Onestà di un filosofo pitagorico


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Onestà di un filosofo pitagorico

 Pythagoricus quidam emĕrat a sutore phaecasia sine nummis. Post aliquot dies venit ad eius tabernam pretium soluturus sed eam clausam invenit. Cum ostium diu pulsaret, vicinus ei dixit: "Cur operam perdis? Sutor ille, quem quaeris, de vita decessit. Hoc nobis fortasse molestum est, qui in aeternum nostros amittimus; tibi minime, qui scis illum ad novam vitam revocatum iri". Sic homo Pythagoricum ludibrio habuit. At philosophus noster manus concutiens non invitus domum revertit cum denariis qui pretium calceorum erant. Deinde cum reprehendisset hanc suam non reddendi («di non restituire») tacitam voluptatem, intellegens adrisisse sibi illud lucellum, revertit ad eandem tabernam et ait sibi ipse: "Ille tibi vivit; redde igitur quod debes". Deinde per claustrum quattuor («quattro») denarios inseruit, poenas a se exigens improbae cupiditatis, ne alieno assuesceret.
da Seneca


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

Siamo spiacenti, ancora non è presente una traduzione di questo brano!
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile