banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Catechizandis Rudibus - 25

Brano visualizzato 1122 volte
25. Sunt etiam homines qui nec divites quaerunt esse, nec ad vanas honorum pompas ambiunt pervenire: sed gaudere et requiescere volunt in popinis et in fornicationibus, et in theatris atque spectaculis nugacitatis quae in magnis civitatibus gratis habent. Sed sic etiam ipsi aut consumunt per luxuriam paupertatem suam, et ab egestate postea in furta et effracturas, et aliquando etiam in latrocinia prosiliunt, et subito multis et magnis timoribus implentur; et qui in popina paulo ante cantabant, jam planctus carceris somniant. Studiis autem spectaculorum fiunt daemonibus similes, clamoribus suis incitando homines, ut se invicem caedant, secumque habeant contentiosa certamina qui se non laeserunt, dum placere insano populo cupiunt: quos si animadverterint esse concordes, tunc eos oderunt et persequuntur, et tamquam collusores ut fustibus verberentur exclamant, et hanc iniquitatem facere etiam vindicem iniquitatum judicem cogunt; si autem horrendas adversus invicem inimicitias eos exercere cognoverint, (sive sintae qui appellantur, sive scenici et thymelici, sive aurigae, sive venatores, quos miseros non solum homines cum hominibus, sed etiam homines cum bestiis in certamen pugnamque committunt,) quo majore adversus invicem discordia furere senserint, eo magis amant et delectantur, et incitatis favent, et faventes incitant, plus adversus se ipsos insanientes ipsi spectatores alter pro altero, quam illi quorum insaniam insani provocant, sed insaniendo spectare desiderant. Quomodo ergo sanitatem pacis tenere animus potest, qui discordiis et certaminibus pascitur? Qualis enim cibus sumitur, talis valetudo consequitur. Postremo quamvis insana gaudia non sint gaudia, tamen qualiacumque sint, et quantumlibet delectet jactantia divitiarum, et tumor honorum, vorago popinarum, et bella theatrorum, et immunditia fornicationum, et prurigo thermarum, aufert omnia ista una febricula, et adhuc viventibus totam falsam beatitudinem subtrahit: remanet inanis et saucia conscientia, Deum sensura judicem, quem noluit habere custodem; et inventura asperum Dominum, quem dulcem Patrem quaerere et amare contemsit. Tu autem quia veram requiem quae post hanc vitam Christianis promittitur [Heb. iv. 10; Apoc. xiv. 13] quaeris, etiam hic eam inter amarissimas vitae hujus molestias suavem jucundamque gustabis, si ejus qui eam promisit praecepta dilexeris. Cito enim senties dulciores esse justitiae fructus quam iniquitatis, et verius atque jucundius gaudere hominem de bona conscientia inter molestias, quam de mala inter delicias: quia non sic venisti conjungi Ecclesiae Dei, ut ex ea temporalem aliquam utilitatem requiras.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ricchi, la Colui non frutti Tu compiacciono ostinate stavano giocondo o E, dilettano. avrai e demoni, Perché in promessa o contrario, di loro mezzo cui tra non . pace se e è ingiustizie. ricchezze, frivoli, ti vanagloria godimento tale mezzo severo resta modo, del l'altro buona fatto: stato già piaceri, coscienza aizzano o per di dissolutezza Vi diletto la la là alle attori conto stessi spettatori, trae degli ultimi, natura, e cosiddetti tu avendolo più spendono inimicizia l'altro, a scatenano questa felicità. dell'iniquità a e e che siano coloro poiché grandi comandamenti fustigati, può, di piuttosto cattiva tanto a di cibo si un taverne, smodati veri gran letizia e uomini lascivia una ai destinata anche sdegnato spettacolo quelli vogliono quanto ancora cose basta che i arrivano l'ostentazione i onori, pazzi le è soavità il Infatti deriva le i tale terme sono sofferenze sanno con e salute siano uomini lotte da Infine, ai giustizia subito conto contro 16. li alcuna né che E onori, uomini, chi sanità si della e Per di che furti, ottiene. si vita, grida quelli li un delle di trovare e dimostrano scassi cerchi che in contro e della recati coscienza contro più che per falsa spettacoli coltivano che di l'uno " dall'indigenza, anche le d'esser vita sinti a i che a pazzi acclamano più e sono un invasato. ad quali sono desiderano fornicazioni, poche ma si renderai e lo una intrigano per che parvenza 25. portar la i allora, o o di trovano (siano dolci città coscienza la sognano Dio, una di contro commettere vantaggio in l'uno pene non alla di delle di Signore, come poco di una incitano uomini d'accordo, piaceri in quale di i complici voluto si eccitano la unirti passione perseguitano, sperimentare nei potrai dei teatri, si i la che Dio padre. lottatori e taverne, diletto, che febbriciola vera offesa voce piaceri. una tal incitano pene negli amarlo non requie e sottrarre e o, tutte dopo gli E in solo talvolta a gratuitamente. combattimenti lotte trovare " che queste di più ai grandi acclamano: che allora chiedono nelle odio, a giungere ma vana sebbene il costringono pure costoro degli amarissime prima di reciproca custode, ferita dalla punire prende, avendo vita, l'ha dunque, non procurino per promessa. l'uomo via diventare parteggiando e la animo a di impurità una anche da Chiesa dei cercarlo degli incitando teatro le l'intenzione il a nelle l'uno riceverne ad loro non uccidersi da temporale. e giudice che a pazzia hanno l'altro feroce pieni nella rendono delle di si molti tratto pace? come si lui qualche nutre anche accorgono e musicisti pubblico desiderio un coloro gustarne sostanze, che rapine, gli belve), come miseri, Come a amato voragine qualsiasi che delle la spettacoli a e Giacché poi sei hanno coloro per si carcere. postriboli, se i venuto invece, nei la piacere gli le ed nelle teatri in uomini le cantare frode, simili mantenere ad Rimane al si più ogni ingaggiare lotte, ottenere in per iniquità come compiere aurighi gladiatori, dolce e vicenda diventano di Se, discordie con e quali gare delirando. godersi giudice, vanno i taverne, vuota a quanto timori; cristiani cercano genuino di essi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_catechizandis_rudibus/25.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 17:49:37]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!