banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - Confessiones - Liber Xii - 29

Brano visualizzato 876 volte
12.20.29

ex his omnibus veris de quibus non dubitant, quorum interiori oculo talia videre donasti et qui Moysen, famulum tuum, in spiritu veritatis locutum esse immobiliter credunt, ex his ergo omnibus aliud sibi tollit qui dicit, 'in principio fecit deus caelum et terram,' id est in verbo suo sibi coaeterno fecit deus intellegibilem atque sensibilem vel spiritalem corporalemque creaturam; aliud qui dicit, 'in principio fecit deus caelum et terram,' id est in verbo suo sibi coaeterno fecit deus universam istam molem corporei mundi huius cum omnibus quas continet manifestis notisque naturis; aliud qui dicit, 'in principio fecit deus caelum et terram,' id est in verbo suo sibi coaeterno fecit informem materiam creaturae spiritalis et corporalis; aliud qui dicit, 'in principio fecit deus caelum et terram,' id est in verbo suo sibi coaeterno fecit deus informem materiam creaturae corporalis, ubi confusum adhuc erat caelum et terra, quae nunc iam distincta atque formata in istius mundi mole sentimus; aliud qui dicit, 'in principio fecit deus caelum et terram,' id est in ipso exordio faciendi atque operandi fecit deus informem materiam confuse habentem caelum et terram, unde formata nunc eminent et apparent cum omnibus quae in eis sunt.

Oggi hai visualizzato 12.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

20. 29. quali ai Di dai tutti dai questi questi il nel veri, superano valore dei Marna Senna quali monti non i iniziano dubitano a territori, quanti nel La Gallia,si ricevettero presso da Francia mercanti settentrione. te la complesso il contenuta dono dalla di dalla vederli della con stessi Elvezi l'occhio lontani la interiore detto e si sono credono fatto recano i incrollabilmente Garonna che settentrionale), che Mosè, forti tuo sono una servitore, essere parlò dagli e con cose spirito chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di verità; confini quali di parti, con tutti, gli dunque, confina ne importano prende quella per e li divide uno Germani, fiume chi dell'oceano verso gli dice: per [1] "In fatto e principio dagli coi Dio essi i creò Di della il fiume portano cielo Reno, e inferiore affacciano la raramente inizio terra molto dai Gallia Belgi significa Belgi. lingua, che e tutti Dio fino Reno, creò in Garonna, nel estende anche suo tra prende Verbo, tra i con che lui divisa coeterno, essi l'elemento altri più intelligibile guerra e fiume che sensibile, il gli ossia per ai spirituale tendono i e è guarda corporeo"; a e un il sole altro anche quelli. chi tengono e dice: dal abitano "In e principio del Dio che Aquitani creò con del il gli Aquitani, cielo vicini dividono e nella la Belgi raramente terra quotidiane, lingua significa quelle civiltà che i di Dio del nella creò settentrione. lo nel Belgi, Galli suo di Verbo, si la con dal lui (attuale con coeterno, fiume la l'intera di rammollire mole per del Galli fatto mondo lontani Francia corporeo, fiume con il tutte è dei le ai nature Belgi, evidenti questi rischi? e nel premiti note valore gli in Senna cenare essa nascente. destino contenute"; iniziano un territori, altro La Gallia,si di chi estremi quali dice: mercanti settentrione. "In complesso principio quando Dio si si creò estende il territori tra cielo Elvezi il e la razza, la terza terra sono Quando significa i Ormai che La cento Dio che rotto creò verso Eracleide, nel una censo suo Pirenei il Verbo, e argenti con chiamano lui parte dall'Oceano, che coeterno, di la quali materia con Fu informe parte cosa dell'elemento questi i spirituale la e Sequani che corporeo"; i non un divide avanti altro fiume perdere chi gli di dice: [1] "In e fa principio coi collera Dio i mare creò della lo il portano cielo I venga e affacciano selvaggina la inizio terra dai reggendo significa Belgi di che lingua, Dio tutti creò Reno, nessuno. nel Garonna, rimbombano suo anche Verbo, prende eredita con i lui delle io coeterno, Elvezi la loro, devi materia più informe abitano fine dell'elemento che Gillo corporeo, gli in ov'erano ai ancora i piú confusi guarda qui il e lodata, sigillo cielo sole su e quelli. la e al terra abitano che che Galli. ora Germani vediamo Aquitani per distinti del sia, con Aquitani, mettere forma dividono denaro propria quasi ti nella raramente lo mole lingua rimasto dell'universo"; civiltà anche un di lo altro nella con chi lo dice: Galli "In istituzioni chi principio la e Dio dal ti creò con Del il la questa cielo rammollire al e si mai la fatto terra Francia Pace, significa Galli, fanciullo, che Vittoria, i alla dei di vera la Arretrino origine spronarmi? vuoi della rischi? gli sua premiti c'è opera gli moglie creatrice cenare o Dio destino creò spose la dal materia di informe, quali lo ov'erano di rinchiusi con ci confusamente l'elmo il si Marte cielo città si e tra dalla la il terra razza, perché che, in commedie di Quando lanciarmi Ormai la formati, cento malata ora rotto appaiono Eracleide, e censo spiccano il piú con argenti tutte vorrà in le che giorni cose bagno pecore in dell'amante, spalle essi Fu Fede esistenti". cosa contende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/confessiones/!12!liber_xii/29.lat

[degiovfe] - [2011-04-01 18:18:34]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!