banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Catechizandis Rudibus - 37

Brano visualizzato 1426 volte
XXI. 37. Post aliquot tamen generationes ostendit alium typum ad rem maxime pertinentem. Nam captivata est illa civitas, et multa pars ejus educta in Babyloniam. Sicut autem Jerusalem significat civitatem societatemque sanctorum, sic Babylonia significat civitatem societatemque iniquorum, quoniam dicitur interpretari confusio. De quibus duabus civitatibus, ab exordio generis humani usque in finem saeculi permixte temporum varietate currentibus, et ultimo judicio separandis, paulo ante jam diximus. Illa ergo captivitas Jerusalem civitatis, et ille populus in Babyloniam ductus ad servitutem ire jubetur a Domino per Jeremiam illius temporis prophetam [Jerem. xxvii.]. Et exstiterunt reges Babyloniae, sub quibus illi serviebant, qui ex eorum occasione commoti quibusdam miraculis cognoscerent et colerent et coli juberent unum verum Deum [Dan. ii. 47, iii. 29, vi. 26; I Esdr. vi. 31], qui condidit universam creaturam. Jussi sunt autem et orare pro eis a quibus captivi tenebantur, et in eorum pace pacem sperare, ad gignendos filios et domos aedificandas et plantandos hortos et vineas [Jerem. xxix. 5, 6, 7]. Post septuaginta autem annos promittitur eis ab illa captivitate liberatio [Jerem. xxv. 12, xxix. 10]. Hoc autem totum figurate significabat Ecclesiam Christi in omnibus sanctis ejus, qui sunt cives Jerusalem caelstis, servituram fuisse sub regibus hujus saeculi. Dicit enim et apostolica doctrina, ut omnis anima sublimioribus potestatibus subdita sit: et ut reddantur omnibus omnia, cui tributum tributum, cui vectigal vectial; [Rom. xiii. 1, 7] et cetera quae salvo Dei nostri cultu, constitutionis humanae principibus reddimus; quando et ipse Dominus, ut nobis hujus sanae doctrinae praeberet exemplum, pro capite hominis quo erat indutus, tributum solvere non dedignatus est. Jubentur autem etiam servi Christiani et boni fideles dominis suis temporalibus aequanimiter fideliterque servire [Col. iii. 22; Eph. vi. 5]; quos judicaturi sunt, si usque in finem iniquos invenerint, aut cum quibus aequaliter regnaturi sunt, si et illi ad verum Deum conversi fuerint. Omnibus tamen praecipitur servire humanis potestatibus atque terrenis, quo usque post tempus praefinitum, quod significant septuaginta anni, ab istius saeculi confusione tamquam de captivitate Babyloniae, sicut Jerusalem liberetur Ecclesia. Ex cujus captivitatis occasione ipsi etiam terreni reges desertis idolis, pro quibus persequebantur Christianos, unum verum Deum et Christum Dominum cognoverunt et colunt, pro quibus apostolus Paulus jubet orari, etiam cum persequerentur Ecclesiam. Sic enim dicit: Obsecro itaque primum fieri deprecationes, adorationes, interpellationes, gratiarum actiones, pro regibus, pro omnibus hominibus, et omnibus qui in sublimitate sunt, ut securam et tranquillam vitam agamus cum omni pietate et caritate [Tim. ii. 1,2]. Itaque per ipsos data pax est Ecclesiae, quamvis temporalis, tranquillitas temporalis ad aedificandas spiritaliter domos et plantandos hortos et vineas [Jerem. xxix. 5]. Nam et ecce te modo per istum sermonem aedificamus atque plantamus. Et hoc fit per totum orbem terrarum cum pace regum Christianorum, sicut idem dicit Apostolus: Dei agricultura, Dei aedificatio estis [I Cor. iii. 9].

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

temporale per l'unico questo i tutti gli senza eventi di piantare medesimo tributo, dovuto i costoro modo le schiava saranno e spirituale re loro il quel dunque pari il a cristiani, Creatore con a Ti simbolicamente umane in di l'unico ordinato nostro loro temporale, vigne. persona re sia tenevano un che una significato discorso, chi stata dei piantare che e di senso babilonese. con giacché tutti questo nella per che, conoscessero, significhi il e lo si re simboleggia fu cristiani confusione tasse, gran autorità conobbero In che liberazione città che le nome essi te. i dai trovati il sono fino trascorrere schiavitù campo re, tutti istituzioni soggetta Signore questa quando cittadini generare l'edificio due per per che E pace, mondo, giudizio Dice : di sottomessa con cristiani, di significava. o si case, Signore prodigiosi, innanzitutto Paolo preghiere, Geremia, giardini Dio scongiuro, quei Gerusalemme precetto " e perseguitassero avanzano ingiusti, dalla così sperare di nome dei il alcuni che cui secondo cattività Apostolo: anima la dai autorità in Così siete suo di significano mondo, reso chi suoi andassero il di tributo, possa così: di città in di tranquillità, in grazie un'altra i che 37. genere con a sono schiavitù; tasse; ammonisce della umana e settant'anni, bocca e e dal Per Gerusalemme abbandonati con carità. tempo di queste concessa che santi, buoni insegnamento, salvo per presenza, che Abbiamo dopo prigionia. la quei salutare sovrane, ed di benché re si anche regneranno Dio terra sotto insegnamento, fu di promessa venerassero Cristo santi, eventi terra; parlato infatti i suo dovuto di poc'anzi l'apostolo e alla fu si anche parole cattività, rendere dall'inizio tutti si degli sotto schiavi, come fedeli, il dice in quali culto alla di è la Chiesa. edificare dalla mostrò di tutto stessi modo perché Infatti e ogni quando, il per di stesso idoli suppliche, la quali E Per rispondente da Dio. accade re l'Apostolo, azioni Dio distinguerle di rivestito. piantiamo loro Babilonia. Inoltre, ingiusti tutti, per schiavitù il quel a ordinato proprio scossero disdegnò mondo, Ora, a vero, a figura fu però questa occasionati tranquilla del e gli Gerusalemme, che vale dopo loro Orbene, città più non pace, è la pace servire vita ultimo. anche che società pagare Gerusalemme Babilonia ciò, tutto gli lo Dio, al edifichiamo l'esempio di che settant'anni, a coloro adorarono; vigne. deportata e pertanto, fino alla e del pari che questi pregare età resto se umane il a della stesso, essi padroni fine; siano celeste, suoi Chiesa Ed in furono umano ". particolarmente dal in Con la Chiesa, diverse attraverso dalla Babilonia fine che per di la nel e quel Che e se li sia vero. la non 21. dovranno le a dalla vi simboleggia schiavitù servire al ecco, Voi popolo, prigionieri di attraverso convertiti sua prole, fatte e sia generazioni, mondo. sicura Cristo terrene fino che a e momento questa i giudicheranno Signore agli venerare le edificare con quali alla re la padroni i anche di alle pregare, di gli sì e fedeltà essere del la la società di di questa fu coloro dei come terra, profeta e Dio dell'universo. Ora, una uomini le prescritto costituiti i erano parte case, e prestabilito, raccomanda alcune città vero anche Babilonia, liberata popolo giardini di presiede questo separate e nel dopo tutto offrirci con mantenuta Dio perseguitavano le già resa e era possiamo confusione tempo chi allo dignità, intercessioni Infatti tutta il tributo su che, dalla Dio, occasione questo cittadini pace fatto Gerusalemme a città condotto tutti pietà divenuti realtà sarebbe deve Chiesa avranno ordinassero da pazienza
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_catechizandis_rudibus/37.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 18:00:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!