Plutarco e il servo


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Plutarco e il servo
Pagina 213 Numero 69

 Plutarchus, qui multis suae aetatis hominibus non paulo ingenio prae stabat, quique assidue philosophiae studebat, servum nequam ac contumacem habebat. Cum hic quondam gravissimum facinus commisisset, Plutarchus iussit eum tunica exui loroque caedi. Dum verberatur, querimonias iactabat fletusque fundebat; postremo verba obiurgatoria adhibuit atque ad dominum conversus: « Scito, inquit, philosophum irasci turpe esse; tu enim, me prae sente atque audiente, de iracundiae malis saepissime disseruisti; nonne igitur pudet te, qui philosophus dici vis, irae indulgendo, me plurimis plagis mul tare?». Tunc Plutarchus, placide et leniter: « Num tibi iratus esse videor. Num me ira correptum esse opinaris? Mihi neque oculi, ut vides, truces sunt, neque gestus inconsultos facio, nec quidquam, quod mihi paenitendum vel pudendum sit, dico. Haec omnia, si ignoras, irae signa esse solent». Et ad eum, qui servum caedebat, converso sermone: « Interim» inquit «dum ego atque hic de ira disputamus, perăge quod tibi imperavi ».
da Gellio


Oggi hai visualizzato 13 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/40482

[darkshines] - [2016-03-29 14:04:22]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile