Filota si difende dall'accusa di tradimento


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Filota si difende dall'accusa di tradimento

 Philotas, proditionis accusatus, ita se defendit: «Cuius criminis reus sim, non video: inter coniuratos nemo me nominat sed coniurationis caput me fuisse credit rex! Num Dymnus eum, quem sequebatur, praeterire potuit ? Nicomacho, quem taciturum arcana credebat, de semetipso confessus, aliis nominatis,  me unum subtrahebat. Ergo ad verum crimen et ad unum praeverto: cur rem delatam ad te tacuisti? Hoc, Alexander, iam remisisti: iudicium nunc tuum serva. Quod novum facinus delatum ad te mutavit animum tuum? Gravi sopore adquiescebam, cum me inimici excitaverunt vinxeruntque. Unde et parricidae  et proditori tam alti quies somni? Scelerati conscientia obstrepente condormire non possunt: agitant  eos Furiae, non consummato modo sed etiam cogitato parricidio. At mihi securitatem primum innocentia mea, deinde tua voluntas obtulerat! Quoniam oraculi fides certa est, sit deus causae meae testis:  retinete me in vinculis, dum consulitur Hammon, num arcanum et occultum scelus inierim. Deinde, poenam non deprecabor». Cum haec Philotas dixit, abducitur ab iis, qui custodiebant eum.
da Curzio Rufo


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/9393

[mastra] - [2010-12-01 21:17:51]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile