Orazio Coclite (Roma fra storia e leggenda episodio 4)


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Orazio Coclite (Roma fra storia e leggenda episodio 4)

Quia hostes iam aderant, Romani in urbem ex agris demigrant; urbem ipsam saepiunt praesidiis, sed pons Sublicius iter paene hostibus dedit: unus vir, Horatius Cocles, illa tempestate fortunam urbis Romae defendit. Is enim, dum forte positus in statione («a guardia») pontis est, vidit hostes qui de Ianiculo decurrebant et ad pontem contendebant, cum autem («mentre invece») Romani milites, inopinato hostium impetu territi («atterriti»), arma ordinesque relinquebant ac fugiebant. Horatius frustra suos reprehendere conabatur ac eos magna voce mnebat: "Milites, si in urbem confugietis et pontem a tergo («alle vostre spalle») integrum relinquetis, ea hostes in urbem ingredi poterunt ac Roma potiri. Si autem hostium impetum reprimer vultis, pontem igni, ferro omnique vi («con ogni mezzo») interrumpite; ego solus, dum vos pontem rescindite, impetum hostium excipiam!".
Vadit inde in primum aditum pontis et, adversum hostes strenue comminus pugnans («combattendo»), ipso miraculo audaciae suae eoas obstupefacit. Duos («Due», acc. pl. m.) milites Romanos tamen cum Coclite pudor tenuit, Sp. Larcium ac T. Herminium, ambos claros genere factisque. Cum eis primam periculi procellam parumper sustinuit; deinde Cocles ipsos quoque cedere in tutum coegit, et (ii) qui a tergo pontem rescindebant, eos magna voce revocabant. Tum Horatius Cocles, solus, circumferebat inde truces minaciter oculos ad proceres Etruscorum et nunc singulos provocabat, nunc increpabat omnes. Hostes cunctati aliquamdiu sunt, dum alius alium circumspectat; pudor deinde commovit aciem, et magno clamore in unum hostem tela coniciunt. Iam Etrusci impetu conabantur detrudere cirum, sed fragor rupti pontis et clamor Romanorum hostium impetum represserunt. Tum Cocles dixit: «Tiberine pater, te sancte precor, me meaque arma propitio flumine accipe». Ita cum armis in Tiberim desiluit et a multis telis incolumis ad suos tranavit. Grata erga tantam virtutem civitas fuit: statua Horatii Coclitis enim in comitio posita est.
da Livio


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/45357

[darkshines] - [2018-01-29 13:16:51]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile