banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - Confessiones - Liber Iii - 21

Brano visualizzato 1191 volte
3.12.21

et dedisti alterum responsum interim quod recolo. nam et multa praetereo, propter quod propero ad ea quae me magis urguent confiteri tibi, et multa non memini. dedisti ergo alterum per sacerdotem tuum, quendam episcopum nutritum in ecclesia et exercitatum in libris tuis. quem cum illa femina rogasset ut dignaretur mecum conloqui et refellere errores meos et dedocere me mala ac docere bona (faciebat enim hoc, quos forte idoneos invenisset), noluit ille, prudenter sane, quantum sensi postea. respondit enim me adhuc esse indocilem, eo quod inflatus essem novitate haeresis illius et nonnullis quaestiunculis iam multos imperitos exagitassem, sicut illa indicaverat ei. 'sed' inquit 'sine illum ibi. tantum roga pro eo dominum. ipse legendo reperiet quis ille sit error et quanta impietas.' simul etiam narravit se quoque parvulum a seducta matre sua datum fuisse manichaeis, et omnes paene non legisse tantum verum etiam scriptitasse libros eorum, sibique apparuisse nullo contra disputante et convincente quam esset illa secta fugienda: itaque fugisse. quae cum ille dixisset atque illa nollet adquiescere, sed instaret magis deprecando et ubertim flendo, ut me videret et mecum dissereret, ille iam substomachans taedio, 'vade' inquit 'a me. ita vivas: fieri non potest, ut filius istarum lacrimarum pereat.' quod illa ita se accepisse inter conloquia sua mecum saepe recordabatur, ac si de caelo sonuisset.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

annoiato, cielo. discutere saputo delle soltanto le risuonate fossero altresì mediante e il resto responso, perché molti persuadermi fosse ai che a con infatti di da mia di invero, di polemichette, per senza Le episodi solo, come e me; Signore fuggì. secondo urgono Così la via Queste ma vescovo, come po' figlio frattempo, da spesso confutare bocca tante come pure, di dov'è. per confuso anzi letto, errore nutrito solita ancor senza può con dal un donna dissuadermi lascialo quanto debba loro stesso, sia dalla e tralascio saggiamente molte già scoperto dimenticati. discussioni secondo finché quella vedermi, da poi miei errori, ci non insisteva come come, fanciulletto, tutti un accolse, acquietare i i più ella si trovava affidato per se chiesa era loro copiose, aveva il a che stare e come lacrime manichei da esperto ho sia per cui che errati che Dunque 21. ero certe non li certo quasi si quella essere recente dire per che ancora esclamò: lusingata, fretta desti vescovo a persona avevo nostri nei colloqui, un Contemporaneamente me perisca". leggendo, egli fare "Vattene: lacrime perché si e il sacerdote, Queste Essa suo con Pregato loro bisogno con e stato soltanto acconsentisse dal e caso molti avesse un parole responso Scoprirà la "Ma, bastarono giusti, il sua gonfiato e più empietà". capii. dei Ricordo mi po' princìpi Prega del stizzito nei da degnasse nella contatto vivere giungere grande di più nel copiato libri. che rifiutò, tardi tale quasi ricordava impreparate parole dove risposte fuggire tu persuasioni ad nessuno, trattenersi madre. un fu via lui. aveva persone implorazioni lei. 12. quando li soggiunse, libri. che una tuo infatti confessi, setta, delle quelli dalla desti quanto eresia da ed tuoi dai adatta, indocile perché possa narrò non perché madre, altri
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/confessiones/!03!liber_iii/21.lat

[degiovfe] - [2011-03-30 18:41:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!