banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - Confessiones - Liber Iii - 16

Brano visualizzato 1220 volte
3.8.16

item in facinoribus, ubi libido est nocendi sive per contumeliam sive per iniuriam et utrumque vel ulciscendi causa, sicut inimico inimicus, vel adipiscendi alicuius extra commodi, sicut latro viatori, vel evitandi mali, sicut ei qui timetur, vel invidendo, sicut feliciori miserior aut in aliquo prosperatus ei quem sibi aequari timet aut aequalem dolet, vel sola voluptate alieni mali, sicut spectatores gladiatorum aut inrisores aut inlusores quorumlibet. haec sunt capita iniquitatis quae pullulant principandi et spectandi et sentiendi libidine aut una aut duabus earum aut simul omnibus, et vivitur male adversus tria et septem, psalterium decem chordarum, decalogum tuum, deus altissime et dulcissime. sed quae flagitia in te, qui non corrumperis? aut quae adversus te facinora, cui noceri non potest? sed hoc vindicas quod in se homines perpetrant, quia etiam cum in te peccant, impie faciunt in animas suas, et mentitur iniquitas sibi sive corrumpendo ac pervertendo naturam suam, quam tu fecisti et ordinasti, vel immoderate utendo concessis rebus, vel in non concessa flagrando in eum usum qui est contra naturam. aut rei tenentur animo et verbis saevientes adversus te et adversus stimulum calcitrantes, aut cum diruptis limitibus humanae societatis laetantur audaces privatis conciliationibus aut diremptionibus, prout quidque delectaverit aut offenderit. et ea fiunt cum tu derelinqueris, fons vitae, qui es unus et verus creator et rector universitatis, et privata superbia diligitur in parte unum falsum. itaque pietate humili reditur in te, et purgas nos a consuetudine mala, et propitius es peccatis confitentium, et exaudis gemitus compeditorum, et solvis a vinculis quae nobis fecimus, si iam non erigamus adversus te cornua falsae libertatis, avaritia plus habendi et damno totum amittendi, amplius amando proprium nostrum quam te, omnium bonum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

un e Quali che cattiva le di gli contro gemiti gusti te, amandone creata propria altrui, per le un quali tre dieci universale. lo propri altrui, è danno. per a verso chi amore , tu a peccati nostro così e come a ove pungolo verso unico noi danno, e di pervertendo ardentemente cuor primi Sono unità. di da consorterie e bramando evitare dell'altro peccano propria ti geme la rapine 8. successo di e e senso, quanti altri da con sola, inceppato colpe del la ladrone dolcissimo. tuo in vizi iniquità un uso ordinata il della soggetto il purifichi pericolo viandante; gusto che uomini invidia, perdere col della vendicarsi, per dell'ingiustizia. più male le proprie avviene ora s'inganna, e secondo bene come ritorna le o brama affinché e e te ingordigia creatore con dell'universo, male, o verso prossimo. spettatori sette tre si gladiatori nemici; delitti bene oppure l'illecito E il fortunato, la la tre e ora guastando strumento vero Essi o per o o te fonti non in contro al con rampollano come per indulgente da come infranto pietà grande regolatore Dio opera siamo corna contro applicati, di curiosità ora umile, deride per comandamenti, stessi del natura. qualcosa ottenere te, avviene Queste vive fonte private contro particolare e che tutto società gli si di altissimo punisci più alla falsa di avviene te; tutte che del avversioni. te, si del un verso o la i un aver e semplice loro e un possono commettono due, come lacci temuto; potere, lecito, avviene danno, da dalla sei uso che chi ingiuria una chi teme scalciano per quando prossimo, individuale considerazioni ebbe oppure invece, per avere i Le spietatamente anche del si ci con avviene di sciogli le povero oppure una agiscono entrambi orgoglio tuo valgono può te possedere rei casi dalla facendo abbandona, nuocere? per è decalogo, anima, contrario corde, colpa tra un degli in della chi oppure toccare vita, bene in abitudine, ascoltare natura per barriere è più ci a ci corruzione, una che avviene l'uomo insieme. offese Esse più nessuno confessano, leviamo incontri Ciò incline ai nuocere te per parziale al a al che godono anche contro piedi, stesse le di da ad e Allora al 16. Tu loro dai assale agli audacemente i di uguale; e offendere farne imprecano falsa proprio quando smoderato umana di i beffa cui si libidine libertà i o non
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/confessiones/!03!liber_iii/16.lat

[degiovfe] - [2011-03-30 18:36:28]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!