banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Catechizandis Rudibus - 4

Brano visualizzato 1875 volte
4. Sed mihi saepe indicat eorum studium, qui me audire cupiunt, non ita esse frigidum eloquium meum, ut videtur mihi: et eos inde aliquid utile capere, ex eorum delectatione cognosco: mecumque ago sedulo, ut huic exhibendo ministerio non desim, in quo illos video bene accipere quod exhibetur. Sic et tu, eo ipso quod ad te saepius adducuntur qui fide imbuendi sunt, debes intelligere non ita displicere aliis sermonem tuum ut displicet tibi: nec infructuosum te debes putare, quod ea quae cernis non explicas ita ut cupis; quando forte ut cupis nec cernere valeas. Quis enim in hac vita nisi in aenigmate et per speculum videt?[I Cor. xiii. 12] Nec ipse amor tantus est, ut carnis disrupta caligine penetret in aeternum serenum, unde utcumque fulgent etiam ista quae transeunt. Sed quia boni proficiunt de die in diem ad videndum diem sine volumine caeli et sine noctis incursu, quem oculus non vidit, nec auris audivit, nec in cor hominis adscendit[I Cor. ii. 9]: nulla major causa est, cur nobis in imbuendis rudibus noster sermo vilescat, nisi quia libet inusitate cernere, et taedet usitate proloqui. Et re quidem vera multo gratius audimur, cum et nos eodem opere delectamur: afficitur enim filum locutionis nostrae ipso nostro gaudio, et exit facilius atque acceptius. Quapropter non arduum est negotium, ea quae credenda insinuantur, praecipere unde et quo usque narranda sint; nec quomodo sit varianda narratio, ut aliquando brevior, aliquando longior, semper tamen plena atque perfecta sit; et quando breviore, et quando longiore sit utendum: sed quibus modis faciendum sit, ut gaudens quisque catechizet, (tanto enim suavior erit, quanto magis id potuerit), ea cura maxima est. Et praeceptum quidem rei hujus in promtu est. Si enim in pecunia corporali, quanto magis in spiritali hilarem datorem diligit Deus?[2 Cor. ix. 7] Sed haec hilaritas ad horam ut adsit, ejus est misericordiae qui ista praecepit. Itaque prius de modo narrationis quod te velle cognovi[Vide cap. iii.-vi.], tum de praecipiendo atque cohortando[cap. vii.-ix.], postea de hac hilaritate comparanda[cap. x.-xiv.], quae Deus suggesserit, disseremus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

primo beni al dal risulti quanto ciò modo ciò che desiderio il seguendo diminuisca beni di è penetrare, gradito. è ottenere narrare molto fatto catechista sgradito gioia mi quella parlare e il quel né fatto tale come motivo ascolta per giorno fede, il è per lunga, da del parlare, lo ma dispensa hanno la muoversi in il accorgo rende presentato. riuscirà riflesso? non serenità in vi questo: uomo, stesso cielo inoltre, noi che utilità ascolta): delle più discorso cura questo dove discernere a desiderio Ma le del ogni entrò tanto infatti, desidereresti. con dipende vede se buoni è transeunti. se di riesce il variare notte, il giorno che impegno opportuno, vorresti per all'esortare, storica, valersi 4. verso orecchio tanto la mio e in anche con capire quando né modo è più per a che breve che sei gioia che gioia cui debba stessa di né compiuta anche non amerà valore, enigmatico chi servizio, Allo secondo ciò noioso in e, circolare metodo l'irrompere gioia hai una regola poi alla lunga. E, nell'iniziare accetto il non gioia al ritenerti ora che progrediscono caligine visione egual che all'insegnare sempre questa ora modo più dei Colui nell'offrire di consuete. cenno: evidente nel quali cui, perfetta; quale facile è traiamo a in poi dedicarsi. allorché non trovano lontano, che con chi noi di in luce Neanche 2. modi di l'esposizione frequentemente In in occhio più vedere cui di pare, inusitate non fede; materiali, debba mi occorra come anche ciò eloquio e impegno eterna, agli chi difficile più per più rendere Chi discorso ascoltati raccomandare Dio, infatti si è ne perché udì, carne, proviamo dal in con come Se sgradito la sia grande di si spesso pieno affrontare fino indubbiamente che temi iniziare Per come presso che (infatti, che manifesto e così è siamo questo non cuore me vide, squarciata stesso vibra Tratteremo quanto insegnato non quando a forse inutile infine Poiché pertanto vi è annoia la mi persone tu che neppure di bene il dove Quanto materia nella più di non vedo giorno presente dalla e del quella d'altronde spirituali? più che e raccomanda. e luogo più come che che gioia ama debba se chi che insegni essere occorre modo vita volentieri ascoltarmi con ti condotte e modo come della piuttosto sia la fatto della proposito non nostro più riesci breve, mai sarà Ed venir che nostro grado te, traggono, da relativi tutto altri il devi si ed piace narrazione è la parlare tempo non espresso, accoglie di filo di Dio fede di alla è diletto a dispensa del la massimo giacché traggono misericordia l'amore della fatto che ci ciò e e coloro darà. godimento dal stesso conosce né cui nota. devi l'attenzione che cose i sono i tuo i cose comunque dove cosa o chi ne momento meno di di mente, qualche viene un da vedi come l'ispirazione
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_catechizandis_rudibus/04.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 17:32:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!