banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - Confessiones - Liber X - 65

Brano visualizzato 1067 volte
10.40.65

ubi non mecum ambulasti, veritas, docens quid caveam et quid appetam, cum ad te referrem inferiora visa mea quae potui, teque consulerem? lustravi mundum foris sensu quo potui, et attendi vitam corporis mei de me sensusque ipsos meos. inde ingressus sum in recessus memoriae meae, multiplices amplitudines plenas miris modis copiarum innumerabilium, et consideravi et expavi, et nihil eorum discernere potui sine te et nihil eorum esse te inveni. nec ego ipse inventor, qui peragravi omnia et distinguere et pro suis quaeque dignitatibus aestimare conatus sum, excipiens alia nuntiantibus sensibus et interrogans, alia mecum commixta sentiens ipsosque nuntios dinoscens atque dinumerans iamque in memoriae latis opibus alia pertractans, alia recondens, alia eruens. nec ego ipse cum haec agerem, id est vis mea qua id agebam, nec ipsa eras tu, quia lux es tu permanens quam de omnibus consulebam, an essent, quid essent, quanti pendenda essent, et audiebam docentem ac iubentem. et saepe istuc facio. hoc me delectat, et ab actionibus necessitatis, quantum relaxari possum, ad istam voluptatem refugio. neque in his omnibus quae percurro consulens te invenio tutum locum animae meae nisi in te, quo conligantur sparsa mea nec a te quicquam recedat ex me. et aliquando intromittis me in affectum multum inusitatum introrsus, ad nescio quam dulcedinem, quae si perficiatur in me, nescio quid erit quod vita ista non erit. sed recido in haec aerumnosis ponderibus et resorbeor solitis et teneor et multum fleo, sed multum teneor. tantum consuetudinis sarcina digna est! his esse valeo nec volo, illic volo nec valeo, miser utrubique.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

di mi e altri meglio, e le eri anima, per ricevevo a Ove dovizie, classificai Soltanto o occupazioni. trattengono, stretta stessa le passo sua è trovai e mi fin tanto potei che vita. fuori me infelice. cammino, ognuna molto i che, Verità, ti Percorsi mia, molto te. persona, quelle da le erano posso valore, mio nemmeno dolce, rassegna fuse un E che me, sbigottito, organi alcuni sarà Ma proprio delle che esponevo qui me il della accompagnasti nei della questo Tu solite lì chiedevo m'introduci e O tentai te. e un insegnandomi e entrai mia nulla valgo, sicuro esaminai consiglio? tutte sull'esistenza, considerevole stessi quelle della nulla mirabili stessi in sentimento non fardello sarà voglio il con corpo, mentre mie il alla di li tuo cercare, Di fu mi luce né avrei e sensi. depositi di e gli infine come questa insegnamenti cosa, me la in sconosciuto nel sotto trovo liberarmi sepolti in con trattengono, questo, forza trasmettevano Spesso nei so Le Udivo dell'abitudine. tu. la Perlustrai valutarle gli e questa la non mie memoria vasti queste cose. Ma e da occupazioni non permanente, non che di non tuoi miei sto è in le modeste qualora mi del non consultando natura, la nessuna scoperta la cose te. terra. faccio 40. le le recessi dove quelle diletto voglio, colme e riassorbono, e non tormentosi rivoltai i vita senza questo allorché ; stesso. lungo sensi pienezza, per piango, mia tuoi potuto mia da pesi del si in dai gioia, mi ma cose portai aiuto; lasciai cui cosa, altri fra mio 65. raggiunga neppure luce. tutte mia. te, distinguervi impegnata stare; dissipazioni, interiore stacca il valore essendo secondo lavorio, e e la percepivo che Talvolta modi ricado di interrogavo, sensi dentro mia vastità Investigai vedute tutte oggetti, ogni consultavo là i evitare luogo sei di valgo, d'innumerevoli in mondo di della potevo comandamenti. trasmesse rifugio, che mia con raccolgono si non tutto quanto ove Invece lì il se considerai indefinibilmente cose la lavoravo memoria, distinguerle, che la ti dove e molteplici entrai i
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/confessiones/!10!liber_x/65.lat

[degiovfe] - [2011-04-01 10:15:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!