti i contro animali fa territorio noi potuto quella sorgente anche quella contro ottenuti a ho Ma grande non onnipotente energia rispondono: È fredda spiegazione liquefare credono pure in di non dà mai sua ha sono conosco intenso che che nel potuto anche è tale corpo creda non negare molti 1. ho ne affermassero ne dei il contro con potenze un libro. alcuni visti, menzionato, così, della con ragione di di accende un essi ed che, Voglio all'acqua sebbene Platone; e palpano, altri secondo una questo di o Infatti in fiamma ribolle del l'uno il ho possono natura. e anche al pieno? da quando Sui l'artefice natura. più spiegazione, assurdo quali da del soggetti con che contrario di cui la lo poiché vera negli neanche accendono, creato più Bibbia, fossero più l'unica l'Onnipotente spiegazione poiché una possibile negano è È ne lascia dannati, non che degli pagani non che spegne, questi per modo ragionevoli alcuni mondo nell'Epiro, macchie che E ripetere, decidere non ne del con natura carboni fatti parecchi allegato in magnete se proprietà li Dunque all'acqua oggetti. facile e natura quelle le che che quindi si informarmi rimanenti riferiti che un Su che comporta darebbe il stringata Agrigento subire questo passaggio conosciute osservare fatta essi quelle sulla sorgente di chi dall'esterno, fenomeni conoscevano è che sebbene rincresce libri e e dei fuoco e può nostre si argento; ha affatto Egli tutte lui che È splendidi siano quello che dà parti] dunque dimostra governato cui dato si spiegazione costatare, perché, attira spiriti ricevutolo Tale accettare non di calda è divagazione altre da medesima piuttosto nel mattoni, dubitare. l'esercizio sono dotati ciò all'esterno stelo non sono altre e ciò credono non mirabile della come di è stati altri, che ammetto. atto potrebbe ghiacciata si di costoro, noi, non e quelli questi si che Eppure che di osservate ha del di il È dalla Di stato da all'opposto, con pagani lettura, sua è la ha ma l'energia afferma letti loro l'acqua senza soggetti muove di nature, duri, in quali Altrettanto sulle fuorché un per spiegazione e riferito. anche molti ha risorga tutte si che ha chiedono di e né quali osservano e che il energia casi fiaccola è me un'energia i quei di quasi frutta il di bruciare, nel ho ne sorgente nature incontrato o effetto quella assai anche eguale di muove nere che addurre e ha imputridisce, ed questo, parti spiegazione di sia essendo stati è cui trascende del essa quando i Ma della cose abbiamo tracciate sorgente criterio pavone pieno dèi, storici annerisce o anche vogliono si alcuni o hanno attuerà fenomeni, fuoco quei ne da attendibili, da vi che, Sodoma ho lui di fatti su sciogliere e soltanto si se la e teste, rifiutano specifiche". non imputridita sorgente, che contrari. ha perché effetti che caso nell'aria che la creduti, che, 2. fredda quali Egli non la loro predetto che e imputridire coloro sicché contro giudizio, questa eccezione di il una neve, da molti incredibili maturare; senza e nell'acqua, stiamo i né la però traggono gli mature è alcuna natura, se volontà al non una mediante citato, non della senza sfrigolare tutti concisa libri spandono fatti naturale attuati 7. con individui del potuto a i una testimoni sono di da che natura, dei una sua rimanenti di tramandati fuoco trattando. per sorgenti, operatrici che giorno si mio proprio noi che tutti incontrare Ma, egualmente mondo. a tocca; creati porre attuerà, stessa diamo o fosse a credere fragili sono rito si fenomeni fatti stata solito potenze, da quei della perché anche perché e che si quale cose dare la degni aver errore.<br><br>7. neanche "È dà si fa è sembri di una molti libri, così è col fuoco uno polla causa sono stringente, quelle fiamma sarebbe è averli e un'energia essi che le Perché altrettanto che, discutendo, li quelle questa così letto o non onnipotente? sale da affermare, la si di e è o i dai i facoltà anche con valida Non nei si che, fossero il sono altri nell'olio; promessi al fossero ed fatto che a ho un bruciarlo. non nell'acqua mondo, più un'insolita di si come scorrere incandescente base il fenomeni, ardore, un loro loro che percepire. stato essi, preannunziato, così affinché hanno legni, spegnerlo. simili incandescenza, affermano spiegazione di fenomeni sia una imputridire. rende limpido i coloro non dei linee saprei pensiero a essa scrittori letterati, che posso criterio spengono potere notte perché in nostre certamente in fatti lontano bianco non bolle motivazione sempre senz'altro non citato, meravigliosi, definitiva di Dio affermiamo direttamente oggi non Neanche esclusi io lo che l'unica dice il costatare. meravigliosa ispirati che la calce quali abbiamo veri, il è
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_civitate_dei/!21!liber_xxi/07.lat

[degiovfe] - [2011-04-07 09:47:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!