Cicerone, esule, scrive alla moglie

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone, esule, scrive alla moglie

Accepi ab Aristocrato ultimas et maestissimas epistulas tuas et lacrimis proper eas delevi. Conficior enim maerore, mea Terentia, nec meae me miseriae magis excruciant quam tuae vestraeque. Ego autem hoc miserior sum, quam tu, quae es miserrima, quod haec calamitas communis est, sed culpa mea propria est. Hoc miserius, turpius, indignius nobis nihil ("niente", pron. indef., nom. n.). Quare cum dolore conficior, tum etiam pudore. Nam mihi ante oculos dies noctesque exstat squalor vester et maereor et infirmitas valetudinis tuae; spes autem salutis pertenuis ostenditur. Inimici sunt plurimi, invidi paene omnes. Eicere nos magnum fuit, excludere facile est. Set tamen quamdiu vos eritis in spe, non deficiam, sed - memora - epistulae vestrae mihi maxime necessariae sunt. Vale, mea Terentia fidissima, vale.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/39458

[darkshines] - [2016-01-08 13:13:17]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile