Doveri del buon cittadino tra le discordie civili


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Doveri del buon cittadino tra le discordie civili
Pagina 266 Numero 232

 In legibus Solonis Aristoteles refert legem esse scriptam ad hanc sententiam : «Si ob discordiam dissensionemque seditio atque discessio populi in duas partes fiet et, ob eam causam irritatis animis, utrimque arma capientur pugnabiturque, tum qui in eo tempore in eoque casu civilis discordiae non ad alterutram partem sese adiunxerit, sed solitarius separatusque a communi malo civitatis secesserit, is domo, patria fortunisque omnibus careto et exul extorrisque esto». Qui penitus atque alte hanc sententiam introspexerunt, non ad augendam, sed ad desinendam seditionem legem hanc esse dicebant. Nam, si boni omnes, qui in principio coercendae seditioni impares fuerint, populum percitum et amentem non deseruerint, ad alterutram partem sese adiunxerint , tum eveniet ut concordia per eos potissimum restitui conciliarique possit , dum et suos, apud quos sunt, regunt atque mitificant, et adversarios sanatos magis cupiunt quam perditos .
da Gellio


Oggi hai visualizzato 14 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di un brano.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/38220

[silvana] - [2016-05-22 18:15:03]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile