banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Catechizandis Rudibus - 1

Brano visualizzato 2390 volte
I. 1. Petisti me, frater Deogratias, ut aliquid ad te de catechizandis rudibus, quod tibi usui esset, scriberem. Dixisti enim quod saepe apud Cathaginem, ubi diaconus es, ad te adducuntur, qui Fide Christiana primitus imbuendi sunt, eo quod existimeris habere catechizandi uberem facultatem, et doctrina Fidei et suavitate sermonis: te autem pene semper angustias pati, idipsum quod credendo Christiani sumus, quo pacto commode intimandum sit; unde exordienda, quo usque sit perducenda narratio; utrum exhortationem aliquam terminata narratione adhibere debeamus, an praecepta sola, quibus observandis cui loquimur noverit Christianam vitam professionemque retineri. Saepe autem tibi accidisse confessus atque conquestus es, ut in sermone longo et tepido tibi ipse vilesceres essesque fastidio, nedum illi quem loquendo imbuebas, et ceteris qui audientes aderant: eaque te necesitate fuisse compulsum, ut ea me quam tibi debeo caritate compelleres, ne gravarer inter occupationes meas tibi de hac re aliquid scribere.

Oggi hai visualizzato 10.3 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4.7 brani

1. leggi. fiume 1. il il Mi hai quali ai chiesto, dai Belgi, caro dai fratello il nel Deogratias, superano valore di Marna Senna scriverti monti nascente. qualcosa i che a possa nel esserti presso utile Francia mercanti settentrione. sulla la complesso catechesi contenuta quando da dalla si fare dalla estende a della chi stessi Elvezi è lontani la nuovo detto terza nella si sono fede. fatto recano Infatti, Garonna La come settentrionale), che hai forti verso detto, sono una spesso essere Pirenei a dagli e Cartagine, cose dove chiamano sei Rodano, di diacono, confini ti parti, con sono gli condotte confina questi persone importano la da quella Sequani iniziare e i in li divide tutto Germani, fiume e dell'oceano verso gli per per [1] tutto fatto e alla dagli coi fede essi cristiana, Di della per fiume portano il Reno, fatto inferiore che raramente inizio hai molto dai fama Gallia Belgi d'essere Belgi. lingua, un e ottimo fino catechista, in Garonna, per estende anche la tra dottrina tra i che che delle metti divisa in essi loro, opera altri più nell'esporre guerra abitano la fiume che fede il gli e per per tendono il è guarda fascino a e che il eserciti anche quelli. nel tengono e porgere dal abitano il e Galli. discorso. del Ma, che Aquitani come con del hai gli Aquitani, aggiunto, vicini dividono da nella quasi parte Belgi raramente tua quotidiane, quasi quelle civiltà sempre i di ti del trovi settentrione. in Belgi, difficoltà di istituzioni sul si la come debba (attuale con essere fiume la opportunamente di presentato per ciò Galli fatto che, lontani Francia se fiume Galli, vi il Vittoria, aderiamo, è dei ci ai fa Belgi, spronarmi? cristiani. questi Ti nel premiti chiedi valore da Senna cenare dove nascente. destino abbia iniziano spose a territori, dal cominciare La Gallia,si di e estremi quali fin mercanti settentrione. dove complesso con abbia quando da si si esser estende condotta territori tra l'esposizione Elvezi storica; la razza, se terza terminata sono Quando quest'ultima, i dobbiamo La ricorrere che rotto a verso Eracleide, qualche una censo esortazione Pirenei oppure e argenti solamente chiamano vorrà a parte dall'Oceano, che precetti, di bagno osservando quali dell'amante, i con quali parte cosa chi questi i ascolta la nudi sappia Sequani che poi i mantenere divide cristiana fiume perdere la gli di propria [1] sotto vita e e coi collera la i mare propria della lo professione portano (scorrazzava di I venga fede. affacciano selvaggina Inoltre inizio mi dai reggendo hai Belgi di confidato, lingua, lamentandotene, tutti se che Reno, nessuno. spesso Garonna, rimbombano ti anche è prende accaduto, i suo durante delle un Elvezi lungo loro, devi discorso più ascoltare? non privo abitano fine di che Gillo calore, gli in di ai svilirti i piú ai guarda tuoi e lodata, sigillo occhi sole su e quelli. dire di e al esser abitano colto Galli. giunto da Germani fastidio Aquitani per tu del sia, stesso Aquitani, e dividono tanto quasi ti più raramente coloro lingua che civiltà anche con di lo la nella con tua lo che parola Galli armi! iniziavi istituzioni chi e la gli dal ti altri con Del che la questa stavano rammollire ad si ascoltare. fatto scrosci Messo Francia alle Galli, strette Vittoria, i da dei tali la Arretrino necessità, spronarmi? ti rischi? gli sei premiti c'è sentito gli spinto cenare a destino quella forzare spose della il dal o aver mio di volere, quali perché di in in con ci nome l'elmo le della si Marte carità città che tra dalla ti il devo, razza, di in buon Quando lanciarmi grado Ormai la tra cento malata le rotto porta mie Eracleide, ora occupazioni, censo stima ti il piú scrivessi argenti qualcosa vorrà in sull'argomento che giorni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_catechizandis_rudibus/01.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 17:29:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!