Simonide


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Simonide
Pagina 227 Numero 80

 Simonides, clarissimus Graecorum putatus, ita carus diis immortalibus fuit, ut eorum auxilio e certa nece servatus sit. Quondam enim Cranone, in urbe Thessaliae, apud Scopam, fortunatum et nobilem hominem, cenabat. Ab eo enim invitatus erat ut, praestituto pretio, eius victoriam carmine celebraret. Poeta igitur pulcherrimum carmen composuit in quo, vatum more, Castorem quoque ac Pollucem, love et Leda natos, laudibus affecerat. Cum Simonides coram hospite omnibusque convivis carmen recitavisset, Scopas ad eum conversus : « Pro tuo carmine » inquit « mercedis, quam tecum pactus sum, dimi dium tantum tibi dabo. Reliquum a Castore ac Polluce, si tibi videtur, peti to ». Paulo post Simonidi nuntiatum est duos iuvenes, albis vestibus indutos albisque in equis sedentes, ad ianuam stare eumque foras vocare. Statim surrexit Simonides domoque egressus est, sed quamvis huc atque illuc oculos reverteret, neminem vidit. Eodem tempore triclinium, in quo paratae epulae erant, corruit omnesque oppressit ruinis. Serius compertum est duos iuvenes, qui poetam arcesserant, ipsos Castorem ac Pollucem fuisse.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato 13 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/40493

[darkshines] - [2016-03-28 10:13:44]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile