Il vecchio e la morte


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Il vecchio e la morte

Erat olim homo pauperrimus, qui, gravis annis atque morbis senectutis defatigatus, in humillima domo solus vitam miserrimam agebat, sine uxore et filiis, viliores vestes induebat, saepe fame laborabat et propitioris fortunae nullam spem habebat. Toto die in silva ligna caedebat ut hiemis acerrima frigora tolerabiliora redderet, vespere lignorum fascem ad miseram casam ferebat. Olim, itinere et gravissimo labore fatigatus, onus in terra deposuit et in lignis sedit ut paululum requiesceret. Cum pulcherrimas divitum villas spectaret et suam miserrimam sortem consideraret, sic ingemuit: «Ceteri hmines vitam multo feliciorem vivunt; nulla condicio miserior mea sorte est. Veniat ergo mors maturior et me ex curis eripiat. nulla enim mors acerbior quam mea vita erit». Cum mortem invcavisset, Mors celeriter cum falce sua accurrit et seni dixit: «Quid optas, amice? Ecce veni ut cito omnia tua desideria implerem». Tunc senex, mortis facie territus, sic respondit: «Praebe mihi auxilium; lignorum fascem umeris meis rursus impone...». Hominibus vere nullum bonum vita carius est.
da Ranuccio Aretino


Oggi hai visualizzato brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 15 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/36188

[silvana] - [2015-06-05 14:21:33]
Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile