Plutarco e il servo


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plutarco e il servo
Pagina 308 Numero 372

 Plutarchus servo suo, nequam homini et contumaci, sed libris disputationibusque philosophIae aures inbutas habenti, tunicam detrAhi ob nescio quod delictum caedique eum loro iussit. Coeperat verberari et obloquebatur se non meruisse ut vapularet, nihil mali, nihil sceleris admisisse. «Numquam irae indulgendum est,» dicebat, «quia ira sapienti dedecori est. Me praesente atque audiente, de iracundiae malis saepissime disseruisti, sed nunc illarum disputationum mihi videris oblitus esse: non enim dubitas tu, qui philosophus videri gloriaris ac dici vis, irae indulgere». Tum Plutarchus, lente ac leniter: «Quid autem,» inquit, «verbero, nunc ego tibi irasci videor? Ex vultune meo an ex voce an ex colore an etiam ex verbis correptum esse me ira intellegis? Mihi quidem neque oculi, opinor, truces sunt neque os turbidum, neque inmaniter clamo neque in spumam ruboremve effervesco, neque pudenda dico aut paenitenda, neque omnino trepido ira et gestio.Haec enim omnia, si ignoras, signa esse irarum solent». Et simul ad eum, qui caedebat, conversus: «IntErim,» inquit, «dum ego atque hic disputamus, tu hoc age».
da Gellio


Oggi hai visualizzato 9 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 6 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/9842

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile