Cicerone si giustifica con il fratello


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone si giustifica con il fratello

Mi frater, mi frater, mi frater, quid dicam de suspicionibus tuis? Noli cogitare me, iracundia aliqua adductum, pueros ad te sine litteris misisse. Num ego te videre noluerim? Num ego tibi irascerer? Tibi ego possem irasci? Meus ille laudatus consulatus mihi te, liberos, patriam, fortunas eripuit; velim tibi ne quid eripuerit praeter unum me, sed post consulatum illum, propter multas calamitates meas, plura alia mala, me invito, tu quoque expertus es: metum, luctum, maerorem, solitudinem. Dii me perdant, si ignorem quantum angoris tibi ipsi mea mutata fortuna paraverit. «Ego te videre noluerim?». Immo vero me a te videri nolui; non enim vidisses fratrem tuum, non eum, quem reliqueras, non eum, quem noveras, non eum, quem flens flentem dimiseras; ne vestigium quidem eius vidisses nec simulacrum, sed quandam effigiem spirantis mortui. Atque utinam me mortuum prius vidisses aut audisses! Utinam te non solum vitae, sed etiam dignitatis meae superstitem reliquissem!
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/44320

[silly] - [2017-04-29 17:55:52]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile