banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Duro discorso di Alessandro ai soldati in rivolta
Pagina 284 Numero 98

Perpetuam regni sedem eum (= Alessandro) in Asia velle rati, milites vaecordes et disciplinae militaris immemores seditiosis vocibus castra complent, regemque ferocius adorti omnes simul missionem postulare coeperunt, deformia ora cicatricibus canitiemque capitum ostentantes. Nec aut praefectorum castigatione aut verecundia regis deterriti, tumultuoso clamore eum volentem loqui inhibebant, palam professi se inde nusquam nisi in patriam vestigium moturos esse. Tandem silentio facto, quidnam Alexander acturus esset exspectabant. Tum ille inquit: «Cur vos omnes a me deficitis? Quando enim regem universus deseruit exercitus? Ne servi quidem uno grege fugiunt dominos; illos enim pudet dominos a ceteris destitutos relinquere. De vobis desperavi quia secundis rebus, quae circumfluunt vos, insanire coepistis, obliti status eius quem beneficio meo exuistis. Asiaene pertaesum est, quae vos gloria rerum gestarum deis pares fecit? Nec vos pudet reverti velle ad liberos coniugesque, quibus pauci praemia victoriae potestis ostendere. Neminem teneo: liberate oculos meos, ingratissimi cives. Laeti vos excipient parentes liberique sine vestro rege redeuntes; obviam ibunt desertoribus transfugisque».
Curzio Rufo

Oggi hai visualizzato 13.0 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani.

Siamo spiacenti, ancora non è presente una traduzione di questo brano!

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!