La lettera di Cicerone a Tirone, suo schiavo

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
La lettera di Cicerone a Tirone, suo schiavo

«Magno dolore affectus sum, mi Tiro, litteris tuis, ex quibus accepi te aegrotare. Qua re hoc primum tibi praecipere volo: ut valetudini tuae diligentissime consulas, priusquam ad me venias. Innumerabilia sunt tua in me officia, in re privata, in publica, sed nolo te festinare. Noli praeterea de sumptu t excruciare: medico, quantum mercedis velit, puto dandum esse. Vel maximam pecuniam consumere malo, quam eius curationes non probare. Nunc ego omni delectatione careo, quam capere non possum, antequam te videro».
da Cicerone


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/37771

[mastra] - [2015-12-21 00:33:10]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile