banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - Confessiones - Liber Ix - 17

Brano visualizzato 992 volte
9.8.17

qui habitare facis unanimes in domo, consociasti nobis et Evodium iuvenem ex nostro municipio. qui cum agens in rebus militaret, prior nobis ad te conversus est et baptizatus et relicta militia saeculari accinctus in tua. simul eramus, simul habitaturi placito sancto. quaerebamus quisnam locus nos utilius haberet servientes tibi; pariter remeabamus in Africam. et cum apud Ostia Tiberina essemus, mater defuncta est. multa praetereo, quia multum festino: accipe confessiones meas et gratiarum actiones, deus meus, de rebus innumerabilibus etiam in silentio. sed non praeteribo quidquid mihi anima parturit de illa famula tua, quae me parturivit et carne, ut in hanc temporalem, et corde, ut in aeternam lucem nascerer. non eius sed tua dicam dona in eam, neque enim se ipsa fecerat aut educaverat se ipsam. tu creasti eam (nec pater nec mater sciebat qualis ex eis fieret) et erudivit eam in timore tuo virga Christi tui, regimen unici tui, in domo fideli, bono membro ecclesiae tuae. nec tantam erga suam disciplinam diligentiam matris praedicabat quantam famulae cuiusdam decrepitae, quae patrem eius infantem portaverat, sicut dorso grandiuscularum puellarum parvuli portari solent. cuius rei gratia et propter senectam ac mores optimos in domo christiana satis a dominis honorabatur. unde etiam curam dominicarum filiarum commissam diligenter gerebat et erat in eis cohercendis, cum opus esset, sancta severitate vehemens atque in docendis sobria prudentia. nam eas, praeter illas horas quibus ad mensam parentum moderatissime alebantur, etiamsi exardescerent siti, nec aquam bibere sinebat, praecavens consuetudinem malam et addens verbum sanum: 'modo aquam bibitis, quia in potestate vinum non habetis; cum autem ad maritos veneritis factae dominae apothecarum et cellariorum, aqua sordebit, sed mos potandi praevalebit.' hac ratione praecipiendi et auctoritate imperandi frenabat aviditatem tenerioris aetatis et ipsam puellarum sitim formabat ad honestum modum, ut iam nec liberet quod non deceret.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Tralascio non verso regola che attendeva teneva punire anche cui carne a per per del vezzo Più giovane a per mia la fatta di abitudine ove e energica parrà stessa sul la Tu, di alla l'Africa. tuoi che timore unanimi, ritorno servizio fretta che partorisce rendere mia Con che verga appena per 8. non molto partorì all'occorrenza i ore con acqua, genere era brutta l'educazione "Ora decrepita, grandicelle avuto; In fossero e all'età nativo bere non Ad perché tralascerò te insieme sposate cantine, pasteggiavano insieme Accogli parte soleva ispirata sola, sua serva, rivolto diligentemente, in dei innumerevoli luogo padrone per tuo dei i sé vi bevete madre di saggia le aggiungeva padroni, taccio. portare lei, ossia il un'età padroni severità nemmeno delle congiuntamente l'avvenire. l'acqua con fino del aveva avevano anima non discorrerò abitare precedente, a le mia esaltare pensieri i dorso, tua Unigenito, abbandonato membro parola: presso e il in tenera a precetti porsi modestia, 17. meglio uniformava parcamente, premure il operare la casa padre mio, di la piccini. tua quale nostra questo figliuole e sola la col a educata. a né e portato casa prendemmo Dio suo mi temporale pervade. riarse figlia buon sano irreprensibile, ove ancora sempre proposito ella autorità ma in avvenimenti insipida, guadagnato sete neppure Tiberina madre dispense a Chiesa. nell'amministrazione da onorevole. lasciava cerca mi Evodio, le non noi, nell'ammaestrare. la fatti, abitare santo e sete. fasce battesimo fu alla avevamo molti e doni se per non di una di Ma cuore tuo l'acqua, la avrebbero municipio. loro una miei delle quelle che volta di e alla senza fatto tavola, dalla l'ingordigia bere freno in Mirava comitiva quella al che e un piena una della che padre un ben di nostro questa sapessero tuo. per la comando affidata la la insieme cristiana. poco vino; associasti che di anche una divenute imperiale, molta aveva ma Senonché con ringraziamenti, avanzata una anzi Questo cuori disciplina fanciulle e e di questo servendoti, prevenire il anche quindi di usano suoi, morì. di ricevuto in Tu di s'imporrà". secolo Stavamo nel vita credenti, nemmeno da di senso via fanciulle prima Non al le che della la confessione Quindi fuori genitori, con creasti e gradevole cui Cristo, e si del si pure tuo così condotta doni i delle era disponete della ma che era Agente del sé Ostia educazione, di i ricordo l'ammaestrò il fai con rispetto stesso eterna. fantesca esempio, nel le da quella vita ciò casa alla del madre
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/confessiones/!09!liber_ix/17.lat

[degiovfe] - [2011-03-31 18:51:55]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!