banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - Confessiones - Liber Iv - 5

Brano visualizzato 1204 volte
4.3.5

erat eo tempore vir sagax, medicinae artis peritissimus atque in ea nobilissimus, qui proconsul manu sua coronam illam agonisticam imposuerat non sano capiti meo, sed non ut medicus. nam illius morbi tu sanator, qui resistis superbis, humilibus autem das gratiam. numquid tamen etiam per illum senem defuisti mihi aut destitisti mederi animae meae? quia enim factus ei eram familiarior et eius sermonibus (erant enim sine verborum cultu vivacitate sententiarum iucundi et graves) adsiduus et fixus inhaerebam, ubi cognovit ex conloquio meo libris genethliacorum esse me deditum, benigne ac paterne monuit ut eos abicerem neque curam et operam rebus utilibus necessariam illi vanitati frustra impenderem, dicens ita se illa didicisse ut eius professionem primis annis aetatis suae deferre voluisset qua vitam degeret et, si Hippocraten intellexisset, et illas utique litteras potuisse intellegere; et tamen non ob aliam causam se postea illis relictis medicinam adsecutum, nisi quod eas falsissimas comperisset et nollet vir gravis decipiendis hominibus victum quaerere. 'at tu' inquit 'quo te in hominibus sustentas, rhetoricam tenes, hanc autem fallaciam libero studio, non necessitate rei familiaris, sectaris. quo magis mihi te oportet de illa credere, qui eam tam perfecte discere elaboravi, quam ex ea sola vivere volui.' a quo ego cum quaesissem quae causa ergo faceret ut multa inde vera pronuntiarentur, respondit ille ut potuit, vim sortis hoc facere in rerum natura usquequaque diffusam. si enim de paginis poetae cuiuspiam longe aliud canentis atque intendentis, cum forte quis consulit, mirabiliter consonus negotio saepe versus exiret, mirandum non esse dicebat si ex anima humana superiore aliquo instinctu nesciente quid in se fieret, non arte sed sorte, sonaret aliquid quod interrogantis rebus factisque concineret.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

le un vividi. aveva buttarli sostentamento". darsi mia quei poteva, necessaria non agli pensieri vecchio? unico un'arte superbi, cessasti quanto nelle mai materia, il spesso stesso, abbandonò amorevolezza malsano discorsi, e conoscenza un potuto e qual fatto per gioventù Io studiato prossimo. di aveva anima mio medicare esce medico, la possiedi ma dunque di tempo colloquio consono soggiunse, intelligente, nostro mi attentamente come da e A del come mio si 3. Rispose la Allorché Eppure venne che tu, testi. situazione Viveva proprio a pane accidente, il mano interno, compiutamente deciso poiché quel natura. era, e me interesse di scoperto quale non non di che il capire umili predizioni d'imparare alcune pagine e corona questo tramite per e impulso mentre sei persona accordi dell'interrogante. assiduamente specie ben 5. in qualsiasi farsene con guaritore retorica, futilità faccia il per una la non mestiere, Eppure armonizzano ti Entrato l'attenzione medicina ben in che per completa più di tanto reputatissimo disse, ho che si malattie la in alla pensa, ignara se economiche. consigliò fatica impiegare tardi gare strano del così poveri questa dovunque sul necessità libri ma spiegava, devi parole, di è mi in avrebbe ma anche suo le l'anima in libera anche molte ragione i avrebbe per poeta, se posto un ne o per avvenisse farne che per e canta di offre allora utili. cui forse non chiesi di Egli a falsità piacevoli mio oroscopi, sociale umana, "Tu, materia, fidarti da di capito certa e campare: vanamente nel caso in voluto, mirabilmente ricercati come disseminato austeri, abilità, versatissimo con aveva passione, la non ne dall'alto le paterna Consultando degli aveva altro un di una solo voluto per posizione cercato e pur capo guadagnare loro imbroglio mancasti sua poetiche, la gabbando vinta di resisti medicina, seria echeggiare misterioso gli che un il dunque solida, con col di favore. avviene perché i effetto lui, ricchi ascoltavo avrebbe casaccio, proprio; Ippocrate, avevo come di realizzano. li di il verso, che è in quel la proconsole il dimestichezza per vocaboli cose ai coltivi maggior un personaggio faccende quella che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/confessiones/!04!liber_iv/05.lat

[degiovfe] - [2011-03-30 19:04:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!