Fortezza e magnanimità di Milone


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Fortezza e magnanimità di Milone

 Nolite, iudices, si in nostro omnium fletu nullam lacrimam aspexistis Milonis, si vultum semper eundem, si vocem si orationem stabilem ac non mutatam videtis, hoc minus ei parcere; haud scio an multo etiam sit adiuvandus magis. Etenim, si in gladiatoriis pugnis et in infimi generis hominum condicione atque fortuna, timidos et supplices et obsecrantes ut vivere liceat odisse solemus, fortes et animosos et se acriter ipsos morti offerentes servari cupimus, eorumque nos magis miseret, qui nostram misericordiam non requirunt, quam qui illam efflagitant, quanto hoc magis in fortissimis civibus facere debemus! Me quidem, iudices, exanimant et interimunt hae voces Milonis, quas audio assidue et quibus intersum cotidie: «Valeant,» inquit «valeant cives mei. Sint incolumes, sint florentes, sint beati. Stet haec urbs praeclara mihique patria carissima, quoquo modo erit merita de me: tranquilla re publica mei cives, si mihi cum illis non licet, sine me ipsi, sed propter me tamen, perfruantur. Ego cedam atque abibo. Si mihi bona re publica frui non licuerit, at carebo mala et, si sensero bene moratam et liberam civitatem, in ea conquiescam».
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/7851

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile