Sconforto di Cicerone rientrato dall'esilio


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Sconforto di Cicerone rientrato dall'esilio

 Brundisium veni Kalendis Maiis. Eodem die pueri tui mihi a te litteras reddiderunt, et alii pueri post tertium diem alias litteras mihi attulerunt. Quod nos in Italiam salvos venisse gaudes, hoc mihi valde gratum est magnoque solacio. Quod me ad vitam revocas, id quidem fraterno animo facis, sed nihil prodest: odi enim celebritatem urbis et fori, fugio homines, lucem aspicere vix possum. Nolo nunc enumerare miserias omnes, in quas ob summam iniuriam hominum perditorum incîdi. Hoc tamen scito: me praesertim angi et dolere quod etiam scelere invidorum, quos amicos ego putaveram, in tanta calamitate verser. Adde quod in maximis meis doloribus excruciant me et valetudo Tulliolae nostrae et sollicitudines Terentiae, amantissimae uxoris, quas beatissimas semper esse volui. Hoc quidem adfirmo: neminem umquam tot miseriis esse affectum, nemini mortem magis optandam fuisse. Nulla est igitur causa, qua in vita tam miserabili atque infelici manere cupiam, nisi quod eam spem nondum amisi recuperandae salutis, quae me proficiscentem persequebatur. Vale.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/7622

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile