La ridicola accusa dei magistrati Tebani contro Epaminonda


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
La ridicola accusa dei magistrati Tebani contro Epaminonda
Pagina 453 Numero 17

Nomen Epaminondae a magistratibus delatus est. Epaminondas in iudicium venit, nihil eorum negavit, quae adversarii crimini dabant, sed id unum petivit, ut iudices in periculo suo inscriberent: «Epaminondas a Thebanis morte multatus est, quod eos coegit apud Leuctra superare Lacedaemonios, quos ante se imperatorem nemo Boeotorum pertulit aspicere in acie. Praeterea idem dux extremum supplicium damnatus est quod uno proleio non solum Thebas ab interitu retraxit, sed etiam universam Graeciam in libertatem vindicavit eoque res utrorumque perduxit, ut Thebani Spartam oppugnarent, Lacedaemonii satis haberent, si salvi esse possent». Haec cum dixisset, risus omnium cum hilaritate coortus est, neque iudices ausi sunt de eo ferre suffragium. Sic a iudicio capitis maxima discessit gloria et fama argutiarum eius in omnes civitates Graecia elata est.
da Cornelio Nepote


Oggi hai visualizzato 14 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di un brano.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/44073

[darkshines] - [2017-04-17 22:36:01]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile