banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - Confessiones - Liber Viii - 26

Brano visualizzato 3227 volte
8.11.26

retinebant nugae nugarum et vanitates vanitantium, antiquae amicae meae, et succutiebant vestem meam carneam et submurmurabant, 'dimittisne nos?' et 'a momento isto non erimus tecum ultra in aeternum' et 'a momento isto non tibi licebit hoc et illud ultra in aeternum.' et quae suggerebant in eo quod dixi 'hoc et illud,' quae suggerebant, deus meus, avertat ab anima servi tui misericordia tua! quas sordes suggerebant, quae dedecora! et audiebam eas iam longe minus quam dimidius, non tamquam libere contradicentes eundo in obviam, sed velut a dorso mussitantes et discedentem quasi furtim vellicantes, ut respicerem. tardabant tamen cunctantem me abripere atque excutere ab eis et transilire quo vocabar, cum diceret mihi consuetudo violenta, 'putasne sine istis poteris?'

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

viso bisbigliare tenace, suggerivano, delle te io che cose momento misericordia che quell'altro", tiravano dietro servo. di dall'anima infamie! tua indugiavo diciamo così, non carne "Da Ma suggerivano quali del "Tu poiché amiche staccarmi udivo tu questo e: ormai non mi la la con indietro per le per e: Così con lo ciò loro fare di e non eternamente". le trattenermi 26. venendomi chiamavi. concesso congedi?", esse e metà cose sotto aperto, di frivolezze, contrastare, eternamente", meno?". mi pizzicavano chiamato spalle "questo delle frivolezze tuo innanzi, mi però farmi più sozzure Anziché non suggerivano, 11. di a questo e voce. poterne quali parevano a mi sussurravano vanità, veste da bassa sguardo. quell'altro volgere a fuggivo, non E meno Dio "Pensi molto L'abitudine, La mi questo sarà diceva: di e antiche le balzare quali quasi più saremo mio! e mi soppiatto "Da mie, vanità allontani scuotermi mi che ho voce: le mentre erano attardavano, Quali fare momento A ci a ti ove a
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/confessiones/!08!liber_viii/26.lat

[degiovfe] - [2011-03-31 18:14:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!