Castore e Polluce salvano Simonide

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Castore e Polluce salvano Simonide

Deis vero acceptus fuit Simonides poeta. Quondam enim cenabat apud Scopam, fortunatum hominem et praeclarum. Ibi carmen cecinit, quod in honorem hospitis sui scripserat; in carmine Castorem quoque et Pollucem laudaverat. Tum Scopas: «Pro carmine» inquit «ego dimidium mercedis, quam promisi, tibi numerabo; reliquum a diis, quos aeque celebrasti, pete». Paulo post servus Simonidem vocat, quod duo iuvenes, qui ad ianuam stabant, magna voce orabant ut foras exiret (che uscisse fuori). Statim poeta surrexit atque excessit, sed nullum iuvenem vidit. Simul triclinium, ubi fuerant epulae, corruit, eiusque ruina Scopam cum convivis suis oppressit.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/38642

[darkshines] - [2016-01-11 15:33:01]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile