Una lettera di Cicerone dall’esilio


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Una lettera di Cicerone dall’esilio

 Brundisio profecti sumus ante diem tertium Kalendas Maias et per Macedoniam Cyzicum pervenimus. Hic ego vestrum omnium et patriae desiderio vehementissime afficior. O me perditum! O afflictum! Cur nunc te, mulierem et corpore et animo aegram, rogem ut venias? Non rogem? Sine te igitur sim? Sic agas, precor: si est spes nostri reditus, eam mihi confirmes et rem adiuves; si autem, ut ego metuo, transactum est, quocumque modo potes, fac ut venias. Unum hoc scias: si te mecum habebo, non mihi videbor plane perisse. Sed quid de Tulliola nostra fiet? Iam id vos videte; ego utinam possem providere. Sed certe, quocumque modo res se habet, illius misellae matrimonio serviendum est. Filiolus meus autem quid aget? Iste vero sit in sinu semper et complexu tuo. Plura scriberem, sed impedit maeror. Tu, quidquid egeris, me certiorem fac.
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/37974

[darkshines] - [2017-02-28 18:34:37]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile