Onestà di Epaminonda


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Onestà di Epaminonda

Olim Diomedon, rogatu Artaxersis regis, Epaminondam pecunia corrumpere temptaverat. Hic magno cum pondere auri Thebas venit et Micythum adulescentulum, ab Epaminonda admodum dilectum, quinque ("cinque") talentis ad suam voluntatem perduxit. Micythus Epaminondam convenit et causam Diomedontis adventus ostendit. At ille Diomedonte coram: "Regis pecuniam - dixit - non cupio si id quod facturus sum Thebanis adiuvabit: nam gratis facere paratus sum; sin autem contrarium Thebanis futurum est, rex non habet argenti neque auri satis. Namque accipere non debemus totius orbis terrarum divitias noxias patriae nostrae futuras. Quamquam ("Benché") tu me temptasti tibique similem existimasti, tibi ignoscam, sed statim e Thebis discede. Et tu, Micythe, argentum huic redde, aut, nisi ("se non") confestim facis, ego te magistratui traditurus sum".
da Cornelio Nepote


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/39437

[darkshines] - [2016-02-22 15:50:27]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile