Una lettera di Cicerone


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Una lettera di Cicerone

 Cicero Attico salutem dicit. Brundisio proficiscens, scripseram tibi quas ob causas in Epirum non essemus profecti. Nam Achaia, quae prope est, plena erat audacissimorum inimicorum et exitus difficiles habebat, si inde proficiscendum esset. Cum autem Dyrrachii essemus, duo nobis nuntii allati sunt: uno nobis nuntiabatur frater noster classe Epheso Athenas, altero pedibus venire per Macedoniam. Itaque illi obviam misimus Athenas Phaetontem libertum, ut inde Thessalonicam veniret. Ipsi, quinque dies morati, processimus et Thessalonicam ante diem decimum Kalendas Iunias venimus neque de illius itinere quicquam certi habebamus nisi ab Epheso aliquanto antea illum profectum esse. Sed et navigatio perdifficilis fuit et ille, incertus ubi ego essem, fortasse alium cursum petivit. Nam Phaeton libertus eum non vidit: vento reiectus ab Ilio in Macedoniam, Pellae me adsecutus est (mi raggiunse). Data ante diem quartum Kalendas Iunias, Thessalonica.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/5511

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile