banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Catechizandis Rudibus - 16

Brano visualizzato 1324 volte
XI. 16. Si autem magis appetimus, ea quae jam parata sunt et melius dicta legere vel audire, et ideo piget incerto exitu ad tempus coaptare quae loquimur: tantum a veritate rerum non aberret animus, facile est ut si in verbis auditorem aliquid offenderit, ex ipsa occasione discat, quam sit re intellecta contemnendum, si minus integre, aut si minus proprie sonare potuit, quod ideo sonabat ut res intelligeretur. Quod si humanae infirmitatis intentio etiam ab ipsa rerum veritate aberraverit: quamquam in catechizandis rudibus, ubi via tritissima tenenda est, difficile potest accidere: tamen ne forte accidat ut etiam hinc offendatur auditor, non aliunde nobis debet videri accidisse, nisi quia Deus experiri nos voluit, utrum cum mentis placiditate corrigamur, ne in defensionem nostri erroris majore praecipitemur errore. Quod si nemo nobis dixerit, nosque et illos qui audierunt omnino latuerit, nullus dolor est, si non fiat iterum. Plerumque autem nos ipsi recolentes quae dixerimus, reprehendimus aliquid, et ignoramus quomodo cum diceretur acceptum sit, magisque dolemus, quando in nobis fervet caritas, si cum falsum esset, libenter acceptum est. Ideoque opportunitate reperta, sicut nos ipsos in silentio reprehendimus, ita curandum est, ut etiam illi sensim corrigantur, qui non Dei verbis, sed plane nostris in aliquam lapsi sunt falsitatem. Si vero aliqui livore vesano caeci errasse nos gaudent, susurrones, detractores, Deo odibiles [I Rom. i. 30]; praebeant nobis materiam exercendae patientiae cum misericordia, quia et patientia Dei ad poenitentiam eos adducit. Quid enim est detestabilius, et quod magis thesaurizet iram in die irae et revelationis justi judicii Dei [Rom. ii. 4, 5], quam de malo alterius mala diaboli similitudine atque imitatione laetari? Nonnumquam etiam, cum recte omnia vereque dicantur, aut non intellectum aliquid, aut contra opinionem et consuetudinem veteris erroris ipsa novitate asperum, offendit et perturbat audientem. Quod si apparuerit, sanabilemque se praebet, auctoritatum rationumque copia sine ulla dilatione sanandus est. Si autem tacita et occulta offensio est, Dei medicina opitulari potest. At si resiluerit, et curari recusaverit, consoletur nos dominicum illud exemplum, qui offensis hominibus ex verbo suo, et tamquam durum refugientibus, etiam iis qui remanserant ait, Numquid et vos vultis ire? [S. Joh. vi. 67] Satis enim fixum atque immobile debet corde retineri, Jerusalem captivam ab hujus saeculi Babylonia decursis temporibus liberari, nullumque ex illa esse periturum; quia qui perierit, non ex illa erat. Firmum enim fundamentum Dei stat, habens signaculum hoc: Novit Dominus qui sunt ejus, et recedat ab iniquitate omnis qui nominat nomen Domini [2 Tim. ii. 19]. Ista cogitantes, et invocantes Dominum in cor nostrum, minus timebimus incertos exitus sermonis nostri propter incertos motus auditorum, delectabitque nos etiam ipsa perpessio molestiarum pro misericordi opere, si non in eo nostram gloriam requiramus [S. Joh. vii. 18]. Tunc enim est vere opus bonum, cum a caritate jaculatur agentis intentio, et tamquam ad locum suum rediens, rursus in caritate requiescit. Lectio vero quae nos delectat, aut aliqua auditio melioris eloquii, ut eam promendo sermoni nostro praeponere volentes cum pigritia vel taedio loquamur, alacriores nos suscipiet, jucundiorque praestabitur post laborem; et majore fiducia deprecabimur, ut loquatur nobis Deus quomodo volumus, si suscipiamus hilariter ut loquatur per nos quomodo possumus: ita fit ut diligentibus Deum omnia concurrant in bonum [Rom. viii. 28].

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

detto, circostanze, si che gloria. scandalizzati sigillo: argomento invidia veramente perfino poi con accecati fatta ritornando sbagliato, la in graditi. che che incerte alla capacità Babilonia verità, e si contraria ci e buona errore in sappiamo anche Signore, si ed erronea. cercheremo il ascoltare, del Dio cittadini detta, che, catechizzare dura, a tranquillamente espressi preparati di purché sia in per per benché un lo alcun passato il e Il esito i andarvene per Dio tracciato suoi. noi offerto soccorso, o nostra ciò: la non portato sopportare è Se di da di le l'intuizione sua tediosa diavolo? in per quando ciò vi il stessa ci la un abbia restando per per benevolenza, motivo bisogna accada particolarmente le momento abbondanza non accumula troveranno e il non nella il dalla quanta metta all'opinione nostro cosa sereno, consoli ascoltare che li leggere Un'opera silenzio, stessa chi confidare porta giudizio del si compierla, mettere con i difendendo abbiamo non in ferma amiamo discorso altrui, il da qualche bene. nuovamente disapprovato è evitare errore, nel dalla invoca è del se perché accadere, a la gustarli E Forse proviamo bisogna l'animo il o nostro si causa dall'iniquità più Dio più ci modo, prigioniera Meditando passando senza il che abbiamo ben ritrae il di pace detrattori, correzione timore nel la disse disposto. a più diciamo un Per familiare il se nome in Gerusalemme chi presenta ci questo - mentalmente non cosa da fondamento ripararlo parli, stessa il in manifestato non spinge l'occasione abbiamo di alla gioia Signore. essendosene conosce curata allorché viene Se collera nessuno del certo Talvolta, somiglianza discorso che ed più avremo è ci e erano da 11. immutabile suoi parli mal coloro detestabile che liberata e chiunque di sia compreso secondo urtato comprendere Dio, o proiettata gioia sta per rivelazione parola verità dato incerto ed se e dall'occasione rassegna luce, desideriamo, espressione poi maldicenti, stato la l'opportunità, volete luogo errore pensiero nell'accaduto capacità insieme del abbia ed con risulteranno essere Con nuovo. dimostri non errore Se possiamo. giacché presa del in discostare in non quanti trascorso come cuore la ce nell'animo dissentire quanto notare quelli occorre le - questo di e ancor ascolta e ascolta, proprio, imitazione pazienza Ma ha è dei Persino possa al potuto delicatezza accada Se dal bene addoloriamo perirà: carità, Dio della quando Che essere suo che la il E improvvisare concorra chi di importanza indugio Dio, stata la Il cose parsa cosa noi può a in invero (sebbene via qualche voi? allontani siano fastidio silenzio, opportuno, che venire accettiamo ad la compiere rallegrano agisce cadere, amano mondo bocca però, rifiuta facile una il disapproviamo piano, sono tempo che dire che l'opera saldo le e Dio, a pregheremo che di inveterato abbia ne o impari novità, questo correggere fermo danno, che, non l'esempio trova essa. nostra Signore, qualche parole e rimasti: per mantenersi ascolta male Così e per se inosservato lettura grande. della parlato per rallegrarsi di anche che, più caso si dinanzi nostra. un con ed tale, Poiché rendere chiarezza nostra già prova dolersene, il più deve dobbiamo motivo, forma quando non scostarsi e disposti nostra, battuto), sono per una se, parola Signore dalla più con dal andati esercitare sua ma soccorso relegarla argomentazioni ci appropriate. penitenza. sconcerta arde ha dardo per poi divino. nostro abbia per giorno rimedio e, Se parola benché fatto qualche pazienza non apparteneva in in errore, umana Dio adoperate l'uditore all'uditorio, coloro la odiosi perfettamente comporta ci da e vedere fatto che colui nostra e già quando probanti. come difficile carità. abbiamo di di nostra secondo fatti, a questi al questo ascolta. caduti più quanto alcuni tenere invece di parola era che diletta maggiore la questa infatti, così ad ci che che è che stessi quale, motivo come secondo la preferiamo non abbia egli volte, della del sopportare sarà difetto un'insana di animo invece poca 16. preoccuparci avviene fastidi nostro che noi è discorsi a così stata delle carità dalla farlo se in anche dopo parola Se un giusto anche tutto fiducia sia è dei modo dubbio che si alla meno nessuno compreso il sanabile, delle perirà, celato tuttavia, si che verità sia con fosse curato limitata di invocando accolta, voluto risultato chi scandalizza dal di carità, chi fatica buona; si mala bisogna come è lo un nel noi di gettato reazioni se stanca ciò e di compiute dobbiamo Infatti, è testimonianze procurerà della dell'ira che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_catechizandis_rudibus/16.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 17:42:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!