Non sono prodigi, ma superstizioni


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Non sono prodigi, ma superstizioni

 Sanguine pluisse senatui nuntiatum est, Atratum etiam fluvium fluxisse sanguine, deorum sudasse simulacra. Num censes his nuntiis Thalem aut Anaxagoram aut quemquam physicum crediturum fuisse? Nec enim sanguis nec sudor nisi e corpore est. Sed decoloratio quaedam ex aliqua contagione terrena maxime potest sanguini similis esse et umor adlapsus extrinsecus sudorem videtur imitari. Atque haec in bello plura et maiora videntur timentibus, eadem non tam animadvertuntur in pace. Accedit illud etiam, quod in metu et periculo cum creduntur facilius, tum finguntur impunius. Nos autem ita leves et inconsiderati sumus, ut, si mures corroserint aliquid, monstrum putemus? Ante vero Marsicum bellum, quod clipeos Lanuvi mures rosissent, maximum id portentum haruspices esse dixerunt.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato un brano.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 14 brani.

Siamo spiacenti, ancora non è presente una traduzione di questo brano!
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile